È in corso un’indagine dopo che 29 persone sono morte in un incendio in un ospedale di Pechino

I risultati preliminari suggeriscono che l’incendio sia partito da materiali pittorici che hanno preso fuoco presso l’ospedale privato Changfeng di Pechino.

I funzionari affermano che il bilancio delle vittime di un incendio in un ospedale privato di Pechino è salito a 29, con un’indagine iniziale che suggerisce che i materiali vernicianti infiammabili hanno preso fuoco durante i lavori di ristrutturazione.

L’incendio è scoppiato nell’ala est dell’ospedale Changfeng di Pechino alle 13:00 (05:00 GMT) di martedì ed è stato spento circa mezz’ora dopo, secondo quanto riferito dai media statali.

Li Zongrong, vice sindaco del distretto occidentale di Fengtai a Pechino, dove si trova l’ospedale, ha espresso le sue “più sentite condoglianze” quando ha annunciato i nuovi dati in una conferenza stampa mercoledì. Tutti tranne tre dei morti erano pazienti.

L’emittente statale CCTV ha riferito che le indagini iniziali suggerivano che l’incendio fosse stato causato da “scintille generate durante la ristrutturazione degli interni e la costruzione dell’unità di degenza dell’ospedale”.

Le scintille “hanno acceso i volatili della vernice infiammabile sul pavimento”, ha detto.

Decine di persone sono state evacuate dall’edificio di sette piani, mentre 39 persone sono in cura per le ferite riportate nell’incendio. I funzionari hanno detto che 3 di loro sono in condizioni critiche e 18 sono critici.

“C’era molto fumo, l’ho visto”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters un anziano residente, che ha chiesto di non essere identificato con il nome di Li.

I funzionari della città hanno visitato il sito poco dopo lo scoppio dell’incendio. Pechino, insieme al segretario del partito Yin Li, ha promesso di “scoprire rapidamente la causa dell’incidente e di ritenere responsabili i responsabili”.

READ  1 morto, quasi 2 dozzine di feriti mentre più tornado attraversano il Mississippi
Gli investigatori all’interno della stanza bruciata all’ospedale martedì notte [Mark Schiefelbein/AP Photo]

Mercoledì scorso, Sun Haitao dell’Ufficio di pubblica sicurezza di Pechino ha annunciato che 12 persone, compreso il direttore della struttura, erano state arrestate in relazione all’incendio, insieme a rappresentanti della società che stava ristrutturando l’ospedale.

È stata avviata un’indagine

Decine di curiosi si sono radunati mercoledì fuori dall’ingresso dell’ospedale, secondo l’agenzia di stampa AFP, dopo il peggior incendio della città in almeno 20 anni. La struttura è stata isolata e gli agenti di polizia erano di stanza al cancello per impedire la fotografia.

Martedì gli utenti dei social media hanno pubblicato video di persone sedute in unità di aria condizionata all’aperto, mentre altri sembravano aver legato le lenzuola a corde improvvisate per scappare dalle finestre.

La morte è stata confermata dopo che le vittime sono state portate d’urgenza in un altro ospedale non identificato per cure di emergenza, afferma il rapporto.

Molti membri della famiglia hanno perso i contatti con i pazienti e i dispersi sono per lo più persone anziane con problemi di mobilità, ha riferito mercoledì il China Youth Daily in un rapporto separato.

Un agente di polizia presente sul posto ha detto all’AFP che la città “probabilmente prenderà accordi appropriati” per prendersi cura dei parenti delle vittime.

Ci vogliono circa 25 minuti di auto dall’ospedale Changfeng dalla centrale piazza Tiananmen.

Gli incendi mortali sono comuni in Cina a causa degli standard di sicurezza permissivi e dell’applicazione permissiva.

Un incendio in un appartamento nel nord-ovest dello Xinjiang a novembre ha ucciso 10 persone, con i blocchi di Covid-19 accusati di aver ostacolato i soccorsi. Le proteste scatenate dalle morti si sono diffuse in tutto il Paese e hanno portato alla fine della strategia cinese zero-covid.

READ  Kylian Mbappé dice al PSG che lascerà il club la prossima estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *