Il crollo della banca della Silicon Valley attira nuova attenzione sulla legge bancaria di Trump

WASHINGTON – I fallimenti della Silicon Valley Bank e della Signature Bank hanno attirato un nuovo controllo su una legge del 2018 che annulla alcuni regolamenti bancari, con alcuni democratici che chiedono il ripristino di tali regole mentre il governo federale si muove per proteggere i depositanti SVB.

“Il Congresso, la Casa Bianca e le autorità di regolamentazione bancaria devono invertire i pericolosi regolamenti bancari dell’era Trump. L’abrogazione della legge del 2018 che indeboliva le regole per le banche come SVB dovrebbe essere una priorità immediata per il Congresso”, ha dichiarato il Sen. Elizabeth Warren, D-Mass. , ha scritto A Il New York Times Sezione commenti lunedì.

La rappresentante Katie Porter, D-Calif., che è in corsa per il Senato, ha affermato che la Camera sta lavorando alla legislazione per sostituire la legge del 2018, guidata dai repubblicani e firmata dall’allora presidente Donald Trump.

“Il Congresso, con un voto bipartisan, ha spinto Wall Street e allentato le leggi bancarie della nostra nazione. Non ho problemi a resistere a Wall Street, quindi sto scrivendo una legislazione per revocare quella legge pericolosa”, ha scritto domenica in una e-mail ai sostenitori . .

In un discorso che ha annunciato le misure federali lunedì, il presidente Joe Biden ha affermato che l’atto di deregolamentazione ha avuto un ruolo e ha invitato il Congresso a inasprire le regole bancarie.

“Durante l’amministrazione Obama-Biden, abbiamo imposto requisiti più severi a banche come la Silicon Valley Bank e la Signature Bank, incluso il Dodd-Frank Act, per assicurarci che la crisi che abbiamo visto nel 2008 non si ripeta”, ha affermato. “Sfortunatamente, l’ultima amministrazione ha annullato alcuni di questi requisiti. Esorto il Congresso e le autorità di regolamentazione bancaria a rafforzare le regole per le banche per evitare che fallimenti bancari come questo si ripetano e per proteggere i posti di lavoro americani e le piccole imprese”.

Protesta contro la legge del 2018

Cinque anni fa, Warren è stato l’oppositore più esplicito di una spinta del Congresso guidato dai repubblicani per abrogare i regolamenti imposti alle banche di piccole e medie dimensioni ai sensi del Dodd-Frank Act del 2010. Sen. Il disegno di legge, guidato dal rappresentante Mike Crapo, R-Idaho, ha cercato di riclassificare lo standard “troppo grande per fallire” fornito con un maggiore controllo normativo. Le banche di medie dimensioni sono state esentate da tali regolamenti aumentando il limite da $ 50 miliardi di attività a $ 250 miliardi.

READ  Incontro Lukashenko-Xi: l'alleato di Putin incontra il presidente cinese Xi Jinping a Pechino

“Se il Congresso e la Federal Reserve non ritirano la stretta supervisione, SVB e Signature saranno soggette a forti requisiti di liquidità e capitale per resistere agli shock finanziari”, ha scritto Warren lunedì. “Prima dovevano condurre regolari stress test per esporre le loro vulnerabilità e migliorare le loro attività. Ma con quei requisiti eliminati, quando la vecchia corsa agli sportelli ha colpito SVB, la banca non ha potuto resistere alla pressione – e dietro di essa c’era il crollo di Signature .

Sen che si è opposto alla legge del 2018. Bernie Sanders, I-Vt., l’ha incolpato per il crollo della Silicon Valley Bank.

“Sia chiaro. “Il fallimento della Silicon Valley Bank è il risultato diretto del ridicolo disegno di legge di deregolamentazione del 2018 firmato da Donald Trump, a cui mi sono fortemente opposto”, ha affermato in una nota. “Cinque anni fa, il direttore repubblicano del Congressional Budget Office pubblicò un rapporto in cui affermava che la legge avrebbe ‘aumentato la probabilità che un grande istituto finanziario con attività da 100 a 250 miliardi di dollari fallisca’”.

La battaglia del 2018 è stata caratterizzata da un’intensa attività di lobbying da parte delle banche, tra cui la Silicon Valley Bank e una serie di banche comunitarie più piccole, in cerca di agevolazioni normative.

Al Senato, alcuni democratici avevano bisogno di 60 voti per sconfiggere un ostruzionismo. Warren ha fatto arrabbiare alcuni colleghi quando ha chiamato per nome alcuni Democratici del Senato per aver tentato di indebolire le regole Dodd-Frank.

Le tensioni sono esplose in un controverso incontro del marzo 2018 tra i leader democratici del Senato prima del voto, secondo due fonti che hanno familiarità con il conflitto a porte chiuse.

READ  Derrick White dei Celtics vince Gara 6 al cicalino: come Boston ha forzato Gara 7 contro Heat nelle finali della Eastern Conference

Dan Kelton, che all’epoca era il capo di Warren, “ha preso una botta” da altri leader che erano arrabbiati per il fatto che Warren stesse prendendo di mira i loro capi, ha detto una fonte. Kelden ha mantenuto la sua posizione, dicendo loro che la supervisione della banca è un problema di firma per lui e che nessuno dovrebbe essere sorpreso dal fatto che stia chiamando coloro che vogliono ritirare Dodd-Frank, hanno detto le due fonti.

Una delle fonti ha affermato che si è trattato di “un incontro di leader insolitamente controverso”. Un altro ha detto che faceva così caldo che sembrava “come lanciare una sedia”. Pochi giorni dopo, 17 democratici partecipato Una convenzione repubblicana del Senato unanime per approvarlo. Ha svuotato il consiglio 258-159Ha vinto 225 repubblicani e 33 democratici. Trump ha firmato.

Kelton ha rifiutato di commentare l’incontro.

“Stato normativo appropriato”

Uno di quei democratici, Virginia Sen. Mark Warner ha sostenuto la legislazione domenica quando gli è stato chiesto se si fosse pentito di averla sostenuta.

“Penso che queste banche di medie dimensioni abbiano bisogno di un certo sollievo normativo”, ha detto Warner su “This Week” della ABC, aggiungendo che la legge “ha messo la giusta quantità di regolamentazione nelle banche di medie dimensioni”.

“Ci vorrà molto tempo per guardare indietro a ciò che le autorità di regolamentazione hanno fatto e non hanno fatto e perché la direzione della banca non ha capito bene”, ha detto Warner. Lo ha chiamato “Banking 101, gestione dei rischi di tasso di interesse”.

“Quello su cui dobbiamo concentrarci ora è come assicurarci che non ci siano epidemie e, allo stesso tempo, che SVB possa essere acquisito”, ha detto.

READ  Caso di omicidio di Alex Murdock: l'ex avvocato affronta il secondo giorno di controinterrogatorio sugli omicidi di moglie e figlio del 2021

Il senatore Kevin Cramer, R-N.D., che ha votato per la legislazione del 2018 mentre era alla Camera.

“Certamente non hanno bisogno di alcuna restrizione. Non significa che sarai mal gestito”, ha detto domenica a “Meet The Press” della NBC. “Abbiamo visto un forte aumento dei tassi di interesse, che ha messo alcune delle banche più piccole in contrasto con i propri bilanci. Ora, ovviamente, la Federal Reserve sta cercando di cambiare il proprio bilancio allo stesso tempo. Forse noi Ho bisogno di rivedere tutto questo un po’ di più. Ma le banche più piccole hanno bisogno di più supervisione e non credo ci sia bisogno di più regolamentazione – forse una migliore supervisione, ma certamente non più regolamentazione”.

Un altro sostenitore della misura di deregolamentazione, il senatore Kirsten Sinema, I-Ariz. Era un membro della Camera e all’epoca si candidò al Senato.

Il rappresentante Ruben Gallego, D-Ariz., Che è in corsa per il seggio di Cinéma nel 2024, lunedì ha rilasciato una dichiarazione affermando di aver votato contro la legge del 2018. attaccare suo.

“Che differenza c’è tra me e Senator Cinema?” disse Gallego. “Quando i lobbisti bancari mi hanno chiesto di indebolire i regolamenti bancari, ho detto di no. Quando hanno chiesto al senatore Sinema, ha chiesto quanto – e ha votato sì. Ora pagheremo tutti per il suo errore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *