Il Senato vota per abrogare il piano di agevolazione del prestito studentesco di Biden

Giovedì il Senato ha votato principalmente secondo le linee del partito sulla legislazione per bloccare il piano di agevolazione del prestito studentesco del presidente Joe Biden.

Il voto 52-46 per approvare la legislazione è arrivato il giorno dopo che i senatori hanno tenuto un voto altrettanto ravvicinato che avrebbe abrogato il piano di alleggerimento del debito di Biden e posto fine al congelamento dell’amministrazione sui pagamenti dei prestiti studenteschi federali. Una manciata di senatori moderati – i democratici Joe Manchin del West Virginia e Jon Tester del Montana e il senatore indipendente Kirsten Sinema dell’Arizona – hanno votato con i repubblicani sul voto finale e sulla risoluzione di agire.

Serviva la maggioranza semplice dei senatori per approvare la legislazione e inviarla alla scrivania di Biden. Ma la Casa Bianca ha avvertito Dichiarazione politica di gestione Biden ha posto il veto alla risoluzione il mese scorso.

“Questa risoluzione è un tentativo senza precedenti di far deragliare la nostra storica ripresa economica e costerà a più di 40 milioni di americani che lavorano sodo la perdita del tanto necessario sollievo dai prestiti agli studenti”, afferma la dichiarazione.

La Camera ha approvato la misura la scorsa settimana con 218 voti contro 203, per lo più lungo linee di partito, con due democratici, il rappresentante del Maine. Jared Golden e Mary Klusenkamp Perez di Washington – insieme ai repubblicani – hanno sostenuto la misura.

La risoluzione abrogherebbe il piano dell’amministrazione di annullare prestiti fino a 10.000 dollari per i mutuatari con redditi inferiori a determinate soglie e fino a 20.000 dollari per i beneficiari di sovvenzioni Bell. La risoluzione porrà fine a una moratoria durata una pandemia sui pagamenti dei prestiti e sulla riscossione degli interessi.

READ  Katie Britt, la più giovane donna repubblicana eletta al Senato degli Stati Uniti, ha sconfessato lo Stato dell'Unione di Biden

Tuttavia, il più grande test per il piano di agevolazione del prestito studentesco di Biden potrebbe ancora essere davanti. La Corte Suprema degli Stati Uniti, con la sua maggioranza conservatrice, dovrebbe pronunciarsi questo mese su due casi relativi al piano di alleggerimento del debito di Biden.

La legislazione sul tetto del debito negoziata da Biden e dal presidente della Camera Kevin McCarthy, R-Calif., è passata alla Camera e si è diretta al Senato mercoledì, riprendendo i pagamenti sui prestiti studenteschi federali che erano stati sospesi all’inizio della pandemia. Se la legge sul debito sarà firmata, i pagamenti riprenderanno alla fine di agosto. Ma la legislazione sul debito non bloccherà il piano di cancellazione del debito di Biden, nonostante gli sforzi guidati dal GOP per aggiungere disposizioni in tal senso.

I repubblicani hanno sostenuto che il piano di condono del prestito studentesco dell’amministrazione Biden grava sui contribuenti ed è ingiusto nei confronti di coloro che hanno estinto i prestiti o non hanno mai frequentato il college. L’apartitico Congressional Budget Office stima che l’abrogazione del programma ridurrebbe il deficit federale di circa 315 miliardi di dollari Nel prossimo decennio.

L’amministrazione Biden invece argomentato in un comunicato Il costo dell’istruzione superiore è diventato un “peso per tutta la vita” per gli americani a basso e medio reddito, quindi la riduzione del debito fornirebbe ai mutuatari un “respiro” dopo che la pandemia e la crisi economica che l’accompagna saranno passate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *