Un influencer di estrema destra è colpevole di uno schema di soppressione degli elettori

Arrestato nel gennaio 2021, Mackey rischia fino a 10 anni di carcere. La sua condanna è prevista per il 16 agosto.

Il suo avvocato, Andrew Frisch, ha dichiarato in una e-mail che la seconda corte d’appello del circuito degli Stati Uniti a Manhattan avrebbe diversi motivi per respingere la condanna.

“Siamo ottimisti sulle prospettive di un appello”, ha detto Frisch.

Il procuratore degli Stati Uniti Brion Pease ha dichiarato in un comunicato che la giuria ha respinto il cinico tentativo di Mackey di utilizzare le protezioni per la libertà di parola del Primo Emendamento per proteggersi dalla responsabilità penale per il programma di soppressione degli elettori.

“La sentenza odierna dimostra che le attività fraudolente dell’imputato sono un crimine transfrontaliero”, ha affermato.

Da settembre 2016 a novembre 2016, il governo ha affermato che Mackey ha cospirato con diversi criminali informatici per diffondere messaggi fraudolenti ai sostenitori di Clinton.

I pubblici ministeri hanno detto ai giurati durante il processo che Mackie ha esortato i sostenitori dell’allora candidato presidenziale democratico Hillary Clinton a “votare” tramite messaggio di testo o social media, sapendo che quelle approvazioni non erano voti legalmente validi.

Allo stesso tempo, dicono i pubblici ministeri, ha inviato tweet dicendo che era importante controllare “l’affluenza nera” alle urne. Un tweet che ha inviato mostrava una foto di una donna di colore con un cartello della campagna di Clinton, che incoraggiava le persone a “saltare la fila” e “votare da casa”.

I pubblici ministeri hanno affermato che un’immagine utilizzata nelle presentazioni sui social media che promuovono voti fasulli utilizzava un carattere simile a quello utilizzato dalla campagna di Clinton negli annunci reali. Altri hanno cercato di rispecchiare gli annunci di Clinton in altri modi.

READ  L'agenzia spaziale giapponese afferma che l'atterraggio sulla luna è andato troppo veloce e si è schiantato

Entro il giorno delle elezioni del 2016, almeno 4.900 numeri di telefono privati ​​sono stati inviati a “Hillary” o qualcosa di simile a un numero di testo diffuso da diverse immagini fraudolente della campagna twittate da McGee e co-cospiratori, hanno detto i pubblici ministeri.

Twitter ha detto che sta lavorando a stretto contatto con le autorità competenti in materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *