Le azioni salgono, il dollaro arretra prima dei dati sull’inflazione

LONDRA, 11 luglio (Reuters) – L’azionario globale è salito e il dollaro è sceso prima dei dati sull’inflazione USA che potrebbero porre rapidamente fine a un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve, mentre le prospettive di crescita economica della Cina hanno contribuito a far salire materie prime come petrolio e rame. .

I mercati attendono i dati sull’inflazione negli Stati Uniti di mercoledì per vedere se le pressioni sui prezzi continuano a moderarsi, il che potrebbe fornire indizi sulle prospettive dei tassi di interesse.

L’indice MSCI All-World (.MIWD00000PUS) è ​​salito dello 0,3%, sostenuto dai guadagni delle azioni europee, lo STOXX 600 (.STOXX) è salito dello 0,35% nei primi scambi e in Asia le azioni cinesi hanno esteso il sostegno al settore immobiliare.

I futures sugli indici azionari statunitensi sono saliti dello 0,1-0,2%, segnando un modesto guadagno nelle ore di apertura.

Lunedì gli investitori stavano digerendo i commenti di diversi funzionari della Federal Reserve secondo cui il livello di inflazione giustifica ulteriori aumenti dei tassi, ma la banca centrale si sta avvicinando alla fine del suo attuale ciclo di inasprimento della politica monetaria.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che l’indice dei prezzi al consumo salisse del 3,1% a giugno, dopo un aumento del 4% a maggio. Sarà il più basso da marzo 2021. Il tasso chiave dovrebbe scendere al 5% nel terzo mese dal 5,3%, ma è più del doppio dell’obiettivo del 2% della banca centrale.

Il rapporto sull’occupazione della scorsa settimana ha mostrato meno lavoratori del previsto nei libri paga non agricoli il mese scorso, scatenando un’ondata di vendite di dollari, ma poco ha spostato l’ago sulle aspettative sui tassi.

READ  Wegmans sta chiudendo uno dei suoi più grandi negozi in America

“Prendo i movimenti (di mercato), soprattutto quando sono così vicini tra il rapporto sull’occupazione e l’inflazione, con un pizzico di sale”, ha detto lo stratega di mercato di OANDA Craig Erlam.

“C’è un grande occhio sui dati sull’inflazione di domani: è un giorno di ritardo per la riunione di luglio. Quell’aumento è sostanzialmente sigillato e ci vorrà qualcosa di più debole sul lato dell’inflazione per invertirlo”, ha detto.

infiammazione

Un dollaro debole

L’indice del dollaro, che misura la performance della valuta statunitense rispetto ad altri sei paesi, è sceso dello 0,2% nel corso della giornata al minimo di due mesi, in linea con un calo dei rendimenti dei Treasury statunitensi.

Il rendimento della nota di riferimento a 10 anni è sceso di 4 punti base al 3,964%, in calo rispetto a meno del 4% del giorno precedente.

“Con la crescente evidenza di tendenze inflazionistiche a breve termine, ci sono dubbi sul fatto che l’inflazione rimarrà a livelli sgradevolmente elevati nel medio termine”, ha affermato lo stratega della Deutsche Bank Jim Reid.

Lo yen giapponese è salito al massimo di un mese rispetto al dollaro, mentre la valuta statunitense è scesa dello 0,6% a 140,51 nel corso della giornata, seguendo il calo dei rendimenti del Tesoro.

Nel frattempo, la prospettiva di una spinta alla più ampia economia cinese ha contribuito a far salire i prezzi del petrolio greggio e di altre materie prime industriali come il rame e il minerale di ferro.

I regolatori cinesi lunedì hanno esteso alcune politiche in un pacchetto di salvataggio introdotto a novembre per aumentare la liquidità nel travagliato settore immobiliare.

Il greggio Brent, che fatica a superare i minimi di 18 mesi, è salito dello 0,4% a 78 dollari al barile, mentre i futures statunitensi sono saliti dello 0,5% a 73,35 dollari.

READ  McDonald's riacquisterà tutti i suoi ristoranti israeliani

Il rame è salito dello 0,5% a 8.4000 dollari la tonnellata al London Metal Exchange. È diretto alla sua prima perdita annuale dal 2018, trainata dalla domanda repressa dalla Cina.

Alcune delle più grandi aziende di Wall Street, tra cui JPMorgan ( JPM.N ), Citigroup ( CN ) e Wells Fargo ( WFC.N ), riporteranno questa settimana i risultati degli utili del secondo trimestre.

Gli analisti prevedono una contrazione dei ricavi del 6,4% nel secondo trimestre su base annua, secondo i dati IBES di Refinitiv.

Reportage aggiuntivo di Julie Zhu a Hong Kong; Montaggio di Sam Holmes, Jamie Freed e David Evans

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *