Il FMI migliora le prospettive economiche globali con l’allentamento dell’inflazione

WASHINGTON – Il Fondo monetario internazionale ha affermato lunedì che l’economia globale dovrebbe rallentare quest’anno poiché le banche centrali continuano ad aumentare i tassi di interesse per controllare l’inflazione, ma ha suggerito che la produzione sarà più resiliente di quanto previsto in precedenza e che potrebbe verificarsi una recessione globale imminente. Probabilmente evitabile.

Il Fondo monetario internazionale ha aggiornato le sue previsioni di crescita economica per il 2023 e il 2024 nel suo rapporto World Economic Outlook attentamente monitorato, indicando i consumatori resilienti e la riapertura dell’economia cinese come tra le ragioni delle prospettive ottimistiche.

Tuttavia, il fondo ha avvertito che la lotta contro l’inflazione è tutt’altro che conclusa e ha esortato le banche centrali a evitare la tentazione di invertire la rotta.

“La lotta contro l’inflazione sta cominciando a dare i suoi frutti, ma le banche centrali devono continuare i loro sforzi”, ha detto Pierre-Olivier Gourinchas, capo economista del FMI, in un articolo che accompagna il rapporto.

La produzione globale rallenterà al 2,9% nel 2023, dal 3,4% dello scorso anno, prima di risalire al 3,1% nel 2024. L’inflazione dovrebbe diminuire dall’8,8% nel 2022 al 6,6% quest’anno e al 4,3% l’anno prossimo. .

Dopo una serie di declassamenti negli ultimi anni con l’aggravarsi della pandemia e l’escalation della guerra della Russia in Ucraina, le ultime proiezioni del FMI erano superiori a quelle pubblicate a ottobre.

Da allora, la Cina ha bruscamente invertito la sua politica di blocco “zero-Covid” per controllare la pandemia e ha iniziato a riaprire rapidamente. Il FMI ha affermato che la crisi energetica in Europa è stata meno grave di quanto inizialmente temuto e che la debolezza del dollaro USA sta fornendo sollievo ai mercati emergenti.

READ  Una proteina fondamentale per l'integrità strutturale dei neuroni, senza la quale gli assoni si rompono e le sinapsi muoiono

Il FMI aveva previsto in precedenza che un terzo dell’economia globale sarebbe in recessione quest’anno. Tuttavia, in una conferenza stampa prima della pubblicazione del rapporto, Mr. disse Gourinjas.

“A livello globale, o anche se pensiamo al numero di paesi che sono in recessione, vediamo un rischio di recessione molto basso”, ha affermato il sig. disse Gourinjas.

Nonostante le prospettive più ottimistiche, la crescita globale rimane debole rispetto agli standard storici e la guerra in Ucraina continua a pesare sull’attività ea seminare incertezza. Il rapporto avverte inoltre che l’economia globale deve ancora affrontare rischi significativi, avvertendo che “gravi effetti sulla salute in Cina potrebbero ostacolare la ripresa, la guerra della Russia in Ucraina potrebbe intensificarsi e una spesa finanziaria globale più restrittiva potrebbe peggiorare la crisi del debito”.

La crescita nei paesi ricchi dovrebbe essere particolarmente lenta quest’anno, con nove economie avanzate su 10 che probabilmente registreranno una crescita più lenta rispetto al 2022.

Il FMI prevede che la crescita negli Stati Uniti rallenterà all’1,4% quest’anno dal 2% nel 2022. Si aspetta che il tasso di disoccupazione aumenti dal 3,5% al ​​5,2% l’anno prossimo, ma c’è ancora spazio per evitare una recessione. La più grande economia del mondo.

“C’è un breve percorso che consente all’economia statunitense di sfuggire del tutto a una recessione, o se c’è una recessione, la recessione sarà relativamente superficiale”, ha detto il sig. disse Gourinjas.

Il FMI ha affermato che la recessione sarà più evidente in Europa quest’anno poiché lo stimolo a riaprire le sue economie svanisce e la fiducia dei consumatori si erode di fronte all’inflazione a due cifre. Nell’area dell’euro, la crescita dovrebbe rallentare allo 0,7% dal 3,5%.

READ  Heat prende ECF Gara 1 a Boston: i Celtics non possono contenere Jimmy Butler, cast di supporto

Si prevede che la Cina recupererà il rallentamento dal 3% nel 2022 al 5,2% nel 2023.

Insieme, Cina e India dovrebbero rappresentare la metà della crescita globale quest’anno. I funzionari del FMI hanno dichiarato lunedì sera in una conferenza stampa che la traiettoria economica della Cina sarà un motore chiave per l’economia globale, dopo un periodo di rincorsa in cui la Cina sembra essersi stabilizzata ed è in grado di produrre pienamente.

Tuttavia, il sig. Gourinchas ha osservato che ci sono ancora segni di debolezza nel mercato immobiliare cinese e che la crescita nel 2024 potrebbe moderarsi. Il rapporto lo descriveva come una “principale fonte di vulnerabilità” che porta a diffuse inadempienze e instabilità da parte degli sviluppatori. finanza cinese.

La Russia, un contributore sorprendente alla crescita globale, afferma che gli sforzi occidentali per congelare la sua economia stanno vacillando. Il FMI prevede che la produzione russa aumenterà dello 0,3% quest’anno e del 2,1% l’anno prossimo, sfidando le precedenti previsioni di una forte contrazione nel 2023 a causa delle sanzioni occidentali.

Un piano congiunto di Stati Uniti ed Europa per limitare il prezzo delle esportazioni di petrolio russo a 60 dollari al barile non dovrebbe ridurre significativamente le entrate energetiche del paese.

“Al livello attuale del tetto del prezzo del petrolio del Gruppo dei 7, i volumi delle esportazioni di greggio russo non dovrebbero essere influenzati in modo significativo, con il commercio russo deviato dai paesi sanzionati a paesi non sanzionati”, ha affermato il FMI in una nota.

Tra le preoccupazioni più urgenti del FMI c’è la crescente tendenza alla “frammentazione”. La guerra in Ucraina e le ripercussioni globali hanno diviso i paesi in fazioni e intensificato le tensioni geopolitiche, che rischiano di ostacolare il progresso economico.

READ  La LSU ha battuto la Florida 18-4 per vincere il titolo nazionale di baseball

“La frammentazione potrebbe intensificarsi – con maggiori restrizioni sui movimenti transfrontalieri di capitali, manodopera e pagamenti internazionali – e ostacolare la cooperazione multilaterale nella fornitura di beni pubblici globali”, ha affermato il FMI. “I costi di tale frammentazione sono elevati a breve termine perché ci vuole tempo per trasformare i flussi transfrontalieri interrotti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *