Microsoft firma un accordo con Nvidia Game per garantire i controller in Activision Connect

BRUXELLES, 21 febbraio (Reuters) – Microsoft Corp (MSFTO) ha siglato un accordo decennale per portare “Call of Duty” e altri giochi di Activision (ATVI.O) sulla piattaforma di gioco di Nvidia Corp (NVDAO). L’acquisizione da 69 miliardi di dollari da parte di Activision del produttore di Xbox può essere chiusa.

Le autorità di regolamentazione e i concorrenti come Sony si sono espressi con forza contro la proposta di collaborazione Microsoft-Activivision e l’accordo Nvidia potrebbe risolvere le preoccupazioni garantendo ai consumatori più modi per ottenere giochi tramite Microsoft.

La Gran Bretagna ha affermato all’inizio di questo mese che l’accordo danneggerebbe i giocatori indebolendo la concorrenza tra Xbox e PlayStation, con conseguenti prezzi più alti, meno scelte e meno innovazione per milioni di giocatori, oltre a soffocare la concorrenza nel cloud gaming.

Il presidente di Microsoft, Brad Smith, ha dichiarato martedì in una conferenza stampa di essere più ottimista sull’acquisizione di Activision dopo l’accordo con Nvidia e un accordo simile con Nintendo Co Ltd (7974.T).

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Bill Eisler, vicepresidente e direttore generale della divisione GeForce Now di Nvidia, ha affermato che titoli come “Call of Duty” non saranno disponibili sul servizio di Nvidia fino a quando Microsoft non acquisterà Activision, ma i titoli di proprietà di Microsoft come “Minecraft” saranno protetti immediatamente. In base a un contratto di licenza di 10 anni.

“All’inizio eravamo un po’ preoccupati”, ha detto Eisler dell’accordo Microsoft-Activivision. Quindi, nel tempo, ci hanno fatto sentire sempre più a nostro agio.”

Eisler ha affermato che Nvidia non paga Microsoft per l’accesso ai titoli, che è lo stesso accordo che la società ha con altre società di giochi, come il produttore di “Fortnite” Epic Games. Invece, i 25 milioni di clienti di Nvidia devono pagare Nvidia per accedere alla sua piattaforma di cloud gaming e Microsoft deve pagare per i suoi giochi.

READ  Elon Musk accusa i media di parzialità per aver abbandonato "Dilbert"

Le azioni Microsoft sono scese del 2,2%, Nvidia del 2,8% e Activision dello 0,6%.

Nvidia ha affermato che ora supporta l’offerta del produttore di Xbox di acquistare Activision, ma l’accordo potrebbe ancora essere una vendita difficile con i regolatori. All’inizio di questo mese, le autorità europee hanno emesso avvertimenti sull’accordo Microsoft, mentre la Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha chiesto a un giudice di bloccarlo. Il cane da guardia della concorrenza del Regno Unito ha affermato che Microsoft dovrebbe disinvestire da “Call of Duty”.

Smith ha dichiarato di sperare che la rivale Sony Group Corp ( 6758.T ) raggiunga un accordo simile con Nvidia.

Sony si è opposta all’accordo Microsoft-Activivision, affermando l’anno scorso che era “negativo per la concorrenza, negativo per l’industria dei giochi e negativo per i giocatori”.

Oltre a Sony e Nvidia, altre società tra cui Alphabet Inc (GOOGL.O) Google hanno sollevato preoccupazioni con la FTC in merito all’accordo, secondo i resoconti dei media.

Microsoft ha promesso di mantenere “Call of Duty” sulla PlayStation di Sony. La popolarità del franchise di sparatutto in prima persona non è diminuita quasi due decenni dopo il suo lancio, con l’ultima puntata che ha raggiunto $ 1 miliardo di vendite nei primi 10 giorni di ottobre.

Il colosso tecnologico statunitense ha affermato che l’accordo era più di “Call of Duty”. Ha affermato che l’acquisto del produttore di “Overwatch” e “Candy Crush” aumenterà la sua crescita nei giochi e nelle console mobili, PC e cloud, aiutandolo a competere con artisti del calibro di Tencent (0700.HK). Sony.

(Questa storia è stata corretta per chiarire che Nvidia non addebita agli editori di giochi di rendere disponibili i titoli sul suo servizio cloud nell’episodio 7)

READ  Iscrizione a metà prezzo per coloro che ricevono l'assistenza del governo

Segnalazione di Fu Yun Che a Bruxelles e Stephen Nellis a San Francisco Montaggio di Peter Henderson e Matthew Lewis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *