La frenesia delle contrattazioni notturne lascia la Prima Repubblica controllata da JP Morgan

I legislatori e le autorità di regolamentazione hanno sviluppato leggi e regolamenti nel corso degli anni che limitano il potere e le dimensioni delle più grandi banche statunitensi. Ma quegli sforzi sono stati abbandonati in un frenetico tentativo notturno da parte dei funzionari governativi di contenere la crisi bancaria rilevando la First Republic Bank e vendendola a JPMorgan Chase, la più grande banca della nazione.

All’una di notte di lunedì, ore dopo che la Federal Deposit Insurance Corp. avrebbe dovuto annunciare un acquirente del travagliato prestatore regionale, i funzionari del governo hanno detto ai dirigenti di JPMorgan di aver ottenuto il diritto di rilevare la Prima Repubblica. Clienti, la maggior parte dei quali si trova nelle ricche città costiere e nei sobborghi.

La decisione della FDIC attenua quasi due mesi di turbolenze nel settore bancario a seguito del crollo della Silicon Valley Bank e della Signature Bank all’inizio di marzo. “Questa parte della crisi è finita”, ha detto lunedì agli analisti l’amministratore delegato di JP Morgan Jamie Dimon durante una teleconferenza per discutere dell’acquisizione.

Sig. Per Dimon, la crisi finanziaria del 2008 ha visto l’acquisizione di JP Morgan Bear Stearns e Washington Mutual per volere dei regolatori federali.

Ma la decisione di First Republic ha portato alla ribalta dibattiti di lunga data sul fatto che alcune banche siano diventate troppo grandi perché le autorità di regolamentazione le hanno autorizzate o incoraggiate ad acquistare istituzioni finanziarie più piccole, specialmente durante le crisi.

“I regolatori li vedono come adulti e partner commerciali”, ha affermato Tyler Kellach, presidente della Healthy Markets Association con sede a Washington, che sostiene una maggiore trasparenza nel sistema finanziario, rappresentando grandi banche come JPMorgan. “Sono abbastanza grandi da fallire e hanno il privilegio di esserlo”.

Ha detto che è probabile che JPMorgan guadagni molti soldi dall’acquisizione. JPMorgan ha dichiarato lunedì che l’accordo dovrebbe aumentare i suoi profitti di $ 500 milioni.

JP Morgan pagherà alla FDIC 10,6 miliardi di dollari per acquisire First Republic. L’agenzia governativa prevede di coprire la perdita di circa 13 miliardi di dollari di beni della Prima Repubblica.`

Normalmente una banca non può acquisirne un’altra se lo fa e può controllare più del 10% dei depositi bancari della nazione – un limite che JPMorgan aveva già raggiunto prima di acquistare First Republic. Ma la legge prevede un’eccezione per rilevare una banca fallita.

La FDIC sta cercando di vedere se le banche sono disposte ad accettare i depositi non assicurati della Prima Repubblica e se il loro principale regolatore consentirà loro di farlo, hanno detto due persone che hanno familiarità con il processo. Venerdì pomeriggio, il regolatore ha invitato le banche in una data room virtuale per esaminare i dati finanziari di First Republic, hanno detto due delle persone.

READ  La navicella spaziale sostitutiva russa Soyuz arriva alla stazione spaziale

L’agenzia governativa, che collabora con la banca d’affari Guggenheim Securities, ha avuto tutto il tempo per prepararsi all’offerta. Mr. Nonostante abbia ricevuto un’ancora di salvezza di 30 miliardi di dollari a marzo dalle 11 maggiori banche della nazione guidate da Dimon, First Republic ha lottato dal fallimento della Silicon Valley Bank.

Nel pomeriggio del 24 aprile stava diventando sempre più chiaro che la Prima Repubblica non poteva stare da sola. Quel giorno, la banca ha dichiarato nel suo rapporto trimestrale sugli utili di aver perso $ 102 miliardi di depositi dei clienti nelle ultime settimane di marzo, ovvero più della metà di quanto deteneva alla fine di dicembre.

Prima del rilascio degli utili, gli avvocati e altri consulenti di First Republic hanno detto agli alti dirigenti della banca di non rispondere a nessuna domanda durante la teleconferenza della società a causa della terribile situazione della banca, secondo una persona informata sulla questione.

Le rivelazioni nel rapporto e il silenzio dei dirigenti hanno spaventato gli investitori, che hanno scaricato titoli già malconci.

Quando la FDIC ha avviato il processo di vendita di First Republic, diversi offerenti hanno espresso interesse, tra cui PNC Financial Services, Fifth Third Bancorp, Citizens Financial Group e JP Morgan. Analisti e dirigenti di quelle banche hanno iniziato a esaminare i dati di First Republic domenica pomeriggio per valutare quanto sarebbero stati disposti a fare offerte.

I regolatori e il Guggenheim sono quindi tornati dai quattro offerenti, chiedendo loro le loro offerte migliori e finali entro le 19:00. Ogni banca, inclusa JPMorgan Chase, ha aggiornato la propria offerta, hanno detto i due.

Le autorità di regolamentazione hanno indicato che intendono annunciare il vincitore entro le 20:00, prima dell’apertura dei mercati in Asia. I dirigenti della PNC hanno messo insieme la sua offerta presso la sede della banca a Pittsburgh durante il fine settimana. Con sede a Providence, RI, i dirigenti di Citizens si incontrano negli uffici del Connecticut e del Massachusetts.

Ma erano le 20:00, seguite da ore di silenzio senza alcuna parola da parte della FDIC.

Per le tre banche più piccole, l’accordo sarebbe stato trasformativo, dando loro una presenza molto più ampia in luoghi ricchi come la San Francisco Bay Area e New York City. PNC, la sesta banca più grande degli Stati Uniti, avrebbe rafforzato la sua posizione per sfidare i quattro maggiori prestatori commerciali della nazione: JPMorgan, Bank of America, Citigroup e Wells Fargo.

READ  Il crollo del ponte I-95 a Filadelfia porta alla chiusura delle strade

Alla fine, JPMorgan non solo ha offerto più denaro di altri, ma ha anche accettato di acquistare la maggior parte della banca, hanno detto due persone che hanno familiarità con il processo. Le autorità di regolamentazione volevano anche accettare l’offerta della banca perché JPMorgan avrebbe avuto più facilità a integrare le filiali della Prima Repubblica nella sua attività e gestire i prestiti e i mutui della banca più piccola, detenendoli o vendendoli.

Mentre i dirigenti delle banche più piccole aspettavano che i loro telefoni squillassero, la FDIC e i suoi consulenti chiamarono Mr. Dimon e il suo team hanno continuato a negoziare, cercando di rassicurare JPMorgan che il governo li avrebbe protetti dalle perdite.

Intorno alle 3 del mattino, la FDIC ha annunciato che JP Morgan avrebbe acquisito First Republic.

Una portavoce della FDIC ha rifiutato di commentare gli altri offerenti. Nella sua dichiarazione, la società ha affermato: “La decisione della First Republic Bank ha comportato un processo di offerta altamente competitivo e ha portato a una transazione coerente con i requisiti di costo minimo del Federal Deposit Insurance Act”.

L’annuncio è stato ampiamente applaudito nel settore finanziario. Robin Vince, presidente e amministratore delegato della Bank of New York Mellon, ha dichiarato in un’intervista che sembrava che “una nuvola fosse stata sollevata”.

Alcuni analisti finanziari hanno avvertito che le celebrazioni potrebbero essere esagerate.

Molte banche hanno ancora centinaia di miliardi di dollari di perdite non realizzate su titoli del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca acquistati quando i tassi di interesse erano estremamente bassi. Poiché la Federal Reserve ha alzato drasticamente i tassi per ridurre l’inflazione, alcuni di questi investimenti obbligazionari sono ora molto scarsi.

Christopher Whalen di Whalen Global Advisors ha affermato che alcuni dei problemi di banche come First Republic sono stati alimentati dalla politica monetaria accomodante della Fed, che ha portato al caricamento di obbligazioni ora sottoperformanti. “Questo problema non scomparirà fino a quando la Federal Reserve non abbasserà i tassi di interesse”, ha detto. “Altrimenti, vedremo più banche fallire”.

Ma l’opinione del signor Whelan è un’opinione di minoranza. Nella Silicon Valley, vi è un crescente consenso sul fatto che i fallimenti di Signature e ora di First Republic non innescheranno una ripetizione della crisi finanziaria del 2008 che ha fatto crollare Bear Stearns, Lehman Brothers e Washington Mutual.

READ  Una tempesta di neve a New York? Più neve prevista venerdì - NBC New York

Le tre banche fallite quest’anno avevano più attività rispetto alle 25 fallite nel 2008 dopo essersi adeguate all’inflazione. Ma ancora Un totale di 465 banche fallite tra il 2008 e il 2012.

Un problema irrisolto è come trattare con le banche che hanno un’alta percentuale di depositi non assicurati, depositi di clienti che superano il limite federale di $ 250.000. Lunedì la FDIC ha raccomandato al Congresso di prendere in considerazione l’espansione della sua capacità di proteggere i depositi.

Molti investitori e depositanti hanno già ipotizzato che il governo interverrà per proteggere tutti i depositi in aziende fallite attraverso una formale rinuncia al rischio che hanno già stipulato con la Silicon Valley Bank e la Signature Bank. Ma è più facile farlo quando poche banche sono in difficoltà e più difficile quando molte banche sono in difficoltà.

Un’altra preoccupazione è che le banche di medie dimensioni ritireranno i prestiti per preservare il capitale se dovessero subire corse agli sportelli come quelle della Silicon Valley Bank e della First Republic. I depositanti possono trasferire i loro risparmi ai fondi del mercato monetario, che possono fornire rendimenti più elevati rispetto ai risparmi o ai conti correnti.

Le banche centrali, che la scorsa settimana si sono criticate nei rapporti sui fallimenti bancari di marzo, dovrebbero prepararsi a una supervisione più rigorosa da parte delle banche centrali e della FDIC.

Le banche regionali e comunitarie sono un’importante fonte di finanziamento per il settore immobiliare commerciale, che comprende edifici per uffici, complessi di appartamenti e centri commerciali. La riluttanza delle banche a concedere prestiti agli sviluppatori può ostacolare i piani per nuove costruzioni.

Qualsiasi rallentamento nella consegna del credito potrebbe portare a un rallentamento o rallentamento della crescita economica.

Nonostante le sfide e le preoccupazioni per le grandi banche che diventano più grandi, alcuni esperti hanno affermato che le autorità di regolamentazione hanno svolto un lavoro ammirevole nel ripristinare la stabilità del sistema finanziario.

“Era una situazione molto difficile e, per quanto difficile, penso che abbia funzionato bene”, ha detto Sheila Beyer, che ha presieduto la FDIC durante la crisi finanziaria del 2008.

Segnalazione contribuito Emily Flitter, Rapporto Alan, Rob Copland E Gina Smialek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *