Il Pentagono rafforza i controlli sulle informazioni riservate dopo la fuga di notizie

WASHINGTON, 5 luglio (Reuters) – Il Pentagono ha annunciato mercoledì l’intenzione di inasprire le restrizioni sulle informazioni classificate dopo che un aviatore di aprile è stato arrestato e successivamente accusato di aver pubblicato documenti classificati sull’app di messaggistica Discord.

La revisione di 45 giorni non ha identificato un singolo punto di errore, ma il Pentagono ha affermato che le politiche relative ai dispositivi elettronici nelle aree sensibili non erano chiare e hanno portato a incoerenze nella loro attuazione.

Il Pentagono ha affermato che le nuove misure includono la nomina di “ufficiali di controllo top secret”, l’istituzione di un nuovo ufficio per le minacce interne e piani per sistemi per rilevare dispositivi elettronici in luoghi di lavoro classificati, segreti e top secret.

Jack Douglas Teixeira, 21 anni, di North Titan, Massachusetts, è stato incriminato il mese scorso per sei accuse di possesso e diffusione consapevolmente di informazioni riservate relative alla sicurezza nazionale.

La fuga di documenti, per lo più pubblicati su piattaforme di social media, è stata ritenuta la più grave violazione della sicurezza da quando nel 2010 sono apparsi sul sito web di WikiLeaks più di 700.000 documenti, video e dispacci diplomatici.

Ogni accusa di possesso e trasferimento non autorizzato di informazioni sulla sicurezza nazionale è punibile fino a 10 anni di carcere, fino a tre anni di rilascio controllato e una multa fino a 250.000 dollari, ha affermato il Dipartimento di Giustizia.

I pubblici ministeri affermano che Teixeira ha fatto trapelare documenti riservati a un gruppo di giocatori sull’app di messaggistica Discord.

“Quello che stiamo vedendo qui è che abbiamo un ecosistema in crescita di strutture classificate e una forza lavoro ridotta”, ha detto ai giornalisti un alto funzionario della difesa statunitense.

READ  Messico - La donna di San Mateo rapita dalla NBC Bay Area torna a casa

“Come qualcuno che ha letto molte politiche del Dipartimento della Difesa, non sono documenti chiari”, ha detto il funzionario.

Il funzionario ha affermato che il Pentagono deve essere più chiaro sulle sue politiche relative alle informazioni classificate e su dove è possibile accedervi, e maggiore responsabilità per il personale che lavora con informazioni sensibili.

Reportage di Bill Stewart e Idris Ali; Montaggio di Franklin Ball e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *