CULTURA LETTURE

Beer & Book, il noir Pentole e pistole approda al Tabir

MATTEO SCHINAIA
Scritto da MATTEO SCHINAIA

Mercoledì 14 marzo si recupera l’appuntamento della rassegna letteraria “Beer & Book” al Tabir, inizialmente previsto per il 27 febbraio e rinviato per il maltempo. Volta la carta presenta a Taranto “Pentole e pistole”(Radici Future), un ironico ‘noir enogastronomico’ scritto a quattro mani da Franco Caprio e Vito Antonio Loprieno. Dialogherà con loro il giornalista Vincenzo Parabita. Si comincia alle ore 19. L’ingresso è libero. Per info: 335.7547169 – 380.4385348

IL LIBRO

Carmine Lo Riccio, nuovo arrivato tra i detenuti del carcere di Morton Hall, fa presto la conoscenza dell’uomo più temuto del braccio, don Pasquale Cicerchia: boss sanguinario, eppure animato da un immenso amore per la cucina. I due si trovano a condividere il lento scorrere del tempo in prigione, l’uggia del cielo inglese attraverso le sbarre e le radici nell’Italia meridionale, ma soprattutto le succulente ricette che don Pasquale ha facoltà di preparare godendo di un eccezionale regime di libertà. Tra un manicaretto e l’altro, un omicidio e una rappresaglia carceraria, l’intreccio tra Carmine e il boss è destinato a trascendere le circostanze delle prigionia. E ha forse origini più lontane. Intanto in Italia un’altra fortezza, il Castello di Bracciano, è il set prescelto per le finali del più grande reality mai prodotto, vera passione televisiva dei detenuti: The Biggest Chef, una sfida internazionale tra cuochi. Tra scena e retroscena, intrighi, misteriose scomparse, spettri del passato e scheletri negli armadi, sostituzioni di persona, e con lo zampino delle più famigerate organizzazioni mafiose del mondo, The Biggest Chef si rivelerà molto più che un semplice programma televisivo: sarà una vera e propria sfida all’ultimo sangue.

Con “Pentole e pistole” gli autori rendono un divertente omaggio al genere poliziesco, giocando proprio con i suoi più inveterati cliché. Il thriller, divertente e a tratti grottesco, è servito, non senza un contorno di appetitose ricette che soddisferanno anche i palati più esigenti.

GLI AUTORI

Franco Caprio è nato a Torino e vive a Conversano (BA) dove lavora come medico. Insieme alla sorella Antonella, ha scritto a quattro mani i romanzi “Il Segreto del Gelso Bianco” (Besa editrice, 2010), opera vincitrice dei Premi Via Po e Libriamola, nonché dell’Oscar PugliaLibre come miglior romanzo edito nel 2010; “Non c’è Cuore – cinico ritratto di scuola” (Betelgeuse, 2012), vincitore dei Premi Scriviamo insieme, Giovane Holden e Montefiore; infine “Nel Silenzio Parlami Ancora” (Besa editrice, 2015), vincitore del Premio Portovenere La Baia dell’Arte e finalista al Premio Sirmione Lugana.

Vito Antonio Loprieno nato a Monterotondo (Roma), ma di origini familiari baresi, ha vissuto per 16 anni a Matera. Appassionato ricercatore della cultura popolare meridionale e della tradizione, ha pubblicato con Il Grillo editore i romanzi “Lorodipuglia” (2010), “Il mare di lato” (2011), “Il tredicesimo papiro” (2013), “Pudore” (2015), la raccolta di ricette e storie della tradizione orale meridionale “Alice nel paese senza triglie” (2015) e il racconto “Il peccato” nella raccolta “The End” (2012).

 

 

Vincenzo Parabita

 




Partecipa alla realizzazione di TEATROMINIMO - 28 posti in 28 metri quadri - per
CABARET | PROSA | MUSICA | MOSTRE | VIDEOCONFERENZE | WORKSHOP
Dona almeno 20 euro per assicurarti la tessera socio e 3 biglietti omaggio!
Grazie al tuo contributo, a Taranto sta per nascere un nuovo spazio culturale a disposizione di artisti ed appassionati.
Clicca qui: www.paypal.me/teatrominimo/
Per ulteriori informazioni: www.facebook.com/teatrominimo28.
Grazie.



Comments

comments

Bio

MATTEO SCHINAIA

MATTEO SCHINAIA

Direttore responsabile di TarantoEventi.it, informa su TuttoSportTaranto.com dal 2009. Dottore in Scienze della Comunicazione, con un master come Addetto Ufficio Stampa. Giornalista pubblicista, scrittore, autore e presentatore televisivo. Nel 2013 è stato premiato come miglior presentatore tv nel "The best of" di All Sport Magazine e nel 2015 insignito del Premio Atleta di Taranto "come riconoscimento per l'ottimo servizio giornalistico reso agli sport cittadini".