Joel Embiid vince l’MVP NBA 2023. Come la stella dei 76ers Nikola Jokic ha battuto Giannis Antetokounmpo

Il “processo” ha finalmente raggiunto il suo livello più prestigioso.

Joel Embiid, 29 anni, dei Philadelphia 76ers, ha battuto Nikola Jokic di Denver e Giannis Antetokounmpo di Milwaukee per il giocatore più prezioso dell’NBA 2023 con un buon margine.

I risultati del premio individuale più sacro della lega sono stati annunciati martedì sera in diretta su TNT. Il premio è determinato da un sondaggio di 100 membri dei media che coprono l’NBA.

Embiid ha detto durante la sua intervista televisiva con gli analisti Inside the NBA di TNT dall’hotel della squadra a Boston. I compagni di squadra lo hanno assalito nella sala da ballo dell’hotel dopo che il suo nome è stato annunciato, seppellendo il viso tra le sue mani massicce mentre lo abbracciavano e cantavano “MVP, MVP”.

Nato in Camerun, Embiid, che non ha iniziato a giocare a basket fino all’età di 16 anni, è ora un sei volte All-Star NBA che ha saltato le sue prime due partite e ha vinto l’MVP per la prima volta in carriera. Stagioni a causa di complicazioni dovute a un osso rotto alla gamba. Gli anni che seguirono furono il fulcro della campagna “trust the process” dell’ex direttore generale dei Sixers Sam Hinkie, cercando di costruire lentamente un vincitore attorno a lui.

La vittoria di Embiid arriva dopo due stagioni consecutive in cui era idoneo per il premio ma è arrivato secondo a Jokic, l’MVP NBA 2021 e 2022, cercando di diventare il primo giocatore da Larry Bird nel 1986 a vincerlo per tre anni consecutivi. Wilt Chamberlain e Phil Russell sono gli unici altri giocatori a vincere tre MVP consecutivi.

“Ne ho passate tante”, ha detto Embiid. “Non sto parlando solo di basket, sto parlando di tutto come una vita – la mia storia. Da dove vengo, come sono arrivato qui, cosa ho preso per essere qui, è fantastico.

La gara doveva essere una delle più serrate di sempre, con i sondaggi degli elettori della lega che mostravano un pareggio tra Embiid e Jokic verso la fine della stagione. Embiid ha vinto facilmente con 73 voti al primo posto e 25 secondi mentre gli elettori sono stati distratti dal suo dominio quando ha vinto il suo primo premio, forse detronizzando Jokic come tre volte vincitore e vedendo Jokic saltare diverse partite nelle ultime due. settimane.

Embiid aveva 241 punti di vantaggio su Jokic, che aveva 15 primi e ha battuto Antetokounmpo con 52 secondi contro i 23 di Giannis.

Jayson Tatum dei Celtics è arrivato quarto e Shai Gilgeous-Alexander di Oklahoma City, All-Star per la prima volta in questa stagione, è arrivato quinto.

Quest’anno, la stagione di dominio assoluto di Embiid è stata sufficiente per superare il gioco meno appariscente e analiticamente migliore di Jokic.

Un 7 piedi con una portata eccellente, Embiid ha guidato l’NBA nel segnare con 33,1 punti a partita. Questa è in media la seconda striscia più alta del campionato. Era al nono posto nei rimbalzi a partita (10,2) e al settimo con 1,7 stoppate. Embiid ha tirato quasi il 55% dal campo (tecnicamente un record in carriera), ha realizzato un terzo dei suoi 3 ed è stato un tiratore dell’86% dalla linea di fallo in 66 partite, due dei migliori brevi tratti della sua carriera.

READ  Shohei Ohtani degli Angels colpisce ancora con un fuoricampo di 493 piedi

Embiid si unisce a Chamberlain (1966, 1967, 1968), Julius Erving (1981), Moses Malone (1983) e Allen Iverson (2001) come sei vincitori di MVP.

Vai più a fondo

Il dibattito MVP Embiid-Jokić è finito. Ora discutiamo le loro regole per i playoff

“Voglio che le persone ricordino che tutto è possibile”, ha detto Embiid. “Per me, ho iniziato a giocare a basket a 16 anni ed è difficile. È difficile farcela ed essere in questa posizione. Ovviamente ci è voluto molto lavoro e molta fortuna. Ma sai, le persone devono ricordare che qualunque cosa tu fai, tutto è possibile finché ci credi.

Jokić, a differenza di Embiid, ha “solo” una media di 24,5 punti a partita, ma è a pari merito con Antetokounmpo in campionato per rimbalzi (11,8), quarto assist in meno (9,8) e un ridicolo 63% dal campo. Il centro serbo è l’unico giocatore ad avere una media di almeno 20 punti, 10 rimbalzi e nove assist con almeno il 60% di tiri, e guida la NBA con 29 triple-doppie.

Antetokounmpo, originario della Grecia, ha vinto l’MVP nel 2019 e nel 2020. Sta facendo una media di 31,1 punti come miglior NBA in questa stagione. James Harden è stato l’ultimo giocatore americano a vincere l’MVP nel 2018.

Embiid ha saltato gara 1 delle semifinali della Eastern Conference nonostante i 45 punti di James Harden mentre i Sixers hanno battuto i Celtics senza di lui. Gara 2 è mercoledì. “Vedremo”, ha detto Ernie Johnson di TNT quando gli è stato chiesto se avrebbe giocato.

L’ultimo rapporto sugli infortuni dei Sixers può aspettare un minuto. Anche la celebrazione dovrebbe far parte del processo.

Vai più a fondo

Perché Joel Embiid è l’MVP e il resto dei miei voti per i premi NBA

Embiid: un improbabile MVP

Riassumendo la carriera di Embiid, il modo in cui l’omone di 29 anni è arrivato al punto in cui è stato votato il giocatore più prezioso nella migliore lega di basket del pianeta è un’impresa improbabile. Ma un buon punto di partenza per riflettere è che mentre Embiid ha tutto il talento naturale, la sua curva di carriera è unica. “Impossibile” è un altro modo.

A 16 anni in Camerun, Embiid è stato invitato al campo di basket di Luc Mba a Moute a causa della sua altezza. Non si è nemmeno presentato per il primo giorno, scegliendo invece di giocare ai videogiochi con suo fratello minore. Embiid all’epoca giocava pochissimo a basket organizzato, pensando che una carriera nella pallavolo sarebbe stata il suo futuro. Quel campo di basket iniziale ha portato a un altro invito al campo e, alla fine, Mbah a Moute gli ha organizzato per giocare a basket al liceo in Florida. A quel tempo, Embiid non conosceva quasi l’inglese.

READ  3 donne americane scomparse dopo aver attraversato il confine con il Messico 2 settimane fa

Dopo una rapida ascesa in Kansas, Embiid è stata la terza scelta assoluta nel Draft NBA 2014, per poi saltare le sue prime due stagioni professionistiche a causa di una frattura all’osso navicolare del piede destro. I Sixer, forse giustamente, sono stati molto cauti con Embiid una volta che è finalmente arrivato a terra. Sebbene Embiid non abbia completamente evitato il bug degli infortuni, è apparso in 134 partite combinate nelle ultime due stagioni. Certamente non dato come è iniziata la sua carriera NBA per lui per giocare abbastanza partite da essere preso in considerazione come MVP. —Ricco Hoffmann

Vai più a fondo

Sondaggio giocatore anonimo NBA 2023: chi è l’MVP? Giocatore sopravvalutato? Migliori e peggiori fan?

Come Embiid ha trasformato il suo gioco in un MVP

La perseveranza e il superamento delle avversità sono una parte importante della storia di Embiid. Ma l’ascesa da perenne All-Star a candidato MVP, forse un salto più ripido di quanto sembri sulla carta, è dovuto alla sua dedizione al suo mestiere. Embiid continua a migliorare nella sua carriera.

Invece di ascoltare le chiamate a giocare come un lungo uomo tradizionale, Embiid ha studiato come il gioco è stato giocato ai massimi livelli. Il suo punto principale in arrivo con l’allenatore Drew Hanlon era che doveva spostarsi gradualmente verso il perimetro. Le aree del gomito e degli “artigli” attorno alla linea di tiro libero sono ora diventate il suo punto debole. Per arrivarci, Embiid ha studiato sparando a grandi uomini come Dirk Nowitzki oltre a ali come Michael Jordan e Kobe Bryant.

Embiid non si mette in una scatola, il che gli ha permesso di diventare uno dei giocatori più dominanti del gioco. Un passaggio al perimetro e allo sviluppo delle abilità che ha trasformato il 7 piedi in un giocatore a faccia in su dominante nel corso degli anni ha permesso a Embiid di vincere titoli di punteggio nelle ultime due stagioni. Rispetto al blocco inferiore, vede il pavimento meglio che mai. Embiid guarda e studia moltissimo basket NBA, cosa che senza dubbio lo ha aiutato a diventare l’MVP. —Hoffmann

Vai più a fondo

No, non abbiamo parlato abbastanza di Joel Embiid

Jocic ha pesci più grossi da friggere

Dopo un capolavoro di 39 punti, 16 rimbalzi e cinque assist nella vittoria per 97-87 dei Nuggets in Gara 2 della loro serie del secondo turno contro i Phoenix Suns lunedì, Jokic ha detto che ha intenzione di rimanere in piscina, tempo permettendo . Quando martedì è arrivato l’annuncio dell’MVP.

Il suo interesse a scoprire se vincerà un terzo premio MVP consecutivo e diventerà solo il quarto giocatore nella storia della NBA a vincerne uno?

READ  Il clima in Europa: la Grecia evacua migliaia di turisti a Rodi mentre bruciano gli incendi

“Zero”, ha insistito Jokic.

Il fuoco competitivo di Jokic brucia ardente. Da qualche parte nel profondo, probabilmente voleva unirsi a quella compagnia d’élite. Ha avuto una forte media stagionale di 24,5 punti, 11,8 rimbalzi e 9,8 assist (tutti i tempi per un centro). playoff) per la testa di serie numero 1 nella Western Conference.

Ma mentre Jokic continua a scrivere una carriera che un giorno potrebbe metterlo nella discussione tra i grandi di tutti i tempi del campionato, un campionato NBA, il primo per i Nuggets, farà di più per la sua eredità di un terzo trofeo MVP. —Nick Kosmider

Vai più a fondo

I Suns hanno sostanzialmente costretto Nikola Jokic a batterli. Lo ha fatto con una performance da MVP

La produzione di Antetokounmpo è stata inadeguata

Per la prima volta nei suoi 10 anni di carriera, Antetokounmpo ha segnato più di 30 punti a partita in una stagione. Ha concluso la stagione con 31,1 punti a partita, accompagnati da 11,8 rimbalzi e 5,7 assist a partita. È stata la prima volta da Kareem Abdul-Jabbar nel 1973 a segnare una media di almeno 30 punti, 11 rimbalzi e cinque assist in una sola stagione e la sesta volta nella storia della NBA.

Per andare d’accordo con i suoi storici numeri personali, Antetokounmpo ha portato i Bucks al miglior record del campionato. I Bucks hanno il maggior numero di vittorie nella NBA nonostante il secondo miglior giocatore della squadra, Khris Middleton, abbia iniziato solo 19 partite e giocato in 33 partite totali in questa stagione.

Ma né il successo individuale di Antetokounmpo né il successo di squadra dei Bucks hanno risuonato tra gli elettori in questa stagione. —Eric Tack

Lettura obbligatoria

• Joel Embiid Unplugged: gara NBA MVP, come si sente ad entrare nei playoff e la pressione dei Sixers per vincere

• Il colorato mondo di Joel Embiid: pesca alla traina, bluff ea volte vera e propria distruzione

• Joel Embiid sta per dominare il fiato di ogni pezzo grosso — dai un’occhiata alla sua strategia di parolaccia

• Il passaggio di Nikola Jokic e l’avvertimento a tutti i nuovi giocatori dei Nuggets: tenete le mani in alto

• In che modo l’amore per i cavalli di Nikola Jokic ha alimentato una campagna di fan dall’impatto “incredibile”.

• Dentro il percorso di Nikola Jokic dalla Serbia ai Nuggets fino all’MVP NBA. “Una specie di esploratore della fortuna”

• Giannis Unplugged: gara MVP, Bucks in aumento e perché è “seriamente” vincere tutto di nuovo

• In che modo Giannis Antetokounmpo è costantemente eccezionale? Essendo ‘un po’ pazzo’

• Nella gara NBA MVP, non c’è bisogno di minimizzare Jokic, Embiid o Giannis per rendere grande il tuo ragazzo.

(Foto: Dustin Chatloff / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *