La California trova gioia nelle tempeste che portano neve, ghiaia e grandine

SACRAMENTO – Stay tuned, dicevano i meteorologi. La California è destinata a tempeste di neve storiche. Nevicherà.

Tuttavia, alcune cose devono essere viste per essere credute.

Nella Silicon Valley, sulle colline sopra Los Gatos, Bart Giordano si è svegliato nel cuore della notte venerdì per trovare la neve che si accumulava sui rami dei pini. Copri le sue sedie a sdraio nel patioNon c’è niente che non abbia visto nei suoi 46 anni nella zona.

A nord, Danny Cullenward, un economista energetico con un bambino di 4 anni, ha guardato fuori dalla finestra, ha visto un fulmine, ha sentito un rombo, poi ha visto una strana frana di fango che ricordava dalla sua infanzia nel Midwest. La neve è così rara in gran parte della California che i residenti approfondiscono la terminologia meteorologica per descriverla.

“Thundergrabel a San Francisco!” Lui era felice Lo ha twittatoRiproduce una parola d’ordine per precipitazioni improvvise senza grandine o fiocchi di neve.

“Ero come un bambino stordito prima di Natale”, ha ammesso in seguito.

La California è un posto grande, e le sue alte quote e le piste da sci sono innevate come il prossimo stato. Anche le parti più calde della California meridionale ricevono una spolverata di tanto in tanto.

Ma la neve non è la reputazione di Golden State, in generale. La tempesta è stata così insolita che venerdì e sabato è arrivata con un avviso di bufera di neve quasi senza precedenti per la California meridionale. I funzionari statali e locali hanno avvertito i residenti di stare alla larga dalle strade e di evitare le montagne, per la preoccupazione che molti possano rimanere bloccati in condizioni di freddo che non avevano mai sperimentato prima.

READ  I democratici detengono la maggioranza alla Camera della Pennsylvania

Già venerdì la tempesta ha costretto alla chiusura dell’Interstate 5, la principale rotta nord-sud di Grapevine tra Los Angeles e la Central Valley. A volte, veicoli di dimensioni diverse percorrevano strade diverse.

Tuttavia, tra condizioni insidiose e gravi minacce per gli automobilisti, molti californiani si sono presentati per vedere quale novità fosse caduta dal cielo e, naturalmente, per scattare selfie.

I social media hanno creato la loro bufera di neve: nei giorni di neve YusaibaNevicare Tombe del cimitero di BakersfieldNevicare Montagne a San Luis ObispoNevicare Case vittoriane di Eureka.

Nelle montagne di Santa Cruz, Melissa Leib è rimasta così colpita dal paese delle meraviglie invernale fuori casa che invece dei suoi soliti post del venerdì sul Feng Shui, ha reso omaggio a “Venerdì pazzesco” tempo nel suo cortile.

Darshan Gooch è un noto surfista di Santa Cruz Rise forte Mentre la neve cadeva su Twin Lakes State Beach, ha catturato il momento “epico” giovedì mattina mentre prendeva dei vestiti bagnati e attraversava la città.

“Sapevo che avremmo avuto un insolito sistema di tempeste in arrivo, ma sono rimasto un po’ scioccato quando è successo davvero”, ha detto venerdì. “Non si attaccava, ma era bello da vedere.”

A Los Angeles, i residenti erano ansiosi di determinare se la neve fosse effettivamente caduta sull’insegna di Hollywood. Alcuni credevano che dovesse essere neve, mentre altri dicevano che era grandine o un tipo di pioggia più esotico.

Il servizio meteorologico nazionale citato in giudizio. “Dopo alcune indagini e con l’aiuto delle telecamere di ALERT CA, siamo fiduciosi che la neve o la ghiaia siano cadute sul Monte Lee (dove si trova l’insegna di Hollywood)”, ha affermato il servizio. Lo ha twittato Giovedì sera.

READ  Sam Altman, creatore di ChatGPT e CEO di OpenAI, sollecita il Senato per la regolamentazione dell'IA

Entro venerdì mattina, Eric Bolt, un meteorologo di coordinamento degli avvertimenti per il National Weather Service di Los Angeles, potrebbe confermare il graupel, che ha definito “fondamentalmente fiocchi di neve coperti di ghiaccio”.

A quel tempo, ci fu di nuovo un piccolo scalpore intorno all’insegna di Hollywood. Vedendolo dalla sua finestra, Craig Robert Young, un attore di origine inglese che ha vissuto a Los Angeles per 22 anni, tre dei quali sulle colline di Hollywood, ha detto che il segno familiare era stato imbiancato il giorno prima. Sedie e tavolo da giardino.

“È stato un po’ strano”, ha detto Mr. Young, 49 anni, ha detto. “Volevo che mio marito facesse una battaglia a palle di neve.”

Khan Ulubinar, 21 anni, studente all’Università della California, Berkeley, aveva noleggiato gli sci per un weekend a Tahoe. Ma l’Interstate 80, una delle principali autostrade, è stata chiusa nella Sierra Nevada poiché i conducenti sono stati accecati dalla neve.

Cos’altro se non renderlo una pista da sci più insolita oltre le Berkeley Hills dietro il campus?

“Mi sentivo molto stanco finché stamattina non è successo un miracolo”, ha detto. “Beh, immagino di sciare in un certo senso.”

Nella comunità della valle centrale di Paterson, nota per le sue albicocche e per il suo più grande magazzino amazzonico, le montagne a ovest sono dipinte di bianco. Chuck Marple, 64 anni, un pensionato il cui lavoro include seguire il tempo sul radar, ha detto di averlo notato venerdì mattina. La neve è caduta nelle vicinanze Ha guidato sotto un acquazzone per testimoniare: “Ho detto: ‘Non me lo perderò!'”

READ  Notizie guerra Russia-Ucraina: Papa, Zelenskyj a Roma per incontrare i leader italiani

A mezzogiorno di venerdì, il brivido svanì. Nelle zone basse, la neve si è trasformata in pioggia, e nelle quote più elevate le quantità abbondanti hanno iniziato a diventare una preoccupazione. Nel sud della California, Mr. Bolt, il meteorologo, ha avvertito di raffiche di vento fino a 80 mph e white-out sopra i 4.500 piedi.

Nel nord della California, padre di tre figli, Mr. Giordano ha detto che il potere della sua famiglia era fuori uso perché “almeno un piede” di neve si accumulava, spezzando i rami degli alberi e bloccando l’ingresso e l’uscita.

“Siamo alimentati da un generatore con Internet di backup”, ha detto. “Siamo riforniti di cibo e i bambini si stanno divertendo sulle loro slitte. Ma quella che è iniziata come una bufera di neve molto affascinante, sai come usciremo da casa?”

Corinna Knoll Reportage contribuito da Los Angeles e Santo Secon Contributo di Berkeley.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *