L’inflazione CPI è aumentata dello 0,4% e del 6% nel febbraio 2023

L’inflazione è aumentata a febbraio, ma è stata in linea con le aspettative, forse mantenendo la Federal Reserve sulla buona strada per un altro aumento dei tassi di interesse la prossima settimana, nonostante le recenti turbolenze nel settore bancario.

L’indice dei prezzi al consumo è salito dello 0,4% per il mese, portando il tasso di inflazione annuale al 6%, ha detto martedì il dipartimento del lavoro. Entrambe le metriche sono in linea con le stime del Dow Jones.

Escludendo la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, l’IPC core è aumentato dello 0,5% a febbraio e del 5,5% su base annuale. La lettura mensile era leggermente superiore alle stime dello 0,4%, ma il livello annuale era in linea.

I mercati sono stati volatili dopo il rilascio, con i futures legati al Dow Jones Industrial Average che puntavano a un’apertura positiva.

Entrando nel rilascio, i mercati si aspettavano ampiamente che la banca centrale approvasse un altro aumento di 0,25 punti percentuali al suo tasso di riferimento sui fondi federali. Tale probabilità è aumentata in seguito al rapporto CPI, con i trader che ora detengono una probabilità dell’85% che la banca centrale aumenti i tassi di un quarto di punto.

“Anche in mezzo all’attuale paura bancaria, la Fed darà ancora la priorità alla stabilità dei prezzi rispetto alla crescita ed è probabile che alzerà i tassi dello 0,25% alla prossima riunione”, ha affermato Jeffrey Roche, capo economista statunitense di LPL Financial.

Una diminuzione dei costi dell’energia ha contribuito a tenere sotto controllo l’IPC principale. Il settore è sceso dello 0,6% su base mensile, portando l’aumento su base annua al 5,2%. Un calo del 7,9% dei prezzi dell’olio combustibile è stata la mossa più importante per l’energia.

READ  Amichevole internazionale di Truly Heart Seltzer: USA vs Repubblica d'Irlanda - Lineup, programmazione e canali TV

I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati rispettivamente dello 0,4% e del 9,5%. I prezzi di carne, pollame, pesce e uova sono diminuiti dello 0,1% nel mese, la prima volta che l’indice è sceso da dicembre 2021. Le uova in particolare sono diminuite del 6,7%, anche se sono aumentate del 55,4% rispetto a un anno fa.

Le spese di alloggio, che rappresentano un terzo della ponderazione dell’indice, sono aumentate dello 0,8%, portando il guadagno annuo all’8,1%. I funzionari della Fed si aspettano principalmente che la spesa correlata, come l’alloggio e l’affitto, rallenti durante l’anno.

“I costi delle abitazioni sono un fattore chiave dei dati sull’inflazione, ma sono un indicatore ritardato”, ha affermato Lisa Sturtevant, capo economista di Pride MLS. “Di solito ci vogliono sei mesi prima che i nuovi dati sugli affitti si riflettano nell’IPC. Le stranezze nel modo in cui vengono raccolti i dati sui costi delle case aiutano a sopravvalutare l’attuale inflazione”.

A causa delle aspettative sugli alloggi, i funzionari della banca centrale si sono rivolti all’inflazione “super-core” come parte del loro kit di strumenti. È aumentato dello 0,2% a febbraio e del 3,7% un anno fa, secondo i calcoli della CNBC. La banca centrale punta l’inflazione al 2%.

I prezzi dei veicoli usati sono scesi del 2,8% a febbraio e ora sono in calo del 13,6% su base 12 mesi nel 2021, quando l’inflazione inizierà a salire. Il costo dell’abbigliamento è aumentato dello 0,8%, mentre il costo dei servizi di assistenza medica è diminuito dello 0,7%.

Il CPI misura un’ampia gamma di beni e servizi ed è una delle numerose misure chiave utilizzate dalla banca centrale quando fa la politica monetaria. Il rapporto sull’indice dei prezzi alla produzione di mercoledì sarà l’ultimo dato relativo all’inflazione che i politici esamineranno prima della riunione del 21-22 marzo.

READ  La Russia lancia attacchi aerei su Kiev di intensità "eccezionale".

Le turbolenze nel settore bancario negli ultimi giorni hanno alimentato la speculazione secondo cui la banca centrale potrebbe segnalare un’imminente cessazione degli aumenti dei tassi mentre i funzionari soppesano l’impatto di una serie di misure restrittive nell’ultimo anno.

Martedì mattina i mercati stavano scontando un tasso massimo, o terminale, di circa il 4,92%, il che significa che l’aumento imminente sarebbe stato l’ultimo. Tuttavia, i prezzi dei futures sono volatili e i rapporti sull’inflazione inaspettatamente forti di questa settimana potrebbero causare una rivalutazione.

Ad ogni modo, il sentimento del mercato è cambiato radicalmente.

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha dichiarato la scorsa settimana a due commissioni del Congresso che la banca centrale è pronta ad aumentare i tassi più del previsto se l’inflazione non diminuirà. Ciò ha portato a un’ondata di speculazioni secondo cui la banca centrale potrebbe aggiungere un aumento di 0,5 punti percentuali la prossima settimana.

Tuttavia, il crollo della Silicon Valley Bank e della Signature Bank negli ultimi giorni ha spianato la strada a una visione più moderata della politica monetaria.

—Gina Francola della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *