La Corte Suprema limita l’autorità dell’EPA per affrontare l’inquinamento idrico

Giovedì la Corte Suprema Ridotta l’autorità dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente Per sorvegliare l’inquinamento idrico, il Clean Water Act ha stabilito che non consente all’agenzia di regolamentare gli scarichi in alcune zone umide vicino a corpi idrici.

La corte ha affermato che la legge riguarderà solo le zone umide con “connettività di superficie continua” e il giudice Samuel A. Alito Jr. ha scritto a cinque giudici.

La decisione è stata nominalmente unanime, con tutti i giudici d’accordo sul fatto che i proprietari di case che hanno intentato la causa non dovrebbero essere soggetti alla supervisione dell’agenzia. Ma c’era un netto disaccordo con la logica della maggioranza.

Il giudice Brett M., che si è unito ai tre giudici liberali in un parere unanime. Kavanagh ha affermato che la decisione potrebbe influire sulla capacità dell’EPA di combattere l’inquinamento.

“Il nuovo test della Corte restringe il campo di applicazione della legge sulle zone umide, con impatti significativi sulla qualità dell’acqua e sul controllo delle inondazioni, lasciando alcune zone umide a lungo regolamentate non più coperte dal Clean Water Act”, ha scritto. America.”

La decisione fa seguito a una sentenza dello scorso anno che limitava l’autorità dell’EPA di affrontare il cambiamento climatico ai sensi del Clean Air Act.

“Ecco”, ha scritto il giudice Elena Kagan in una seconda opinione concordante, “la non testualità della maggioranza ha impedito all’EPA di prevenire in modo più efficace il cambiamento climatico regolando le emissioni delle centrali elettriche. Qui, quel metodo impedisce all’EPA di mantenere pulite le acque della nostra nazione regolando zone umide vicine Due Il corollario delle cause è lo stesso: la nomina della Corte a decisore nazionale in materia di politica ambientale.

READ  Carson Wentz e Bobby McCain erano alla ricerca di futuri comandanti

Il caso Sackett c. Agenzia per la protezione dell’ambiente, n. 21-454, riguardava una coppia dell’Idaho, Michael e Chantal Sackett, che cercavano di costruire una casa vicino a Priest Lake in quello che la corte d’appello chiamava “un caseggiato umido”. Panchayat dello Stato.

Dopo che la coppia ha iniziato a preparare la proprietà per la costruzione nel 2007 con sabbia, ghiaia e riempimento, la società li ha fermati e ha riportato la proprietà alla sua condizione originale, minacciando multe salate. La coppia ha invece citato in giudizio l’agenzia e una disputa sul fatto che la causa fosse prematura è arrivata alla Corte Suprema in un precedente appello. Nel 2012, Giudici Ha governato Che il caso possa procedere.

In Un concetto armonioso A quel tempo, il giudice Samuel A. Alito Jr. ha detto che la legge ha dato all’agenzia troppo potere.

“La portata del Clean Water Act è tutt’altro che chiara”, ha scritto. “Qualsiasi terra bagnata per almeno una parte dell’anno rischia di essere classificata come zona umida coperta dalla legge dal personale dell’EPA e, secondo il governo federale, se i proprietari iniziano a costruire molte case, l’agenzia ritiene che abbiano i necessari umidità, i proprietari sono in balia dell’agenzia.

Il Clean Water Act consente la regolamentazione degli scarichi in quelle che la legge chiama “acque degli Stati Uniti”. La questione per i giudici era come decidere quali zone umide meritassero tali corpi idrici.

I tribunali inferiori hanno stabilito che la proprietà dei Sackett era una zona umida, concludendo che si qualificava ai sensi di una sentenza della Corte Suprema del 2006. Rapanos contro Stati UnitiConsisteva in esami competitivi per decidere la domanda.

READ  Home Perquisito a Tupac Shakur Indagine sull'omicidio: prove

Il giudice Antonin Scalia, morto nel 2016, ha scritto per quattro giudici nella decisione Rapanos che solo le zone umide con “connettività superficiale continua” si qualificano come “corpi d’acqua relativamente permanenti, in piedi o fluenti”. Quello standard favoriva le prese.

Il giudice Anthony M., andato in pensione nel 2018. Kennedy ha affermato che il consenso era che la legge richiede solo una “connessione significativa” tra le zone umide e i corpi idrici in questione.

Una giuria unanime di tre giudici della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Nono Circuito Ha governato L’opinione del giudice Kennedy era di controllo. azienda, Il giudice Michelle D. Terra chiara Ha scritto per il consiglio: “È stato ragionevolmente stabilito che la proprietà dei Sackett conteneva zone umide che condividevano un legame significativo con Priest Lake”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *