I Knicks sono stati eliminati dai playoff dopo aver perso contro i Miami Heat in gara 6

MIAMI — Una stagione dei Knicks iniziata con aspettative modeste e quella che alcuni fan hanno definito la corsa più spettacolare della squadra in più di 20 anni si è conclusa con una sconfitta per 96-92 contro i Miami Heat in Gara 6 delle semifinali della Eastern Conference venerdì sera.

Dopo che gli Heat hanno spazzato via i Milwaukee Bucks – testa di serie numero 1 dell’Est e favoriti per il titolo NBA – al primo turno, un percorso verso le finali della Eastern Conference sembrava plausibile per i Knicks. La quinta testa di serie Knicks ha sconfitto la talentuosa quarta testa di serie Cavaliers, guidata dalla guardia Donovan Mitchell. Al contrario, gli Heat sono arrivati ​​al secondo turno senza la guardia Tyler Hero, che ha segnato 20.1 punti di media a partita nella regular season ma si è rotto un braccio contro i Bucks.

Ma una volta iniziata la serie dei Knicks con Miami, la differenza tra queste due squadre è diventata chiara: gli Heat hanno un legittimo fuoriclasse in Jimmy Butler che può far vincere la sua squadra quando lo desidera. Niente Knicks.

La maggior parte dei fan della NBA è probabilmente abituata a Butler che migliora il suo gioco nei playoff, e ha seguito l’esempio in questa postseason. Ha guidato i Knicks con partite ad alto punteggio e sforzi difensivi stellari. Ha segnato una media di 24,8 punti, 6,5 assist e 7,0 rimbalzi contro i Knicks in gara 6.

D’altra parte, i migliori giocatori dei Knicks, Jalen Brunson e Julius Randle, hanno oscillato tra l’apparire abbastanza forte da guidare questa squadra alle finali della Eastern Conference e l’apparire indegno della posizione. Brunson ha riconosciuto le sue difficoltà nella sconfitta in Gara 1 della serie, dicendo che è stato “orribile” quando ha tirato 0 su 7 con 3 punti.

Randle, che era l’unica selezione All-Star dei Knicks in questa stagione e ha fatto parte della squadra All-NBA, non è sembrato quel giocatore in questi playoff. Nella stagione regolare, ha segnato una doppia doppia di 25,1 punti e 10,0 rimbalzi a partita, ma ha segnato solo 16,8 punti e 8 rimbalzi nei playoff diretti a Gara 6. Randle ha saltato Gara 1 contro di lui per un infortunio alla caviglia. Heat, ma ha già avuto problemi con i playoff.

L’ultima apparizione dei Knicks nei playoff risale a due stagioni fa, e Randle ha avuto di nuovo una stagione regolare stellare, diventando la sua prima squadra All-Star e segnando una doppia doppia di media con 24,1 punti e 10,2 rimbalzi a partita nella stagione regolare. Ma ha vacillato nel primo turno dei playoff contro gli Atlanta Hawks, segnando una media di 18,0 punti e 11,6 rimbalzi nonostante una media di 37,3 punti nelle tre gare di stagione regolare della squadra. Gli Hawks hanno eliminato i Knicks in cinque partite veloci.

Dopo che i Knicks sono rimasti in svantaggio per 3-1 nella serie Heat, Randle ha messo in dubbio la volontà della squadra.

“Forse gli piace troppo”, ha detto Randle in risposta a una domanda sulla scarsa offensiva dei Knicks e sulla poca aggressività per le palle vaganti. “Non lo so. Siamo stati così tutto l’anno e se vogliamo mantenere viva questa stagione, dobbiamo trovare un modo per fare quelle giocate.

READ  Biden ha elogiato l'accordo sul tetto del debito nel suo discorso sullo stato della nazione

I Knicks hanno risposto in Gara 5, trattenendo un tentativo di rimonta in ritardo degli Heat in una partita in cui Brunson sembrava il giocatore migliore di entrambe le squadre.

Mentre la sconfitta di venerdì è stata particolarmente deludente perché sembrava che i Knicks avrebbero potuto fare una corsa profonda, hanno ottenuto di più in questa stagione e una prestazione come quella di Brunson in Gara 5 è un segno che alcuni dei pezzi giusti si sono intensificati in questa squadra .

La scorsa stagione, i Knicks sono arrivati ​​​​11 ° in Oriente con domande sul futuro dell’allenatore Tom Thibodeau e Randle. In bassa stagione, i Knicks, come al solito, hanno perso i migliori free agent e non hanno scambiato con Mitchell, che ha detto che pensava che i Jazz lo avrebbero dato ai Knicks, non ai Cavaliers. Invece, i Knicks hanno ingaggiato Brunson, un’ex guardia di Dallas, con una mossa che è costata loro una scelta del secondo round del 2025.

Con Brunson, i Knicks sono diventati una delle squadre più sorprendenti della NBA in questa stagione, dato che Brunson e Randle hanno formato un formidabile uno-due. Perdere Mitchell al primo turno è stata una dichiarazione a coloro che hanno messo in dubbio la decisione dei Knicks di non scambiarlo.

“Essendo qui, stiamo giocando con i soldi della casa”, ha detto Teddy Foran, 24 anni, cresciuto a Stamford, Connecticut, dopo la partita contro Heat 1. È diventato un fan dei Knicks mentre guardava le partite con suo padre che cresceva.

Ha aggiunto: “Quello che abbiamo fatto con il centro giovane in bassa stagione è stato fantastico. Come puoi vedere, non vendere per Donovan, se vendi per Donovan, perderai cinque al primo round. Quindi sai che va bene se perdiamo al secondo turno.

READ  Partite, punteggi e aggiornamenti dei tornei NCAA: segui dal vivo l'azione March Madness di domenica

Dopo che Brunson e Randle hanno guidato i Knicks nella loro corsa ai playoff più profonda dal 2013 dopo aver perso al secondo turno, molti fan si sono riuniti sulla Seventh Avenue dopo le vittorie. La squadra ha raggiunto l’ultima volta le finali NBA nel 1999 e le Conference Finals nel 2000. Ma i Knicks potrebbero aver finalmente fatto abbastanza per attirare questa squadra verso i giocatori di punta che hanno inseguito così disperatamente ogni bassa stagione e hanno perso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *