Il giudice si rifiuta di ritardare il processo del “silenzio” di Trump mentre la Corte Suprema valuta le esenzioni presidenziali

Washington – Il giudice che supervisiona il processo penale dell'ex presidente Donald Trump a New York ha rifiutato la sua offerta dell'ultimo minuto L'inizio del processo dovrebbe essere ritardato fino a quando la Corte Suprema degli Stati Uniti non si pronuncerà sulla richiesta di immunità presidenziale di Trump.

Trump lo aveva fatto chiese Un avvocato di Trump ha ritardato la data di apertura del suo processo per i “soldi del silenzio” che aveva pagato alla star del cinema per adulti Stormi Daniels prima delle elezioni del 2016. Un altro dei suoi casi penali è stato perseguito attraverso “l'immunità presidenziale”. E' un'indagine A partire dal 15 aprile.

Mercoledì il giudice di Manhattan Juan Merson ha respinto la richiesta, affermando che era “tempestiva” e che gli avvocati di Trump hanno mesi per sollevare la questione prima che la mozione venga presentata a marzo.

“Questa corte ritiene che l'imputato abbia avuto numerose opportunità di ottenere l'immunità presidenziale prima del 7 marzo 2024”, ha scritto Merchan. “L'imputato potrebbe averlo fatto nelle sue mozioni omnibus del 29 settembre 2023, che sono state depositate sei giorni prima che spiegasse la sua domanda riconvenzionale federale e diversi mesi dopo aver presentato la sua mozione di archiviazione al tribunale federale il 4 maggio 2023.”

Merson ha osservato nella sua sentenza che le mozioni preliminari devono essere presentate entro 45 giorni. Trump era lì è stato presentato In questo caso lo scorso aprile. “Il fatto che Trump abbia aspettato 17 giorni prima della data dell'udienza prevista per il 25 marzo 2024, per presentare la mozione solleva interrogativi reali sull'integrità e sul vero intento della mozione”, ha detto il giudice.

Daniels è stato accusato di 34 reati di falsificazione di documenti aziendali al fine di pagare a Daniels $ 130.000 in rimborsi a Trump dopo che avrebbe avuto una relazione con Trump diversi anni fa. Trump, che nega di avere una relazione con Daniels, si è dichiarato non colpevole e ha negato qualsiasi addebito.

L'inizio del processo era originariamente previsto per il 25 marzo, ma è stato ritardato fino alla fine di questo mese dopo una controversia su circa 100.000 documenti ritirati dai pubblici ministeri federali. La squadra di Trump ha cercato di ritardare ulteriormente il procedimento o di archiviare del tutto il caso, accusando i pubblici ministeri di cattiva condotta per non aver consegnato rapidamente nuovi documenti.

All'udienza della scorsa settimana, Merson ha detto che i pubblici ministeri “sono andati oltre quanto avrebbero dovuto, ed è davvero strano che ci stiamo prendendo questo tempo”.

Trump, candidato alla Casa Bianca, è impegnato a difendersi in diversi casi penali.

Un giudice della Florida deve ancora definire la data del processo in un caso riguardante la presunta cattiva gestione di documenti riservati da parte di Trump dopo aver lasciato la Casa Bianca nel 2021. Il suo processo a Washington, DC, è stato accusato di cospirazione per manipolare le elezioni del 2020. La Corte Suprema è in attesa poiché esamina la questione dell'immunità. È stato incriminato anche in Georgia per un caso di interferenza elettorale. Si è dichiarato non colpevole di tutte queste accuse.

READ  Eric Carmen, cantante di "All By Myself" e "Hungry Eyes", è morto all'età di 74 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *