Chandrayaan-3: l’India inizia la storica missione per far atterrare un veicolo spaziale sulla Luna

Agenzia indiana per la ricerca spaziale/EPA-EFE/Shutterstock

Chandrayaan-3 si prepara al lancio il 13 luglio 2023 da Sriharikota, in India.



Cnn

India Il successo del lancio della sua missione Chandrayaan-3 venerdì lo ha reso il quarto paese nel suo tentativo di eseguire un atterraggio controllato sulla luna.

Chandrayaan, che significa “veicolo lunare” in sanscrito, è stato lanciato dal Satish Dhawan Space Center a Sriharikota, nel sud dell’Andhra Pradesh, alle 14:30 ora locale (5:00 ET).

La folla ha gremito il centro spaziale per assistere al lancio storico e più di 1 milione di persone si sono sintonizzate per guardare su YouTube.

Questo è il secondo tentativo dell’India di un atterraggio morbido dopo il precedente tentativo con Chandrayaan-2 nel 2019. fallimento. La sua prima sonda lunare, Chandrayaan-1, ha orbitato attorno alla luna e poi ha effettuato un atterraggio intenzionale sulla superficie lunare nel 2008.

Sviluppato dall’Indian Space Research Organization (ISRO), Chandrayaan-3 è costituito da un lander, un modulo di propulsione e un rover. La sua missione è atterrare in sicurezza sulla superficie lunare, raccogliere dati e condurre una serie di esperimenti scientifici per saperne di più sulla composizione della luna.

Solo tre paesi – Stati Uniti, Russia e Cina – sono riusciti nella complicata impresa di far atterrare dolcemente un veicolo spaziale sulla superficie lunare.

Gli ingegneri indiani hanno lavorato al lancio per anni. Mirano a far atterrare Chandrayaan-3 nelle vicinanze L’impegnativo terreno dell’inesplorato Polo Sud della Luna.

Chandrayaan-1, la prima missione lunare dell’India, ha scoperto molecole d’acqua sulla superficie lunare. Undici anni dopo, Chandrayaan-2 Inserito con successo orbita lunare ma il suo rover si è schiantato sulla superficie lunare. Doveva anche esplorare il Polo Sud della Luna.

READ  Shohei Ohtani degli Angels colpisce ancora con un fuoricampo di 493 piedi

All’epoca, il primo ministro indiano Narendra Modi ha elogiato gli ingegneri dietro la missione, impegnandosi a continuare a lavorare sul programma spaziale e sulle ambizioni dell’India nonostante il fallimento.

Poco prima del lancio di venerdì, Modi ha dichiarato: “Questo giorno sarà sempre inciso a lettere d’oro per quanto riguarda l’industria spaziale indiana”.

“Questa straordinaria missione porterà le speranze e i sogni della nostra nazione”, ha detto in un post su Twitter.

L’India ha speso circa 75 milioni di dollari per il suo programma Chandrayaan-3.

Modi ha detto che il razzo percorrerà 300.000 chilometri (186.411 miglia) e raggiungerà la luna “nelle prossime settimane”.

Il programma spaziale dell’India risale a sei decenni fa, quando era una repubblica recentemente indipendente e un paese profondamente impoverito che vacillava a causa di una sanguinosa divisione.

Quando lanciò il suo primo razzo nel 1963, il paese non poteva competere con le ambizioni degli Stati Uniti e dell’ex Unione Sovietica, che erano all’avanguardia nella corsa allo spazio.

Ora, l’India è il paese più popoloso del mondo e la sua quinta economia più grande. Ha una popolazione giovane in crescita ed è un centro in crescita di innovazione e tecnologia.

Le ambizioni spaziali dell’India si stanno concretizzando sotto Modi.

Per un leader salito al potere nel 2014 sulla scia del nazionalismo e della grandezza futuristica, il programma spaziale indiano è un simbolo della crescente importanza del paese sulla scena mondiale.

Nel 2014, l’India è diventata il primo paese asiatico a raggiungere Marte quando ha lanciato la navicella spaziale Mangalyaan al costo di 74 milioni di dollari, meno dei 100 milioni di dollari spesi da Hollywood per realizzare il thriller spaziale “Gravity”.

READ  Jill Biden esamina più da vicino la siccità dell'Africa orientale

Tre anni dopo, l’India ha lanciato 104 satelliti in un’unica missione.

Nel 2019, Modi ha annunciato in un raro discorso televisivo che l’India aveva abbattuto uno dei propri satelliti in quello che si diceva fosse un test anti-satellite, diventando uno dei soli quattro paesi a farlo.

Nello stesso anno, l’ex capo dell’ISRO Kailashavadivu Sivan ha affermato che l’India prevede di avere una stazione spaziale indipendente entro il 2030. Attualmente, ci sono solo stazioni spaziali per la Stazione Spaziale Internazionale (un progetto congiunto multinazionale) e stazioni spaziali con equipaggio. Stazione spaziale di Tiangong, Cina.

La rapida crescita e l’innovazione hanno reso la tecnologia spaziale uno dei settori più caldi dell’India per gli investitori e i leader mondiali sembrano averne preso atto.

Quando Modi ha incontrato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in visita di stato a Washington il mese scorso, la Casa Bianca ha affermato che i due leader cercavano una maggiore cooperazione nell’economia spaziale.

E le ambizioni spaziali dell’India non si fermano alla Luna oa Marte. L’ISRO ha anche proposto di inviare un orbiter su Venere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *