Il giudice ha stabilito che il servizio di libri dell’archivio online ha violato il copyright

NEW YORK (AP) – Un giudice federale si è schierato con quattro editori che citano in giudizio un archivio online per scansioni non autorizzate di milioni di opere protette da copyright e le danno gratuitamente al pubblico. Il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti John G. Koeldl ha stabilito che Internet Archive crea opere “derivate” che richiedono l’autorizzazione del proprietario del copyright.

L’archivio non ha sostituito i libri in questione, ma li ha semplicemente scansionati e prestati come e-book dal suo sito web.

“Una ristampa di e-book da un libro stampato è un esempio paradigmatico di un’opera derivata”, ha scritto Goel.

L’archivio, che ha annunciato che presenterà ricorso contro la decisione di venerdì, ha affermato che le sue azioni sono protette dalle leggi sul fair use e che ha da tempo l’obiettivo generale di rendere le informazioni ampiamente disponibili, un fattore comune nei casi legali che coinvolgono il copyright online.

“Le biblioteche sono più che dipartimenti di assistenza clienti per prodotti di database aziendali”, ha scritto venerdì il fondatore di Internet Archive Brewster Kahle in un post sul blog. “Affinché la democrazia prosperi a livello globale, le biblioteche devono sostenere il loro ruolo storico nella società: detenere, conservare e prestare libri. Questa sentenza è un duro colpo per biblioteche, lettori e insegnanti e intendiamo presentare ricorso.

Nel giugno 2020, Hachette Book Group, HarperCollins Publishers, John Wiley & Sons e Penguin Random House hanno intentato una causa in risposta alla biblioteca di emergenza dei National Archives, la cui vasta espansione del suo servizio di prestito di e-book è iniziata nelle prime settimane della pandemia . Biblioteche e librerie sono state chiuse. Gli editori hanno cercato di agire contro il vecchio e limitato programma di Emergency Library and Archives, Restricted Digital Lending (CDL). Toni Morrison, J.D. Le opere di Salinger e Terry Pratchett sono note come disponibili presso editori di libri protetti da copyright.

READ  Anthony Joshua contro FRANCIS NAGANNO: Il britannico ha sferrato un colpo devastante eliminando brutalmente la stella dell'UFC nel secondo round.

Sebbene il sindacato degli insegnanti fosse tra quelli contrari alla biblioteca di emergenza, alcuni scrittori l’hanno applaudita. La storica Jill Lepore, in un articolo del marzo 2020 sul New Yorker, ha esortato i lettori che non potevano acquistare o trovare libri durante la pandemia a “per favore: registrati, accedi e prendi in prestito!” lo ha incoraggiato. Dall’archivio Internet.

In una dichiarazione di venerdì, il presidente del gruppo commerciale dell’Associazione degli editori americani ha salutato la sentenza del tribunale come “una chiara affermazione della legge sul copyright e il rispetto dei precedenti stabiliti”.

“Nel respingere le confuse argomentazioni dell’imputato, la corte ha sottolineato l’importanza di autori, editori e mercati legali nella comunità globale e nell’economia globale. Copiare e distribuire ciò che non è tuo non è innovativo – o difficile – ma è sbagliato”, ha detto Maria Ballante, presidente e amministratore delegato dell’associazione.

Fondato nel 1996, Internet Archive “è stato istituito per creare una biblioteca Internet con la missione di fornire a ricercatori, storici e studiosi un accesso permanente alle collezioni storiche in formato digitale”. A differenza delle biblioteche tradizionali, non acquista i libri direttamente attraverso accordi di licenza con gli editori, ma attraverso acquisti e donazioni. Questo archivio contiene milioni di film, programmi TV, video, registrazioni audio e altro materiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *