La strada verso la redenzione dei Phoenix Suns inizia con una brutta sconfitta contro i Clippers

Phoenix Suns

Aggiornato: 16 aprile 2023 alle 22:16

Espiazione è il tema della postseason. È una parola senza la lettera “L”.

Sfortunatamente, lo stesso non si può dire per il record di playoff dei Suns.

Il nostro viaggio di recupero è iniziato con un grave difetto domenica sera: una sconfitta per 115-110 contro i Clippers che ha dato all’avversario slancio iniziale e vantaggio sul campo di casa.

Era la prima volta che i Suns di Devin Booker perdevano la prima partita di una serie di playoff. È stata la prima sconfitta di Kevin Durant come membro della formazione dei Suns. Questo non è motivo di panico, ma data la nostra storia collettiva, è appropriata una lieve preoccupazione.

“È un gioco”, ha detto l’allenatore dei Suns Monty Williams. “Guarderemo il film, ci riorganizzeremo e ci prepareremo per una grande partita qui martedì quando ci presenteremo”.

I Suns hanno avuto molte possibilità di vincere questo gioco strano e disordinato. Con intensa urgenza e determinazione difensiva, hanno finalmente lottato per il controllo delle cose nel terzo periodo. Hanno restituito tutto in fretta.

Sebbene la loro tenacia difensiva e la protezione del cerchio siano migliorate nel secondo tempo, la loro offensiva ha continuato a lottare. Molti scatti sono stati effettuati da giocatori che non si chiamavano Booker o Durant. Poi il possesso ha prosciugato la vita dall’edificio e l’energia dalla squadra di casa.

Dopo un layup a 1:08 dalla fine del periodo, i Clippers hanno mantenuto il possesso per i successivi 51 secondi. Hanno anche prodotto rimbalzi offensivi su tre diversi tiri sbagliati. Russell Westbrook – probabilmente MVP dei Suns per tutta la notte – si è preso una pausa dal muratore (tiro 3 su 19) per fare una serie di grandi giocate. Uno di questi è stato un soffocante stop difensivo su Booker, che ha cercato freneticamente di andare a canestro con i Suns in svantaggio di tre punti.

Ha segnato un’altra notte di delusione nei playoff al Footprint Center, dove l’inizio brutale e faticoso dei Suns ha evocato ricordi dolorosi di quella sconfitta in Gara 7 contro Dallas.

“Niente scuse”, ha detto Booker. “È quel periodo dell’anno e se non sei pronto per questi (giochi), stai giocando al gioco sbagliato”.

Si temeva che i Suns non fossero stati adeguatamente testati. La loro dimensione del campione con Durant non è stata sufficiente per creare la coesione e la fiducia necessarie per avere successo nei playoff. Williams ha poi sorpreso tutti usando i suoi 11 giocatori e iniziando Torey Craig contro Josh Okogie.

Craig è stato uno dei migliori giocatori con 22 punti in 27 minuti.

Ma i Suns sono stati smascherati dalle loro due principali debolezze. La loro panchina è stata superata 34-10, ei Clippers hanno tirato 10-31 da tre punti quella sera, tra cui alcuni trey devastanti alla fine del quarto quarto.

Erano quattro in più rispetto ai Suns realizzati oltre la linea dei tre punti, un ritornello familiare per gran parte della stagione regolare.

Con la tensione già alta nella Valley, spetta a Williams sincronizzare attacco e rotazione. Proprio come Kawhi Leonard (38 punti) ha portato i Clippers al traguardo, deve assicurarsi che le sue due superstar diano spettacolo negli ultimi cinque minuti.

L’allenatore dei Suns non dovrebbe avere nessun tipo di stagione calda. Ma il nuovo proprietario Matt Ishbia non è fedele all’attuale regime. Potrebbe chiedersi perché la squadra che ha acquisito non ha realizzato o utilizzato Mikal Bridges nel modo in cui è stato assunto a Brooklyn. Ha grandi speranze per questa squadra che ora sta producendo.

Quindi, c’è un elemento di pressione su Williams che diventerà più forte. Soprattutto dopo aver perso la prima partita in casa.

Raggiungi Bickley all’indirizzo dbickley@arizonasports.com. Ascolta Bickley & Marotta nei giorni feriali dalle 6:00 alle 10:00 su 98.7 FM Arizona Sports Station.

READ  8 morti dopo il ribaltamento di imbarcazioni di contrabbando al largo della costa di San Diego

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *