Kyriakos Mitsotakis ha vinto le elezioni greche con una valanga di voti

Ricevi aggiornamenti politici greci gratuiti

Il greco Kyriakos Mitsotakis e il suo partito di centrodestra Nuova Democrazia hanno ottenuto una schiacciante vittoria alle elezioni di domenica, promettendo di “trasformare la Grecia” nel suo secondo mandato.

Con più della metà dei voti contati, il Nuovo Partito Democratico ha ottenuto il 40,5% dei voti, sufficiente per governare senza un partito di coalizione. La principale opposizione di sinistra Syriza è arrivata terza con il 17,8% e il PASOK di centrosinistra con il 12,1%.

“I nostri obiettivi sono alti e abbastanza alti da poter ribaltare la situazione della Grecia”, ha detto Mitsotakis dopo l’arrivo dei primi risultati domenica. “Abbiamo il piano e l’esperienza per trasformare tutto questo in realtà”, ha affermato. . Si è impegnato ad affrontare la disuguaglianza, migliorare i servizi pubblici e l’assistenza sanitaria e accelerare la digitalizzazione.

Le elezioni di domenica si sono svolte a maggio dopo che la nuova democrazia è salita al potere, ma non ha raggiunto la maggioranza assoluta. Mitsotakis in seguito si è dimesso dopo aver appreso che le elezioni anticipate si sarebbero svolte in base alle nuove leggi elettorali che davano seggi bonus al partito leader, sufficienti per contarli per formare un governo senza coalizione.

“Mitsotakis è ora la figura politica unica e dominante della Grecia, con il pieno controllo del proprio partito e parlamento”, ha affermato Mujtaba Rahman, amministratore delegato per l’Europa di Eurasia Group. Ha detto che l’agenda riformista di Mitsotakis sarebbe stata probabilmente implementata se non avesse avuto ostacoli da parte di un partner.

READ  Il rapper Travis Scott evita le accuse della mafia texana

Una vittoria di Mitsotakis era ampiamente prevista e nelle ultime settimane i mercati hanno registrato un rally di azioni e obbligazioni, reagendo positivamente alla corsa. È probabile che il rating del credito venga aggiornato a investment grade entro la fine dell’anno, segno che la Grecia si è lasciata alle spalle una crisi economica decennale.

Durante la sua campagna elettorale Mitsotakis ha ripetutamente promesso di dare una scossa a sanità e giustizia, uno dei sistemi più lenti d’Europa. “Non sarà facile”, ha detto Dimitris Papadimitriou, professore di scienze politiche all’Università di Manchester in Inghilterra, “per farlo incontrerà le lobby più potenti della Grecia e una burocrazia super contraria”.

L’opposizione di sinistra non poteva unirsi come una forza unita. “Non è molto diverso dalla situazione al picco in Germania [Angela] “Il dominio politico della Merkel, durante il quale il sostegno del centrosinistra è stato diviso tra tre partiti”, ha detto Papadimitriou.

Il partito del primo ministro Alexis Tsipras si è ridotto nel 2015-19, quando la Grecia era sull’orlo del collasso finanziario e si trovava di fronte all’uscita dall’eurozona. SYRIZA ha staccato il partito al governo di oltre 22 punti, sollevando interrogativi sulla leadership di Tsipras e sul suo futuro mentre era all’opposizione.

Del nuovo parlamento faranno parte anche diversi partiti marginali di estrema sinistra e destra. Papadimitriou ha affermato che un elettore su tre ha scelto partiti anti-establishment e anti-democratici, un segno di risentimento in un segmento della società di cui Mitsotakis deve tenere conto.

Un ingresso a sorpresa in parlamento è stato un nuovo partito di estrema destra, gli Spartans, fondato a maggio e sostenuto dal deputato detenuto ex neonazista Alba Dorata. Gli spartani, che sono vicini al cinque per cento, secondo gli analisti, sono la nuova iterazione del partito bandito e potrebbero continuare a polarizzare società e parlamento su questioni come la migrazione.

READ  Evan Gershkovich: la Russia accusa il reporter del Wall Street Journal di spionaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *