Almeno 8 elettori fraudolenti scagionati nell’indagine sulla Georgia Trump

(CNN) Almeno otto dei “falsi elettori” repubblicani in Georgia hanno accettato accordi di immunità in un’indagine penale in corso sugli sforzi di Donald Trump e dei suoi alleati per truccare le elezioni del 2020 lì. Secondo un nuovo deposito del tribunale.

Il procuratore distrettuale della contea di Fulton Fannie Willis aveva precedentemente annunciato che tutti i 16 elettori fraudolenti del GOP in Georgia erano stati presi di mira nelle sue indagini. Il mese scorso, Willis ha offerto l’immunità a un certo numero di repubblicani che hanno servito come elettori pro-Trump e hanno accettato il deposito.

I co-cospiratori appena assicurati potrebbero fornire approfondimenti su un aspetto chiave dell’ampia indagine di Willis sull’interferenza elettorale: il ruolo dei soci di Trump nell’orchestrare lo sforzo per bloccare la certificazione del voto presidenziale del 2020 e proporre elettori alternativi.

Altri repubblicani che hanno servito come elettori per Trump potrebbero affrontare una maggiore esposizione legale nelle sue indagini, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

La risposta dell’avvocato Kimberly Boroughs DeBrow alla precedente mozione di Willis per squalificare DeBrow dal caso è stata depositata venerdì. DeBrow rappresenta un gruppo di falsi elettori del GOP in Georgia e si è opposto alla mozione per escluderlo dal caso.

“La mozione del procuratore distrettuale è sconsiderata, frivola, offensiva e completamente priva di merito”, ha dichiarato Debrow venerdì.

L’ufficio del procuratore distrettuale ha rifiutato di commentare.

Debrow ha creato un conflitto nella rappresentanza collettiva dei falsi elettori quando l’ufficio del procuratore distrettuale ha depositato una precedente dichiarazione in tribunale secondo cui i falsi elettori avevano iniziato ad accusarsi a vicenda.

READ  Aaron Rodgers e i Jets hanno sognato in grande e ora inizia un viaggio per il Super Bowl

Nel deposito di venerdì, DeBrow ha risposto con forza: “Non c’è alcun merito nell’affermazione del procuratore distrettuale secondo cui un candidato ha incriminato un altro nel loro recente colloquio, e i documenti e le trascrizioni lo confermano”.

L’ufficio del procuratore distrettuale ha accusato DeBrow e un avvocato con cui ha lavorato in precedenza di non aver portato i piani di immunizzazione agli elettori fraudolenti del GOP nel 2022.

DeBrow ha negato tale accusa, affermando che un gruppo di elettori ha respinto “potenziali” accordi di immunità lo scorso anno, ma accordi di immunità specifici e individuali non sono stati offerti fino a questa primavera.

Willis ha recentemente dichiarato in una lettera alle forze dell’ordine locali che intende annunciare possibili accuse contro Trump o i suoi associati tra l’11 luglio e il 1 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *