Il CEO della Disney Iger DeSantis definisce la rappresaglia “anti-business”

LOS ANGELES, 3 aprile (Reuters) – L’amministratore delegato della Walt Disney Co (DIS.N), Bob Iger, lunedì si è scagliato contro il governatore repubblicano della Florida Ron DeSantis, dicendo che la sua apparente rappresaglia contro la Disney per aver preso posizione sulla legislazione era “anti-business .” “

Dopo aver inizialmente cercato di rimanere neutrale, la Disney si è opposta al Parental Rights in Education Act della Florida – indicato dagli oppositori come il disegno di legge “Don’t Say Gay” – che limita la discussione in classe sull’orientamento sessuale e l’identità di genere.

Poco dopo, DeSantis e il legislatore della Florida si sono mossi per privare il lotto di 24.000 acri (9.712 ettari) che circonda il Walt Disney World Resort di Orlando dell’autonomia virtuale di cui godeva l’azienda.

In risposta a una domanda all’assemblea annuale degli azionisti della società, Iger ha affermato che la Disney non ha affrontato adeguatamente la sua posizione sul disegno di legge, ma ha affermato che le società hanno il diritto di esprimere opinioni. DeSantis “ha deciso di vendicarsi contro di noi”, ha detto.

“Cercare di punire un’istituzione per l’esercizio di un diritto costituzionale, mi sembra molto sbagliato”, ha detto Iger.

Ha notato che la Disney impiega 75.000 persone nello stato e quest’anno accoglie 50 milioni di visitatori a Disney World. Iger ha affermato che la Disney intende approfondire i suoi investimenti in Florida, spendendo 17 miliardi di dollari e creando altri 13.000 posti di lavoro nel prossimo decennio.

“Questi tentativi di rappresaglia per una posizione assunta dalla società non sono solo anti-business, ma anti-Florida”, ha detto Iger.

READ  Il tiratore di massa della sinagoga Tree of Life di Pittsburgh è stato condannato in un processo federale con pena di morte

A febbraio, i legislatori della Florida hanno sostenuto un disegno di legge che avrebbe conferito a DeSantis il controllo effettivo del consiglio di amministrazione che sovrintende allo sviluppo nel distretto fiscale speciale. Il governatore firmò il disegno di legge e nominò cinque supervisori per sorvegliare il luogo, dove la Disney operava con un maggior grado di autonomia.

Prima dell’acquisizione da parte degli incaricati di DeSantis, la Disney ha apportato modifiche per limitare le attività del consiglio per decenni. Lunedì, DeSantis ha detto all’ispettore generale della Florida quello che ha descritto come un tentativo dell’ultimo minuto di “usurpare il potere” da parte della Disney e del gruppo uscente.

“Questi accordi collettivi e autogestiti hanno lo scopo di annullare la legislazione approvata di recente, minare il processo legislativo della Florida e annullare la volontà dei floridiani”, ha scritto DeSantis in una lettera vista da Reuters.

In una riunione degli azionisti Disney, un partecipante ha affermato che la società ha promosso un “programma di risveglio” da “luogo magico per i bambini” a “istituzione ideologica al servizio della comunità LGBTQ”.

Iger ha detto di essere sensibile a quella critica.

“La nostra missione principale è intrattenere … e avere un impatto positivo sul mondo”, ha affermato. “Sono molto serio al riguardo. Non dovrebbe essere all’ordine del giorno.

Iger ha affermato di sapere che “i genitori hanno diversi livelli di comfort” con i contenuti Disney e ha aggiunto: “Ci impegniamo a fornire contenuti adatti all’età per il pubblico familiare, raccontando storie che riflettono il mondo che ci circonda e promuovono una migliore comprensione, una migliore prospettiva, e una maggiore accettazione tra tutte le persone “.

READ  Annunciata la Sony ZV-E1: fotocamera full frame mirrorless compatta alimentata da IA ​​per vlogger

Gli azionisti Disney hanno sostenuto 11 candidati, tra cui Iger e il presidente Mark Parker, presidente esecutivo di Nike (NKE.N) ed ex amministratore delegato per sostituire il presidente uscente Susan Arnold alla Disney.

Gli azionisti hanno rifiutato una proposta per richiedere alla Disney di fornire una relazione annuale sulla sua dipendenza dalla Cina per materie prime, prodotti finiti, entrate dei parchi a tema e manodopera.

Hanno anche respinto una proposta degli azionisti che chiedeva alla società di fornire maggiori informazioni sui contributi di beneficenza.

Segnalato da Lisa Rich; Montaggio di Jonathan Otis e Bill Bergrod

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *