È la fine del mondo per Pence andare duro con Trump sulla graticola

“La storia riterrà Donald Trump responsabile il 6 gennaio”, ha detto Pence a centinaia di giornalisti durante la tipica vicenda umoristica della cravatta bianca. “Non commettere errori: quello che è successo quel giorno è stato un disonore, e ritrarlo in qualsiasi altro modo è un insulto alla dignità. Quello che ha fatto il presidente Trump è stato sbagliato. Le sue parole sconsiderate hanno messo a rischio la mia famiglia e tutti in Campidoglio che giorno.

Pence ha usato parole simili per rivolgersi a Trump nel suo libro, scrivendo che “le parole irresponsabili del suo ex capo mettono a rischio la mia famiglia e tutti coloro che lavorano al Campidoglio”.

Ma i suoi consiglieri vedevano la cena alla graticola come un’opportunità non solo per far eco a quei sentimenti, ma anche per amplificarli. Speravano anche che avrebbe aiutato Pence a conquistare il suo pubblico più scettico in questi giorni: addetti ai lavori e giornalisti di Washington che gli hanno dato poca attenzione all’inizio del 2024.

“Era un pubblico diverso per lui”, ha detto Mark Short, ex capo dello staff del vicepresidente di Pence e suo consigliere senior.

Il mondo di Pence ha creduto a lungo che l’ex membro del Congresso e governatore dell’Indiana potesse intraprendere il percorso verso l’età adulta nel 2024, ora che si trova in una posizione unica per dire la verità al potere poiché è libero dai vincoli della vicepresidenza.

“Mike è in un altro posto dove può essere libero e libero in modi che non credo abbiano altre persone nel settore”, ha detto Short. “Quindi non vedo dove sia al momento. Credo che abbia una buona strada da percorrere.

READ  Gwyneth Paltrow in tribunale all'inizio del processo per lo scandalo Ski del 2016

Una persona vicina a Pence, che ha parlato a condizione di anonimato per parlare senza l’approvazione della nuova campagna, ha osservato che Pence ha più spazio per crescere tra gli elettori delle primarie repubblicane rispetto a un rivale come il governatore della Florida Ron DeSantis.

DeSantis, una persona vicina a Pence, ha affermato che la combinazione di Ronald Reagan e Willie Nelson e Bono tutti insieme aveva aspettative altissime. Ma adesso è tutto per tutti, perché nessuno lo conosce davvero. Pence, ha aggiunto la persona, “è quasi dall’altra parte. Tutti pensano di conoscerlo. Pensano di avere un’aspettativa su chi sia. Poi, quando li incontrano, dicono: ‘Non credo. Lui è divertente. È simpatico. Lui è bravo.”

Resta da vedere se gli elettori primari del GOP vogliono qualcuno divertente, simpatico e simpatico. La vittoria elettorale di Trump è stata l’opposto. Il carisma di DeSantis deve molto alle sue battaglie con i suoi avversari politici.

La cerchia ristretta di Pence comprende il defunto Sen. Prende come modello la campagna 2008 di John McCain (R-Ariz.). Quindi, come lo è ora Pence, McCain si è ritrovato cancellato da altri contendenti, considerato una reliquia di una politica obsoleta quando ha guidato lo Straight Talk Express. Sottolineano che come membro del Congresso, Pence spesso lavorava come freelance per i successi di Fox News e scherzava con i giornalisti in interviste ad ampio raggio prima di diventare governatore e poi vicepresidente.

Coloro che sono vicini a Pence stanno cercando di aiutarlo a riconquistare un po’ del suo atteggiamento a ruota libera, assicurandosi che gli eventi della sua campagna includano chat davanti al fuoco e non assumano una posizione pragmatica secondo cui la stampa è il nemico.

READ  Biden visita Kiev, la capitale dell'Ucraina sotto attacco, mentre suonano le sirene dei raid aerei

Pence – Si è unito al rappresentante Adam Schiff (D-Calif.) nel 2006. Avviare un caucus al Congresso per la libertà di stampa – Consegnato il sabato sera. “Siamo stati in grado di rimanere parte della nostra posizione perché tu sei rimasto nella tua posizione”, ha detto ai giornalisti dell’attacco al Campidoglio. “Il popolo americano sa cosa è successo quel giorno perché non hai smesso di riferire”.

Ma ci sono limiti a quanto lontano può spingersi Benz. Sta combattendo un mandato di comparizione per testimoniare su quel giorno, anche se ha definito fondamentale essere trasparenti su ciò che è accaduto il 6 gennaio – qualcosa che sostiene si basa sulla protezione della separazione dei poteri come presidente del Senato. La sua critica alle azioni di Trump che circondano l’insurrezione non è stata ripresa da nessun altro importante candidato sul campo. Sebbene i commenti sulla griglia fossero duri, non sono usciti dalla telecamera: i consiglieri di Pence hanno negato di aver giocato nei loro calcoli nell’attaccare Trump.

Fresco della sua apparizione sulla griglia, Pence farà una campagna nel New Hampshire giovedì e nell’Iowa sabato, due primi stati primari repubblicani dove ha attirato l’attenzione insieme alla Carolina del Sud. Nello specifico, per le sue vittorie nel caucus in Iowa nel 2008 e nel 2016, il Sen. Ted Cruz (R-Texas) ei suoi collaboratori stanno guardando la ricostruzione del suo predecessore, l’allora governatore dell’Arkansas Mike Huckabee.

“Se c’è un caucus di 150.000 persone e posso metterlo uno contro uno di fronte a 150.000 persone, ho una possibilità di vincere?” Ha detto una persona vicina a Pence. “Ti direi assolutamente, inequivocabilmente, sì.”

READ  National Donut Day 2023 a Rochester NY: offerte e omaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *