L’economia sta emergendo da una recessione tecnologica

Il Regno Unito entrerà in una lieve recessione nella seconda metà del 2023 poiché l’inflazione persistente continua a pesare sull’economia.

Sebbene non La definizione ufficiale di recessioneDue trimestri consecutivi di crescita negativa sono ampiamente considerati una recessione tecnologica.

Il settore manifatturiero del Regno Unito è cresciuto dello 0,8% nel periodo gennaio-marzo, mentre l’edilizia è scesa dello 0,9%. Su base mensile, l’economia è cresciuta dello 0,4% a marzo dopo un’espansione dello 0,2% a febbraio.

In termini di produzione, il settore dei servizi, cruciale per l’economia del Regno Unito, è cresciuto per la prima volta dal primo trimestre del 2023, ha affermato l’Ufficio per le statistiche nazionali. La crescita dello 0,7% è stata trainata principalmente dal settore dei servizi di trasporto, che ha registrato il tasso di crescita trimestrale più alto dal 2020.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak, il cui partito conservatore ha recentemente subito una significativa sconfitta alle elezioni locali, ha accolto con favore la notizia. “L’economia ha voltato pagina”, ha detto in un post sulla piattaforma di social media X.

“Sappiamo che le cose sono ancora difficili per molti, ma il piano sta funzionando e dobbiamo mantenerlo”, ha aggiunto Sunak.

Suren Thiru, direttore economico dell’ICAEW, l’organismo professionale dei dottori commercialisti, ha usato un tono più misurato. Ha affermato che l’impatto positivo di un’inflazione più debole potrebbe essere mitigato da una rinnovata cautela nella spesa in un contesto di incertezza politica in vista delle elezioni generali previste entro la fine dell’anno.

“L’uscita del Regno Unito dalla recessione è una vittoria vana, perché la scarsa produttività e l’elevata inattività economica limitano il nostro potenziale di crescita e il quadro più ampio è l’economia alle prese con la stagnazione”, ha affermato il ministro.

READ  Le comunità affrontano una devastazione diffusa dopo che grandi uragani hanno colpito il sud e il Midwest

Il comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra ha avvertito giovedì che gli indicatori di inflazione sostenibile “rimangono elevati” e ha votato per mantenere il tasso di interesse di riferimento al 5,25%.

La banca centrale prevede che l’inflazione rimanga vicina al 2%, ma si aspetta che aumenti leggermente nel corso dell’anno quando gli effetti di un forte calo dei prezzi dell’energia si affievoliranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *