L’omicidio di Adnan Syed accusato in un caso “seriale” ripristinato dal tribunale, ordina un nuovo processo

Martedì una corte d’appello del Maryland ha ripristinato la condanna per omicidio di Adnan Syed, l’ospite del podcast “Serial”, assolto l’anno scorso dopo 23 anni di carcere per aver ucciso la sua ex fidanzata del liceo.

Una corte d’appello del Maryland ha stabilito a settembre che un tribunale aveva violato i diritti del giovane Lee, il fratello della vittima Hae Min Lee, di avere il sig. Syed è stato avvisato di partecipare al processo quando un giudice ha annullato la sua condanna.

Sul 2 a 1 ConclusioneLa Corte d’Appello ha ribaltato il giudizio di primo grado. Sig. Sig. A differenza dell’udienza precedente, che avrebbe dato a Lee abbastanza preavviso per comparire di persona, si è unito tramite Zoom.

Sig. Syed, 41 anni, non ha deciso se tornare immediatamente in prigione perché la corte d’appello ha sospeso la sentenza per 60 giorni per dare a entrambe le parti il ​​tempo di prendere in considerazione i passi successivi, ha detto il signor Syed. ha detto David Sanford, uno degli avvocati di Lee. .

Sig. Per essere d’accordo con Lee, Mr. Sanford ha elogiato la corte d’appello.

“Siamo lieti che la Corte d’Appello stia ordinando al tribunale di grado inferiore di condurre un’udienza trasparente in cui le prove sono presentate in udienza pubblica, e la decisione della corte si basa su prove che il mondo può vedere”, ha dichiarato Sanford in una dichiarazione. .

Sig. L’avvocato di Syed, Erica J. Suter, Sig. Ha detto che intende presentare ricorso contro la decisione di ripristinare la condanna di Syed alla più alta corte dello stato, la Corte Suprema del Maryland.

READ  Risparmia su Apple, Lenovo, Asus e altro ancora

“Non c’è alcuna base per traumatizzare nuovamente Adnan riportandolo allo stato di un criminale condannato”, ha detto la signora Sutter in una dichiarazione. “Per ora, Adnan rimane un uomo libero”.

“Adnan non ha bisogno dell’ingiustizia per garantire che Hae Min Lee ottenga giustizia”, ​​ha aggiunto.

Ufficio del Procuratore di Stato per la città di Baltimora, sig. Ciò ha spinto la condanna di Syed a essere ribaltata e il portavoce James E. disse Bentley II.

“Dovremmo lasciare che il processo di appello si svolga da solo”, ha detto Mr. Bentley ha detto in una dichiarazione. “Il signor Syed e il suo team legale possono appellarsi alla Corte Suprema del Maryland, e noi dobbiamo rispettare i loro diritti di farlo fino a quando tali diritti non saranno ascoltati o la richiesta non verrà respinta; siamo in un modello di attesa.

Doug Colbert, un professore di diritto che insegna procedura penale alla Francis King Carey School of Law dell’Università del Maryland, ha definito la decisione “scioccante e sorprendente”.

Nella sua prima udienza per la cauzione dal suo arresto nel 1999, il sig. Brevemente rappresentato a nome di Syed, Mr. Colbert, in un’intervista, ha affermato che è strano che il tribunale abbia ritenuto che la chiamata Zoom non soddisfacesse i diritti dei parenti stretti della vittima. essere ascoltato.

“La corte rispetta e onora il diritto di parlare del signor Lee”, ha detto. Tuttavia, un nuovo processo in questo caso Mr. Ha aggiunto che è improbabile che la decisione di Syed venga revocata. “È molto difficile immaginare che accada qualcosa di nuovo nel processo di rifacimento”, ha affermato Mr. disse Colbert.

READ  Come Wall Street si prepara per il possibile rimborso del debito degli Stati Uniti

L’avvocato per i diritti delle vittime Paul Cassell ha affermato che la decisione è stata una buona notizia per coloro che lottano per dare più voce alle vittime del crimine.

“Costituisce un precedente”, ha affermato S.J. Un ex giudice federale che insegna i diritti delle vittime al Quincy College of Law, Mr. disse Cassel. “Quando questo caso porterà l’attenzione su ciò che è, quando gli avvocati saranno disponibili per far valere i diritti delle vittime, penso che i diritti delle vittime saranno rispettati”.

Sig. Lee ha sostenuto che il tribunale le ha dato solo 30 minuti di preavviso per correre a casa, raccogliere i suoi pensieri senza il contributo del suo avvocato, parlare apertamente dell’omicidio di sua sorella e senza alcuna informazione sulle prove a sostegno dell’affermazione dello stato. Sig. Revoca la condanna di Syed.

Sig. Lee ha chiesto al tribunale di primo grado di aggiornare l’udienza in modo da poter comparire di persona, ma il giudice del tribunale distrettuale di Baltimora, Melissa M. Finn rifiuta la sua richiesta. Sig. Lee in seguito si è unito alle indagini di Zoom dopo che uno dei suoi avvocati lo ha chiamato al lavoro.

“Questo non è un podcast per me”, ha detto Mr. Lee ha chiesto di alzare la voce mentre si rivolgeva alla corte. “Questa è la vita reale, un sogno senza fine da oltre 20 anni”.

Sig. Dopo che Lee ha parlato, il giudice Finn, Mr. La condanna di Syed è stata annullata, hanno detto i pubblici ministeri. Non sono riusciti a consegnare prove che avrebbero potuto aiutare le indagini di Syed e hanno scoperto nuove prove che avrebbero potuto influenzare l’esito del suo caso.

READ  L'Unione Europea ha dichiarato che non accetterà misure commerciali unilaterali dopo che Polonia, Ungheria e Ucraina hanno imposto il divieto di importazione di grano e cibo.

Sig. Syed stava scontando l’ergastolo per lo strangolamento nel 1999 della signora Lee, sepolta in un parco di Baltimora. Sig. Syed è stato condannato nel 2000 per omicidio di primo grado, rapimento, rapina e falso. Reclusione.

Corte d’appello, giudice Finn, sig. Per annullare le convinzioni di Syed, Mr. La scoperta ha negato la richiesta di Lee che si tenesse a settembre “anche se non si dimostrasse necessario”.

La legge del Maryland concede ai parenti delle vittime il diritto all’avviso preliminare al processo e a partecipare all’udienza su una mozione di sgombero, ha affermato la corte.

David Gray, che Francis King, che insegna diritto e procedura penale presso la Carey School of Law dell’Università del Maryland, ha espresso preoccupazione per il fatto che la decisione possa costituire un precedente per le vittime che entrano in procedimenti penali.

“È un gran casino, e penso che sia il risultato di dare alla vittima una posizione competente in un procedimento penale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *