I sauditi promettono grandi tagli al petrolio a luglio mentre il patto OPEC+ si estende fino al 2024

  • La produzione saudita di luglio scenderà a 9 milioni di barili al giorno
  • L’OPEC estende i tagli fino al 2024
  • Obiettivi russi, nigeriani e angolani sono stati allineati con il rilascio
  • Gli Emirati Arabi Uniti hanno permesso alla produzione di aumentare entro il 2024

VIENNA, 4 giugno (Reuters) – L’Arabia Saudita ridurrà drasticamente la sua produzione a luglio in aggiunta a un più ampio accordo OPEC+ per limitare l’offerta fino al 2024, mentre il gruppo cerca di sostenere i prezzi del petrolio.

Il ministero dell’Energia dell’Arabia Saudita ha dichiarato che la produzione del paese scenderà da circa 10 milioni di barili al giorno a maggio a 9 milioni di barili al giorno (bpd) a luglio, la più grande riduzione degli ultimi anni.

“È un lecca-lecca saudita”, ha detto in una conferenza stampa il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz. “Volevamo glassare la torta. Volevamo sempre aggiungere suspense. Non volevamo che la gente provasse a indovinare cosa stessimo facendo… Questo mercato ha bisogno di stabilità”.

L’OPEC+, un gruppo di alleati guidato dalla Russia e dall’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, pompa il 40% del greggio mondiale, il che significa che le sue decisioni politiche possono avere un enorme impatto sui prezzi del petrolio.

Una decisione a sorpresa di tagliare l’offerta ad aprile ha fatto salire di 9 dollari il greggio Brent a livello internazionale, ma i prezzi sono scesi sotto la pressione delle preoccupazioni per la debolezza dell’economia globale e il suo impatto sulla domanda.

Venerdì, il Brent ha chiuso le negoziazioni settimanali a 76$.

L’Arabia Saudita è l’unico membro dell’OPEC+ con capacità di riserva e stoccaggio sufficienti per tagliare e aumentare facilmente la produzione.

READ  I meteorologi della California hanno avvertito che il fiume atmosferico si sta avvicinando

Nelle prime fasi della pandemia nel 2020, un gruppo di produttori è stato in grado di rispondere rapidamente all’eccesso di offerta che ha indebolito il mercato quando hanno attuato tagli record alla produzione.

Proroga fino alla fine del 2024

L’OPEC+ ha 3,66 milioni di barili al giorno di tagli, o il 3,6% della domanda globale, inclusi 2 milioni di barili al giorno concordati lo scorso anno e tagli volontari di 1,66 milioni di barili al giorno concordati ad aprile.

Quei tagli sono validi fino alla fine del 2023 e l’OPEC+ domenica ha detto che li estenderà fino alla fine del 2024, in un ampio accordo sulla politica di output concordato dopo sette ore di colloqui.

Da quando l’aggressione della Russia contro l’Ucraina è iniziata nel febbraio dello scorso anno, l’Occidente ha accusato l’OPEC di manipolare i prezzi del petrolio e di indebolire l’economia globale attraverso gli alti costi energetici. L’Occidente accusa l’OPEC di favorire la Russia.

In risposta, gli addetti ai lavori dell’OPEC hanno affermato che la stampa di denaro occidentale nell’ultimo decennio ha alimentato l’inflazione e costretto le nazioni produttrici di petrolio ad agire per preservare il valore delle loro principali esportazioni.

Gli analisti hanno affermato che la decisione dell’OPEC+ di domenica ha inviato un chiaro segnale che il gruppo è pronto a sostenere i prezzi e frenare gli speculatori.

“Il fatto che l’OPEC+ sia disposta a mettere in atto un prezzo minimo e proteggerlo è un chiaro segnale per il mercato”, ha affermato Amrita Sen, co-fondatrice del think tank Energy Aspects.

READ  L'agenzia spaziale giapponese afferma che l'atterraggio sulla luna è andato troppo veloce e si è schiantato

Gary Ross, un osservatore senior dell’OPEC e fondatore di Black Gold Investors, ha dichiarato: “I sauditi hanno mantenuto le loro minacce agli speculatori e chiaramente vogliono che i prezzi del petrolio aumentino”.

Alla chiusura del mercato domenica, l’analista di UBS Giovanni Stanovo ha previsto un buon inizio alla riapertura di lunedì.

Oltre a estendere gli attuali tagli OPEC+ di 3,66 milioni di barili al giorno, domenica il gruppo ha concordato di ridurre gli obiettivi di produzione complessivi a 1,4 milioni di barili al giorno da gennaio 2024 e gli obiettivi attuali a 40,46 milioni di barili al giorno.

Tuttavia, molte di queste riduzioni potrebbero non concretizzarsi poiché il gruppo ha abbassato gli obiettivi per Russia, Nigeria e Angola per allinearli agli attuali livelli di produzione.

Al contrario, agli Emirati Arabi Uniti è stato consentito di aumentare gli obiettivi di produzione da 0,2 milioni di barili al giorno a 3,22 milioni di barili al giorno.

Reportage di Ahmed Khader, Alex Lawler, Maha El Dahan e Julia Payne; Scritto da Dmitry Zhdanikov; Montaggio di David Holmes e Barbara Lewis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *