Jill Biden esamina più da vicino la siccità dell’Africa orientale

“Hanno parlato di come il loro bestiame stava morendo. Ovviamente, puoi vedere la siccità qui, ecco quanto è grave”, ha detto la first lady ai giornalisti. “Una fonte d’acqua qui alimenta 12 villaggi e ogni villaggio ha da mille a 1.200 persone”.

“Quindi vengono qui, le persone vengono ad attingere acqua, portano il loro bestiame ad attingere acqua. Ma sfortunatamente, per molti di loro, si guadagnano da vivere con il loro bestiame, e per la maggior parte di loro, il bestiame sta morendo, quindi sono soffrendo molto”, ha detto.

Biden ha osservato che gli Stati Uniti hanno fornito il 70% del denaro inviato alla regione per alleviare le sofferenze, “ma non possiamo essere soli”.

“Altri paesi devono unirsi a noi in questo sforzo globale per aiutare la popolazione di questa regione”, ha detto, aggiungendo che la siccità è in competizione con gli sforzi umanitari con la guerra della Russia in Ucraina e un terremoto che ha ucciso decine di migliaia di persone. In Turchia e Siria.

“Voglio dire, ci sono molti interessi in competizione, ma, ovviamente qui, le persone sono davvero bestiame, le persone muoiono di fame”, ha detto.

Meg Whitman, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Kenya che ha accompagnato Biden, ha detto che le persone sanno intellettualmente cosa sta succedendo nella regione, ma “quando lo vedi, è diverso”.

Facendo eco a Biden, Whitman ha detto: “Tutti devono aiutare qui il più possibile perché questo continuerà in futuro”.

La comunità Maasai, per lo più pastori, vive nella contea di Kajiado, dove si è recato Biden.

Quasi 23 milioni di persone in Somalia, Etiopia e Kenya sono considerate estremamente insicure dal punto di vista alimentare, il che significa che non sanno dove troveranno il loro prossimo pasto, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura e la Food Security Task Force guidata dalla regione. Commissione intergovernativa per lo sviluppo.

READ  Gli avvocati di Trump hanno presentato un altro ricorso contro l'udienza sui soldi

Un anziano Maasai, Mingadi Samanya, 69 anni, ha detto di aver perso 10 mucche durante la recente e prolungata siccità e di aver faticato a trovare fieno per le sue mandrie rimanenti.

“Le scarse piogge dell’anno scorso non sono bastate, e ora stiamo lottando per pascolare di nuovo. Speriamo che le lunghe piogge siano sufficienti”, ha detto all’Associated Press in un’intervista telefonica.

In tournée nella regione colpita dalla siccità vicino al confine del Kenya con la Tanzania, Biden ha cercato di sfruttare il suo status per focalizzare l’attenzione del mondo sull’aggravarsi della crisi umanitaria nell’Africa orientale.

Nel viaggio di quasi tre ore a sud della capitale, Nairobi, il lungo corteo di Biden ha attraversato fiumi asciutti e letti di torrenti. C’erano molte mucche che camminavano lungo l’autostrada, molte delle quali mostravano le costole.

Folle di persone in fila in vari punti su entrambi i lati del corteo, salutando o usando i loro cellulari per registrare l’evento.

Circa 4,4 milioni di persone in Kenya affrontano alti livelli di insicurezza alimentare, un numero che dovrebbe salire a 5,4 milioni a marzo, secondo un’analisi della classificazione della fase di sicurezza alimentare integrata.

Sono già morti 11 milioni di capi di bestiame, vitali per la salute e il sostentamento di molte famiglie. Molte delle persone colpite sono agricoltori che vedono i loro raccolti appassire e morire e le loro fonti d’acqua prosciugarsi.

Il Kenya settentrionale, sede di comunità aride e semi-aride e pastorali, è il più colpito.

Il settore agricolo del paese è fortemente dipendente dalle precipitazioni e il dipartimento meteorologico ha previsto piogge tardive durante la breve stagione delle piogge che inizia a marzo.

READ  Nuova mappa delle nevicate, 2 turni separati di neve

Il presidente William Ruto ha annunciato lo scorso ottobre che il suo gabinetto aveva revocato un divieto decennale sulla coltivazione all’aperto e sull’importazione di colture geneticamente modificate. La decisione è arrivata tra le pressioni del governo degli Stati Uniti, che ha sostenuto che il divieto ha danneggiato le esportazioni agricole e gli aiuti alimentari statunitensi.

La scorsa settimana, Rudo ha guidato il paese chiedendo la pioggia.

Dal suo arrivo in Namibia lo scorso mercoledì, la First Lady ha evidenziato la siccità insieme all’empowerment delle donne e dei giovani.

Biden ha visitato il Kenya nel 2011, quando suo marito Joe Biden era vicepresidente, per contribuire a sensibilizzare su quella che era considerata una grave carestia. I funzionari statunitensi e le agenzie umanitarie affermano che l’attuale siccità è di gran lunga peggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *