CINEMA SPETTACOLO

MOONWATCHERS FILM FESTIVAL Parte “l’edizione zero” del festival cinematografico sperimentale

REDAZIONE
Scritto da REDAZIONE

C’è grande attesa per l’inizio del Moonwatchers Film Festival.

Il nome è tratto dall’associazione culturale che organizza l’evento, “MoonWatchers, attiva sul territorio dal 2013 per promuovere il cinema d’autore.

L’obiettivo consiste nella “sperimentazione” cinematografica. Il concorso offre la possibilità ai registi “sperimentali” di emergere.

Il Festival si terrà nei giorni 24 e 25 luglio a Largo Lepanto, nella piazza della Chiesa Matrice di Statte, dalle ore 21 e la serata sarà presentata dalla giornalista Deborah Notarnicola.

Si tratta in realtà di un’edizione “ zero”: una prova, una sfida che gli ideatori hanno lanciato ai partecipanti più audaci.

Le categorie del concorso sono: MoonWatchers e Localmente.

Nella MoonWatchers i cortometraggi spaziano nella sperimentazione, tentando nuovi approcci nel linguaggio cinematografico. Aperti ad ogni tipo di provocazione artistica, non si limitano solo ai generi scontati come il fantascientifico, ma anche a drammi e commedie.

La parola chiave è “osare”.

Localmente” è la categoria meno articolata.

E’ l’espressione  dei registi tradizionali, che tendono a valorizzare i luoghi e le trattazioni locali.

Il concorso prevede l’assegnazione di tre premi, i due omonimi per le due categorie ed  il terzo  sarà il “premio assoluto pubblico”, che durante la serata avrà l’occasione di votare.

In ogni sezione concorrono cinque cortometraggi, (dieci in tutto), di registi emergenti locali ed internazionali.

La giuria è composta da Umberto Sardella (attore); Mara Venuto (editrice e ghostwriter);  Vincenzo Carriero (giornalista e direttore di Cosmopolis); Gianluca Fumarola (regista e critico cinematografico); Domenico Palattella (critico cinematografico); Giorgio Rossano (scrittore); Gianmarco De Francisco (architetto e disegnatore).

I corti selezionati ed attualmente in gara sono i seguenti:

Per la sezione MOONWATCHERS
– 7,83 Hz (di Theo Putzu) – luogo di provenienza: Italia
– Apropiacion Indebida (di Ana Marìa Ferri) – luogo di provenienza: Spagna
– Des deux l’une est l’autre (di Francesco Tinella) – luogo di provenienza: Italia
– Vita fuori campo (di Alessandro Marinaro) – luogo di provenienza: Italia
– Wuswusul (di Marco Capurso) –  luogo di provenienza: Italia

Per la sezione LOCAL-MENTE:
– Due Volte (di Domenico Onorato) –  luogo di provenienza: Italia
– Familienurlaub (di Fabian Giessler) – luogo di provenienza: Germania
– Fueco e Cirasi (di Romeo Conte) – luogo di provenienza: Italia
– Isabella (di Claudio Pelizzer) – luogo di provenienza: Italia
– La condena (di Marc Nadal) –  luogo di provenienza Spagna 

Il media partner dell’evento è CosmoPolis – Il giornale dei Popoli Mediterranei ed è stato organizzato con il patrocinio del comune di Statte.

L’evento gode della sponsorizzazione del CGIL- Sindacato Pensionati Italiani Statte.

 

D’Urso Maria

Addetto Stampa




Partecipa alla realizzazione di TEATROMINIMO - 28 posti in 28 metri quadri - per
CABARET | PROSA | MUSICA | MOSTRE | VIDEOCONFERENZE | WORKSHOP
Dona almeno 20 euro per assicurarti la tessera socio e 3 biglietti omaggio!
Grazie al tuo contributo, a Taranto sta per nascere un nuovo spazio culturale a disposizione di artisti ed appassionati.
Clicca qui: www.paypal.me/teatrominimo/
Per ulteriori informazioni: www.facebook.com/teatrominimo28.
Grazie.



Comments

comments

Bio

REDAZIONE

REDAZIONE