I parlamentari affermano che Johnson potrebbe aver ingannato il parlamento sui partiti

  • Di Sam Francesco
  • Corrispondente politico, BBC News

Titolo del video,

Boris Johnson: non ho ingannato i parlamentari sulle feste di blocco

I parlamentari hanno affermato che Boris Johnson potrebbe aver ripetutamente fuorviato il Parlamento sul Partigate, ma l’ex primo ministro insiste che sarà vendicato dal rapporto.

Il Comitato dei privilegi ha affermato di aver trovato prove che “suggeriscono fortemente” che le violazioni delle regole Covid sarebbero state “ovvie” per il signor Johnson.

Ma il signor Johnson ha affermato di non aver mai “consapevolmente o sconsideratamente” ingannato i parlamentari sulle riunioni di blocco a Downing Street.

Ha anche affermato di essere fiducioso che sarebbe stato autorizzato dal comitato.

È programmato per testimoniare davanti al comitato alla fine di questo mese.

Ma in un rapporto iniziale pubblicato venerdì, i parlamentari hanno evidenziato i modi in cui aveva ingannato il Parlamento.

L’8 dicembre 2021, ciò include che nessuna regola e linea guida è stata violata al n. 10.

Il signor Johnson ha detto a BBC News che “non era a conoscenza o sospettato” di infrangere le regole quando parlava di eventi alla Camera dei Comuni.

Ha detto che il comitato non ha prodotto prove “per suggerire il contrario” dopo “uno sforzo di 10 mesi”.

“Non ho fuorviato la Camera e non credo di essere colpevole di disprezzo. Penso che il processo mi rivendicherà felicemente”, ha detto.

I messaggi di WhatsApp sono fuori

Il team ha rilasciato una serie di estratti dai messaggi di WhatsApp ottenuti nell’ambito della sua indagine.

Dal 28 aprile 2021, sette mesi prima che emergessero per la prima volta i resoconti della stampa sui partiti, un anonimo funzionario numero 10 ha osservato che un altro funzionario era “preoccupato di far incazzare il Primo Ministro, e ad essere onesti non credo sia ingiustificato”.

In un altro, dal 25 gennaio 2022, Jack Doyle, l’allora direttore delle comunicazioni di Johnson, disse al decimo funzionario di “non aver sentito alcuna spiegazione” su come fosse stata la festa di compleanno dell’ex primo ministro nella Cabinet Room nel giugno 2020. Regole.

In uno scambio separato su WhatsApp lo stesso giorno, un agente ha inviato un messaggio a Mr Doyle: “Sto cercando di fare alcune domande e risposte. [briefing for officials dealing with the media queries]Non è giusto”.

Il signor Doyle ha risposto: “Sto lottando per capire come sono le regole nella mia testa”, aggiungendo: “Il Primo Ministro stava decisamente mangiando il suo pranzo”.

L’ufficiale ha risposto: “L’ho detto alla polizia, ma per quanto ridicola sia la faccenda della torta, è difficile”.

Il funzionario ha quindi suggerito di poter sostenere che fosse “ragionevolmente necessario per motivi di lavoro”.

Il signor Doyle ha risposto: “Non sono sicuro che uno lo stia facendo. Colma un’altra grande lacuna nel conto del Primo Ministro, vero?”

fonte dell’immagine, Ufficio di Gabinetto

didascalia dell’immagine,

Boris Johnson festeggia il suo compleanno – per il quale è stato multato – in un’immagine inedita rilasciata dal gruppo

Nel maggio dello scorso anno, un’inchiesta dell’alto funzionario Sue Gray ha rilevato che le violazioni delle regole erano diffuse e il signor Johnson era una delle 83 persone multate dalla polizia per aver partecipato a eventi che violavano la legge.

Il Comitato Privilegi ha detto che avrebbe preso in considerazione i risultati della signora Gray.

Questa settimana la Gray lascerà il servizio civile per diventare capo dello staff del leader laburista Sir Keir Starmer.

Il signor Johnson ha affermato di aver sollevato dubbi sui risultati della sua indagine.

“Penso che le persone possano vederlo sotto una luce diversa”, ha detto a BBC News.

Ha aggiunto che “se mi avessi detto tutte le cose che so adesso” lui “avrebbe potuto interrogarla più da vicino sulla sua libertà”.

Ha aggiunto che è “verissimo” che i parlamentari che stanno indagando se abbia ingannato il Parlamento con Partygate abbiano pianificato di tenere conto della sua inchiesta.

Titolo del video,

Sir Keir Starmer: Le prove della trasgressione di Johnson “sono già schiaccianti”.

Se si scopre che Johnson ha ingannato il Parlamento, potrebbe essere sospeso come deputato o espulso da elezioni suppletive.

Ma i risultati della commissione e qualsiasi sanzione nei confronti di Johnson devono essere approvati da un voto in parlamento.

Il leader laburista Sir Keir Starmer ha affermato che “le prove delle malefatte di Boris Johnson sono già schiaccianti”.

“Penso che Boris Johnson debba affrontare le prove che ha di fronte”, ha detto.

Sir Keer ha accusato Rishi Sunak di “sedersi con le mani in mano” durante le indagini.

Il vice leader dei liberaldemocratici Daisy Cooper ha accusato Johnson di aver cercato di “allontanarsi” dalle domande “assurde” sollevate dalla commissione.

READ  Iam Tongi, vincitore del primo premio "American Idol" delle isole del Pacifico, incoraggia gli hawaiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *