Il calo dei prezzi sta facendo crollare il valore delle esportazioni cinesi

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le esportazioni cinesi sono diminuite drasticamente in termini di dollari a marzo, poiché i prezzi più bassi per i beni cinesi hanno pesato sui produttori della seconda economia mondiale.

Il valore delle esportazioni cinesi è sceso del 7,5% a marzo, rispetto a un sondaggio di analisti Reuters che aveva previsto un calo del 2,3% rispetto all'anno precedente. Le importazioni sono diminuite dell'1,9%, rispetto alle aspettative degli analisti che prevedevano un aumento dell'1,4%.

Il calo del valore delle esportazioni e l’aumento dei volumi sottolineano le sfide che Pechino deve affrontare mentre si sposta verso la produzione e il commercio per far uscire l’economia da una profonda recessione alimentata dal rallentamento del settore immobiliare.

Gli economisti affermano che una maggiore capacità in alcuni settori – in particolare quelli favoriti dalla politica industriale come i veicoli elettrici, i pannelli solari e altri settori – potrebbe aiutare la Cina a ridurre i costi di esportazione e a guadagnare quote di mercato globali.

“C'è una concorrenza sui prezzi davvero feroce nel settore high-tech della produzione di veicoli, pannelli solari, turbine eoliche… quindi sta colpendo economie come Germania, Corea, Taiwan, Giappone.“,” Lo ha affermato il capo economista asiatico di HSBC, Frederick Newman. “La chiave sono i volumi, e quando confrontiamo i volumi della Cina, stanno raggiungendo livelli record.”

Pechino deve far fronte alle crescenti accuse da parte degli Stati Uniti e dell’Europa secondo cui le sue industrie sono in eccesso di offerta, sollevando il timore che gli esportatori stiano scaricando beni artificialmente economici e sovvenzionati sui mercati internazionali.

I partner commerciali della Cina chiedono a Pechino di stimolare la domanda interna per colmare il divario nel settore immobiliare, che un tempo rappresentava quasi un terzo del Pil.

Ma nelle ultime settimane i funzionari cinesi hanno lanciato una campagna per respingere le affermazioni occidentali sulla sovraccapacità, affermando che le loro esportazioni stanno diminuendo di prezzo e stanno guadagnando quote di mercato a causa dell’innovazione e della competitività. L'indice dei prezzi alla produzione cinese è sceso per 18 mesi consecutivi, mentre i prezzi al consumo hanno sfiorato la deflazione, segno di una domanda debole.

“Il calo dei prezzi dei prodotti è legato a fattori quali fluttuazioni dei prezzi delle materie prime, aggiornamenti tecnologici e produttori che abbassano volontariamente i prezzi”, ha detto Wang Lingjun, vice ministro dell'Amministrazione generale delle dogane, in una conferenza stampa a marzo. numeri. “I prodotti cinesi sono ampiamente apprezzati in tutto il mondo per la loro innovazione e qualità.”

Il governo cinese ha fissato un obiettivo che gli analisti descrivono come un aumento del 5% nella crescita del PIL entro il 2024. Pechino ha annunciato piani per stimolare la domanda interna con piani per l'industria di “aggiornare” le sue attrezzature e per i consumatori di acquistare nuove attrezzature.

Il calo dei proventi delle esportazioni di marzo ha fatto seguito ai forti aumenti di gennaio e febbraio, spinti da una ripresa del ciclo dell’elettronica e da maggiori esportazioni verso paesi come la Russia.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholes visiterà la Cina la prossima settimana e dovrebbe invitare i suoi omologhi ad abbattere le barriere per le società straniere in settori come gli appalti pubblici.

“La Cina sta guadagnando quote di mercato rispetto ad altri esportatori asiatici e potrebbe essere contraria alle esportazioni in altre parti del mondo”, ha affermato Newman di HSBC.

I prezzi bassi del paese sono positivi per i consumatori di tutto il mondo e aiutano i governi a combattere le pressioni inflazionistiche, ma significa anche una maggiore pressione competitiva per gli esportatori di altri paesi.

“Questo effetto inflazionistico viene esportato nel resto della regione, almeno dal lato delle esportazioni”, ha detto Newman.

Ishwar Prasad, economista e professore di politica commerciale alla Cornell University, ha affermato che il calo del dollaro potrebbe essere dovuto a fattori legati al tasso di cambio e ad una “debolezza persistente nei principali mercati esteri della Cina, in particolare in Europa”.

READ  TMTG: Le azioni di Trump sono crollate di nuovo dopo che Truth ha annunciato che sarebbe entrato nel social streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *