Gli esperti dell’OMS rivedono i consigli sul vaccino Covid-19, affermano che il rischio è inferiore per bambini e adolescenti sani



Cnn

Gli esperti di vaccini dell’Organizzazione mondiale della sanità hanno rivisto le loro raccomandazioni globali sul vaccino Covid-19 per includere la non necessità di vaccinare bambini e giovani adulti sani, che sono considerati una priorità bassa.

Secondo lo Strategic Advisory Group of Immunization Experts (SAGE) dell’OMS, la tabella di marcia aggiornata è progettata per dare la priorità ai vaccini Covid-19 per le persone a rischio di morte e malattie gravi.

Viene rilasciato per riflettere la fase omicron della pandemia e perché i paesi hanno alti livelli di immunità della popolazione a causa di vaccini e infezioni, ha annunciato il team dopo un recente incontro.

Le nuove raccomandazioni semplificate si concentrano sui gruppi ad alto, medio e basso rischio.

SAGE raccomanda ulteriori dosi di richiamo del vaccino Covid-19 sei o 12 mesi dopo l’ultima dose di richiamo per gruppi ad alta priorità come anziani, immunocompromessi, persone di tutte le età, operatori sanitari in prima linea e donne incinte.

Per quelli a rischio medio, il gruppo raccomanda le vaccinazioni primarie e la prima dose di richiamo, ma non i richiami aggiuntivi di routine. Questo gruppo comprende bambini e adolescenti con rischi per la salute e adulti sani di età inferiore ai 60 anni circa.

I paesi dovrebbero prendere in considerazione i vaccini per i bambini sani di età compresa tra sei mesi e 17 anni sulla base di fattori come il carico di malattia e il rapporto costo-efficacia, ha affermato il panel.

“L’impatto sulla salute pubblica della vaccinazione di bambini e adolescenti sani è relativamente basso rispetto ai benefici stabiliti dei tradizionali vaccini essenziali per i bambini, come i vaccini coniugati contro rotavirus, morbillo e pneumococco”, ha affermato SAGE in un comunicato stampa.

READ  Piccole imbarcazioni: pagare la Francia per fermare le traversate è ragionevole, afferma PM

Il gruppo ha affermato che la sua guida sui vaccini si basa sulle attuali condizioni epidemiologiche e potrebbe cambiare se si sviluppa un’epidemia.

Ciò avviene quando i paesi fanno le proprie scelte sulle raccomandazioni sui vaccini in base alla disponibilità e ai progressi dei vaccini.

Ad esempio, i funzionari statunitensi stanno valutando se dare alle persone a grave rischio di Covid-19 la possibilità di ottenere un altro richiamo bipolare. Il Regno Unito e il Canada hanno già iniziato a consentire a determinati individui di ricevere un altro stimolante bipolare.

Gli esperti hanno anche riconosciuto priorità sanitarie concorrenti quando si tratta di vaccini.

“Come tutti sappiamo, la pandemia di Covid ha messo a dura prova i programmi di immunizzazione”, ha detto martedì il presidente di SAGE, la dott.ssa Hanna Nohinek.

“È uno sforzo enorme e molti paesi hanno raggiunto un’elevata copertura, ma richiede ancora sforzi per ridurre le disparità e dobbiamo raggiungere i gruppi con la massima priorità e dobbiamo colmare le lacune di copertura”.

Nohinek ha affermato che è necessario recuperare il ritardo sulle vaccinazioni di routine che i bambini hanno perso durante la pandemia di Covid-19.

Ha sottolineato la crescente incidenza del morbillo in tutte le regioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, affermando che i programmi di immunizzazione in tutto il mondo devono essere rafforzati e ripristinati. Il morbillo è un’indicazione che nelle comunità è presente un noto “tracciante” o un’altra malattia prevenibile con il vaccino.

La poliomielite continua a diffondersi in molti paesi, quindi i consulenti per i vaccini dell’OMS raccomandano di migliorare la copertura vaccinale e di integrare il vaccino antipolio iniettabile in caso di “persistente circolazione di poliovirus”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *