Rishi Sunak si trova nei guai dopo che Boris Johnson si è dimesso da deputato

Le dimissioni di Johnson significano che il partito di Sunak ora deve affrontare un’elezione speciale quest’estate.

Boris Johnson ha rassegnato le dimissioni dal parlamento britannico, denunciando il gruppo di legislatori che indagava sulla sua condotta come un “tribunale canguro” e attaccando le politiche dell’attuale primo ministro Rishi Sunak.

L’ex primo ministro – che lo scorso anno ha incolpato Sunak per un ruolo nella sua stessa caduta – ha accusato il Comitato dei privilegi del parlamento di “lavoro politicamente riuscito” e ha accusato il suo presidente, Harriet Harman del partito laburista, di “enorme pregiudizio”.

Il gruppo non ha risposto a una richiesta di commento. Il comitato sta indagando se Johnson abbia ingannato i legislatori su potenziali violazioni di Covid-19 da parte dei funzionari.

“Il rapporto del panel è impreciso e puzza di pregiudizio”, ha dichiarato Johnson in una dichiarazione rilasciata venerdì scorso. È stato informato privatamente questa settimana delle loro conclusioni, che non sono ancora state rese pubbliche. “Ora vengo espulso dal Parlamento da alcune persone”, ha detto.

Le dimissioni di Johnson innescano un’impegnativa elezione speciale per Sunak, che il partito conservatore al governo ha tenuto nel 2019 con una maggioranza relativa di 7.000.

La partenza riapre una faida tra i due da quando Sunak si è dimesso da Cancelliere dello Scacchiere lo scorso anno per protesta contro la leadership di Johnson. Quella mossa ha fatto precipitare le dimissioni di Johnson da premier.

Nel suo rapporto, Johnson non ha tirato pugni nel trovare negligenza elettorale nel partito conservatore, che ha seguito per mesi il principale partito laburista di opposizione a doppia cifra nei sondaggi nazionali.

READ  Prima della visita di Trump a New York, Adams avverte i manifestanti di comportarsi bene

Il giorno in cui Sunak è tornato da una visita di due giorni a Washington, Johnson si è chiesto “perché il governo abbia abbandonato così passivamente la prospettiva di un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti”. Ha detto che i ministri dovrebbero tagliare le tasse aziendali e personali e ha chiesto perché il governo abbia “cestinato” le misure per aiutare le persone a possedere case.

“Non dovremmo aver paura di essere un vero governo conservatore”, ha detto Johnson. “Quando ho lasciato l’incarico l’anno scorso, il governo era indietro di pochi punti nei sondaggi. Ora quel divario si è enormemente ampliato. Il nostro partito deve ritrovare immediatamente il senso dello slancio e la fiducia in ciò che questo Paese può fare”.

Le dimissioni di Johnson significano che il partito di Sunak ora dovrà affrontare elezioni speciali quest’estate, minacciando di far deragliare le sue speranze di colmare il divario nei sondaggi con l’opposizione laburista in vista delle elezioni generali entro gennaio 2025.

Si è dimesso venerdì dopo che una rapida successione di sviluppi ha fatto precipitare i conservatori in un ulteriore limbo politico.

Nadine Dorries , un’alleata chiave di Johnson, ha rassegnato le dimissioni dal suo posto nel Mid Bedfordshire dopo che le era stato negato un titolo nobiliare per le dimissioni di Johnson. Alto deputato conservatore E l’euroscettico Bill Cash ha annunciato che si sarebbe dimesso alle prossime elezioni dopo che Johnson lo aveva nominato Ordine dei Compagni d’Onore.

L’elenco è stato pubblicato venerdì pomeriggio, suscitando ulteriori polemiche per i Tories dopo che Johnson ha nominato diversi sostenitori chiave per i premi, tra cui gli ex ministri Jacob Rees-Mogg e Priti Patel.

READ  La crescita dell'occupazione negli Stati Uniti rimane solida

Sabato, Nigel Adams ha annunciato le sue dimissioni da membro del parlamento britannico con effetto immediato, innescando una terza elezione suppletiva dopo Johnson e i Tory.

Durante i blocchi del 2020 e del 2021, il Privileges Committee ha cercato di stabilire se Johnson abbia deliberatamente fuorviato i legislatori quando ha ripetutamente negato che ci fossero state violazioni delle regole durante una serie di incontri a Downing Street, noti collettivamente come “partygate”. In seguito si è scusato. Stanza dopo essere stata multata per aver infranto le regole. Anche Sunak è stato multato.

Johnson ha lanciato attacchi rabbiosi contro i laburisti dell’opposizione, sostenendo che la sua caduta è stata causata dagli attivisti anti-Brexit, così come dai funzionari Sunak e Sue Gray, i funzionari dell’inchiesta su Partygate, che hanno svolto un ruolo importante nella sua caduta.

“C’è una caccia alle streghe in corso per vendicare la Brexit e alla fine invertire il risultato del referendum del 2016”, ha detto Johnson, un architetto chiave della vincente campagna “Leave”.

Con l’immediata carriera politica di Johnson finita, ha lasciato intendere che potrebbe provare a fare un ritorno ad un certo punto. “È molto triste lasciare il Parlamento, almeno per ora”, ha detto.

(A parte il titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *