Paris Saint-Germain 0 Borussia Dortmund 1 – Hummels cruciale, le difficoltà offensive del PSG

Martedì sera il Borussia Dortmund è arrivato alla finale di Champions League vincendo 1-0 sul Paris Saint-Germain.

Dopo un primo tempo incerto in cui nessuna delle due squadre ha avuto molte occasioni, il PSG è andato vicino al gol a cinque minuti dall’intervallo quando Warren Zaire-Emery ha colpito il palo. È stato un duro colpo per i padroni di casa e pochi minuti più tardi Mats Hummels è balzato su calcio d’angolo per andare a segno e raddoppiare il vantaggio complessivo della sua squadra.

Alla fine i padroni di casa entrano in partita, ma la difesa del Dortmund si rivela difficile da abbattere nel corso della partita. Anche Gregor Koble ha effettuato alcune parate cruciali per portare la sua squadra in vantaggio. Guarda il Dortmund fino alla finale.

Qui, Peter Rutzler, Sebastian Stafford-Floore e Liam Durmey hanno sigillato una vittoria enorme per il Dortmund.


Quanto è importante Hummels?

Il Dortmund è in finale di Champions League. Hanno fatto affidamento sulle prestazioni impeccabili del 35enne Mats Hummels.

In tutta questa stagione europea, Hummels è stato senza dubbio il miglior giocatore del Dortmund. Spesso sembrava 10 anni più giovane: nei contrasti, nella volontà di uscire dalla difesa e passare la palla in avanti. È Hummels vintage, round dopo round.

per andare più in profondità

La sua difesa uno contro uno a Parigi è stata eccezionale. E spesso era audace. Ma anche quello è stato misurato. Hummels ha giocato oltre l’occasione. Confuso, rimase in silenzio. L’effetto farfalla era essenziale perché quella coerenza ha ispirato la performance altrettanto eccezionale di Niko Schlotterbeck.

Schlotterbeck potrebbe essere in errore. Al suo meglio, quando l’equilibrio intorno a lui è giusto, è brillantemente emozionato con la palla e una grande risorsa per il gioco di possesso palla.

Era assolutamente a Parigi e avere questa versione di Hummels con sé, con tutta la sicurezza che sembrava instillare, era una parte importante del motivo.

Sebastian Stafford-Bloor


Perché il PSG ha faticato in attacco?

Ancora una volta, Luis Enrique ha apportato alcune curiose modifiche tattiche per la partita a eliminazione diretta di ritorno della Champions League.

A San Sebastián contro la Real Sociedad, Bradley Barkola e Kylian Mbappe erano gli attaccanti divisi nel 4-3-1-2; In trasferta al Barcellona, ​​Mbappe al numero 9 e Barkola e Ousmane Dembele sulle fasce. All’inizio della fase a gironi, ha accoppiato Randall Kolo Mwani con Mbappe e ha usato Marco Asensio come falso nove. Il ritorno di Goncalo Ramos è stata una sorpresa; Era il suo secondo inizio di stagione europeo.

Luis Enrique ha cercato di trovare un’alchimia offensiva durante questa campagna europea. Il PSG ha continuato a indebolirsi nel primo tempo e aveva bisogno dei suoi migliori giocatori per aprire la partita nella ripresa.

READ  Questa regola poco conosciuta dà forma al parcheggio in America. Le città lo stanno cambiando

Ramos è stato sprecato, quindi il PSG era un numero 9 puro e ha aperto l’area con due (non tre) difensori centrali contro una squadra del Dortmund. Ma il PSG ha faticato a mettere le sue ali nell’uno contro uno, e ha costruito in sicurezza ruotando il centrocampista Fabian Ruiz a sinistra, dando loro copertura in contropiede contro Jadon Sancho ma riducendo la loro presenza centrale.

Il PSG ha crossato spesso, ma senza che le ali colpissero il palo posteriore o i centrocampisti si schiantassero in area. Ha segnato 15 cross nel primo tempo in una partita a eliminazione diretta di Champions League da quando ha giocato contro il Manchester City nel maggio 2021 (16). Le sfumature tipiche di Achraf Hakimi erano minime.

Venticinque tiri in porta rappresentano il numero più alto del PSG in una partita a eliminazione diretta europea dall’inizio del 2018-19. È una squadra giovane in campo, senza l’esperienza e il fiuto del Dortmund, ma una prestazione offensiva deludente da parte di una squadra che ha segnato in 24 partite casalinghe consecutive.

Liam Durmey


Come ricorderà Mbappe la sua finale al PSG?

Non era il risultato che Kylian Mbappe o il PSG si aspettavano.

Il capitano della Francia non dirà ancora addio al Parco dei Principi: questo fine settimana il PSG affronterà il Tolosa in Ligue 1.

Ma è stata la finale di Champions League a far uscire il capocannoniere di tutti i tempi del club in tutte le competizioni e in Europa. Non ha sempre avuto il caloroso affetto dei tifosi del PSG durante la sua permanenza a Parigi – come ha sottolineato L’Equipe questa settimana, quando spesso “se ne andava”. Ma a Parigi era amato come leader del club e della nazionale. Prima della partita, il suo nome è stato scandito ad alta voce dai tifosi mentre le squadre venivano lette.

Eppure questa partita e questo pareggio non si sono svolti secondo un copione.

In entrambe le gare, Mbappe ha faticato a trovare il suo momento. Al Signal Iduna Park, ha avuto una visione; Intervenire dalla fascia sinistra per far rotolare la palla. Stasera ha concesso mezze occasioni: un tiro al volo opportunistico dalla distanza, un bigodino da 30 yard che è andato a lato.

Il Dortmund merita più credito per come lo ha tenuto tranquillo. Il PSG critica la mancanza di brillantezza nel terzo finale, ricorrendo a cross alti che faticano a trovare il bersaglio. Non era questo il gioco di Mbappe.

Nella gara di ritorno è passato al lato sinistro, ma qui ha fatto poca differenza. Mbappe non è riuscito a segnare in entrambe le gare della fase a eliminazione diretta di Champions League da titolare in entrambe le partite, e questo è stato contro il Real Madrid negli ottavi di finale nel 2017-18. Parigi non era il circolo chiuso che era dopo di lui.

READ  Il presidente della Columbia University denuncia l'antisemitismo nel campus

Mbappe non è un outsider e nel complesso non è in questa partita. In effetti, Mbappe ha creato il maggior numero di occasioni sotto pressione in Champions League (23) prima di questo confronto, ma nessuna di queste è stata trasformata dai compagni di squadra. Mbappe non era dove il PSG aveva bisogno di lui: alla fine delle sue migliori occasioni.

Quando finalmente ne esce uno – una palla che rimbalza in area all’86 ‘ – il suo tiro finisce a terra, un collegamento feroce, deviato e sulla traversa. Non è destinato a succedere.

Peter Rutzler


Il piano di gioco di Terzic è stato una sorpresa?

Molti detrattori di Edin Terzic mettono in dubbio il suo acume tattico. La prestazione ha fornito un forte ripudio a Parigi, dove il Dortmund è stato organizzato e tenace come lo è stato per tutta la stagione.

Un aspetto sorprendente della prestazione del PSG nel primo tempo è stata la scarsa penetrazione in mezzo al campo. È il risultato di un piano di gioco ben eseguito.

L’idea era semplice: il Dortmund era compatto al centro, inviando i pressatori – in particolare Karim Ademi – nel tentativo di incanalare il possesso in uno stretto canale sulla destra. Aveva senso.

Solo il 17% dei tocchi offensivi del PSG nei primi 45 minuti sono arrivati ​​nel terzo centrale, il più basso in questa Champions League. Ciò ha lasciato la squadra di Luis Enrique dipendente da Dembele.

Sebastian Stafford-Bloor


Il PSG ha sofferto la pressione?

La partita è considerata la più importante di tutti i tempi al Parco dei Principi del PSG, o almeno dal 1995, quando affrontò il Milan nella prima semifinale di Champions League.

Non sorprende che l’attesa per la partita fosse alta a Parigi. L’obiettivo era creare un’atmosfera che potesse rivaleggiare con quella vissuta a Dortmund la scorsa settimana, in cui il muro giallo dei padroni di casa ha ispirato i padroni di casa alla vittoria per 1-0.

Gli Ultras hanno lanciato una “chiamata alle armi” all’inizio di questa settimana. Il presidente del club Nasser Al-Khelaifi ha detto che, se possibile, avrebbe rimosso i posti per la partita. Di notte, le terrazze erano gremite quasi un’ora prima dell’atterraggio e facevano un gran baccano.

READ  Il CEO della Disney Iger DeSantis definisce la rappresaglia "anti-business"

“Noi siamo Parigi,” tuonò dall’altoparlante. “Sei la voce di milioni di persone.” Alcuni Ultras si sono trasferiti allo stand di Boulogne di fronte alla residenza principale degli Ultras ad Auteuil.


Mbappe mostra la sua frustrazione durante la partita di martedì (Matthias Hengst/Getty Images)

Il PSG ha incanalato subito quell’energia dagli spalti, costringendoli alle sfide e spingendo la palla sul campo con determinazione collettiva. Ma poi la tensione si è insinuata tra i ranghi. Questa è una squadra molto giovane e quella notte l’età media dell’undici titolare era di 24 anni e 157 giorni. Si tratta dell’undici titolare più giovane in una semifinale di Champions League dai tempi dell’Arsenal nel maggio 2009.

Mostrava. Luis Enrique voleva che la sua squadra accogliesse la pressione, ma man mano che la partita andava avanti, quella forza e quell’energia cominciavano a svanire. Il pubblico continua, ma il PSG non ha il solito ritmo, dimostrandosi preciso con l’ultimo passaggio o cross nell’ultimo terzo, mentre il suo gioco manca di ritmo. La forma breve del Dortmund non è stata allungata. Mentre il PSG inseguiva la partita, gli attaccanti sembravano irrequieti quando si presentavano le occasioni.

Possono dare la colpa alla sfortuna, sottolineata da sei dei loro tiri che hanno colpito il legno su entrambe le gambe. Ma ha anche sottolineato come non fossero bravi sotto porta.

Luis Enrique vorrà che questa sia un’esperienza di apprendimento per la sua giovane squadra. Ma poiché molti a Parigi sperano in una trasferta a Wembley questa sera, sarà doloroso.

Peter Rutzler


Cosa ha detto Luis Enrique?

Luis Enrique ha detto: “È un Una partita combattuta, ma ad essere sincero penso che dovremmo vincere la partita. Abbiamo creato 31 scene, [we hit the woodwork] quattro [times] – Il calcio a volte è molto ingiusto.

“Congratulazioni a loro. Sono una grande squadra e spero che arrivino alla finale e vincano.”

Cosa ha detto Edin Terzic?

Tercic ha dichiarato a TNT Sport: “Orgoglioso se dovessi trovare una parola. Questo è un momento di grande orgoglio per noi. Il sogno non è ancora finito.

“Penso che abbiamo faticato molto, ma abbiamo mostrato una grande partita all’aperto contro una squadra che è un attaccante molto potente, veloce e mobile. Abbiamo vinto entrambe le partite in semifinale. È stato incredibile.

“È stata una grande prestazione. Loro erano la squadra migliore in termini di dominio nel primo tempo, ma abbiamo avuto una grande occasione con Karim Adeyemi ed è stato un momento importante per noi per mantenere alta la fiducia.


Lettura consigliata

(Foto in alto: Frank Fife/AFP tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *