Almeno 78 morti nella fuga precipitosa dello Yemen durante l’evento di beneficenza del Ramadan

(CNN) Dozzine di persone sono state uccise in una fuga precipitosa nella capitale dello Yemen mercoledì per raccogliere elemosine di beneficenza dai commercianti locali durante il mese sacro del Ramadan, hanno confermato i funzionari.

Il video della tragedia di Sana’a ha mostrato una scena caotica di dozzine di persone ammassate l’una accanto all’altra, incapaci di muoversi e gridando aiuto.

Le persone intrappolate formavano un aggrovigliato muro di corpi, alcuni tendevano le mani per chiedere aiuto. Si vede quindi una coppia liberata che cerca di strappare gli altri dall’attrazione mortale. Le immagini delle conseguenze mostravano scarpe e sandali ammucchiati in pile e sciarpe sparse sul pavimento.

“Quello che è successo stanotte è stato un tragico e doloroso incidente, decine di persone sono rimaste uccise a causa della distribuzione casuale di denaro da parte di alcuni commercianti e del massiccio affollamento di un gran numero di cittadini senza coordinamento con il ministero dell’Interno”. Abdul-Khaliq al-Ajri, portavoce del ministero degli interni gestito dagli Houthi, ha dichiarato in una nota.

Almeno 78 persone sono state uccise e dozzine ferite nella repressione, ha detto all’agenzia di stampa al-Masira Mutahar al-Marouni, direttore dell’ufficio sanitario gestito dagli Houthi a Sana’a.

Secondo Reuters, centinaia di persone si sono riversate nella scuola per ricevere donazioni di 5.000 riyal yemeniti (circa 9 dollari).

Questo screenshot mostra le calzature abbandonate e altri oggetti che giacciono a terra dopo una fuga precipitosa a Sanaa, nello Yemen, il 19 aprile.

L’incidente è avvenuto pochi giorni prima della festa islamica di Eid al-Fitr, che segna la fine del mese sacro musulmano del Ramadan. In questo periodo del mese, le persone iniziano a dare Zakat al-Fitr, o Zakat per rompere il digiuno del Ramadan, a chi ne ha bisogno.

READ  Uno scherzo va sotto copertura con gli adulti. Vorrai sapere com'è andata.

Nase Shaker, un giornalista presente sul posto, ha detto alla CNN che “una lunghissima fila di persone” si era radunata all’ingresso della scuola, utilizzata per cibo e aiuti finanziari. Hanno iniziato a fare la fila dopo il tramonto sperando di ottenere una donazione, ha detto.

Quando gli addetti alla distribuzione sono arrivati ​​e hanno aperto la porta, “molta gente si è riversata nella scuola”.

“È devastante trovare persone che sacrificano la propria vita per soli $ 10”, ha detto Shaker. “Le persone sono molto affamate, le persone sono molto povere”.

Sul posto sono intervenute la polizia e le squadre di soccorso, secondo una dichiarazione del ministero dell’Interno.

“I morti ei feriti sono stati trasferiti negli ospedali e due uomini d’affari responsabili della vicenda sono stati arrestati”, aggiunge il comunicato.

Mahdi al-Mashad, capo del Consiglio politico supremo degli Houthi, ha ordinato giovedì un’indagine sull’incidente.

L’Autorità generale per la Zakat gestita dagli Houthi ha annunciato in una dichiarazione che avrebbe pagato un milione di riyal yemeniti (circa 4.000 dollari) a ciascuna famiglia colpita dalla fuga precipitosa.

Ha detto che si occuperà del trattamento dei feriti e pagherà 200.000 riyal yemeniti (circa 800 dollari) a ciascun ferito.

La peggiore crisi umanitaria del mondo

Lo Yemen è il peggior paese del mondo, secondo le Nazioni Unite Crisi umanitaria. La guerra di nove anni ha ucciso migliaia di persone, distrutto l’economia e ha lasciato 21,6 milioni di persone – due terzi della popolazione del paese – bisognose di aiuti umanitari. Decine di migliaia di yemeniti stanno morendo di fame, afferma l’ONU.

Conflitto del paese È iniziata come una guerra civile nel 2014, le forze Houthi hanno preso d’assalto la capitale, Sanaa, rovesciando il governo riconosciuto a livello internazionale e sostenuto dai sauditi. Si è trasformata in una guerra più ampia nel 2015, quando la coalizione guidata dai sauditi è intervenuta per cercare di sconfiggere gli Houthi.

READ  La SEC statunitense ha fatto causa all'exchange di criptovalute Coinbase il giorno dopo aver fatto causa a Binance

Ma alla fine lo ha fatto Una guerra per procura L’Iran – accusato di armare gli Houthi – è tra l’Arabia Saudita e un’arena chiave nella loro competizione per l’influenza regionale.

Domenica una delegazione saudita è arrivata a Sana’a per colloqui con gli Houthi Mirato a garantire un cessate il fuoco permanente. Venerdì scorso, i colloqui di scambio di prigionieri di tre giorni hanno prodotto quasi 900 prigionieri da entrambe le parti e hanno prodotto enormi risultati. Il capo negoziatore Houthi, Mohammed Abdulsalam, ha twittato venerdì che i colloqui sono stati “intensi e positivi”.

Il giornalista yemenita Shaker ha affermato che la tragedia di mercoledì è stata il risultato di anni di frustrazione economica e che la comunità internazionale “deve agire ora” per porre fine alla guerra.

“Le persone non vengono più uccise dagli attacchi aerei o dai bombardamenti delle parti in guerra. Ora muoiono perché si affrettano a procurarsi il cibo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *