McDonald's riacquisterà tutti i suoi ristoranti israeliani

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Il Canada è uno dei paesi che ha visto proteste contro la catena

Il gigante del fast food McDonald's riacquisterà tutti i suoi ristoranti israeliani dopo che il marchio è stato boicottato in risposta alla guerra tra Israele e Hamas.

La società ha dichiarato di aver firmato un accordo con l'affiliato Aloniel per riprendere 225 punti vendita in tutto il paese, impiegando 5.000 persone.

McDonald's è finito nel mirino dopo che Alonyal ha iniziato a distribuire migliaia di pasti gratuiti ai soldati israeliani.

Le vendite nella regione sono diminuite dall'inizio del conflitto in ottobre.

Giovedì McDonald's ha firmato un accordo con Aloniel, che gestisce la catena Golden Arches in Israele da oltre 30 anni.

La società americana ha affermato che i ristoranti, le operazioni e il personale saranno mantenuti a “pari condizioni” e che rimarranno “impegnati nel mercato israeliano”. Le condizioni di vendita non sono state divulgate.

Il boicottaggio è stato motivato dopo che paesi a maggioranza musulmana come Kuwait, Malesia e Pakistan hanno rilasciato dichiarazioni in cui prendono le distanze dall’organizzazione, considerata filo-israeliana.

Mentre il boicottaggio di base si diffondeva oltre il Medio Oriente, si sono svolte proteste accese in tutto il mondo.

La catena alimentare globale ha ammesso a gennaio di aver “influito in modo significativo” sulle sue prestazioni con le attività in Francia, Indonesia e Malesia, nonostante le sue attività in Medio Oriente siano state duramente colpite.

L’amministratore delegato Chris Kempczynski ha attribuito la battuta d’arresto alla “disinformazione”, ma la situazione ha toccato il fondo e la società ha mancato il suo primo obiettivo di vendite trimestrale in quasi quattro anni.

Il boicottaggio è stato descritto da McDonald's come “scontento e infondato”. L'azienda fa affidamento su migliaia di aziende indipendenti per possedere e gestire la maggior parte dei suoi oltre 40.000 negozi in tutto il mondo. Circa il 5% si trova in Medio Oriente.

“McDonald's è orgogliosamente rappresentata da operatori in franchising locali in ogni paese in cui operiamo, compresi i paesi musulmani”, ha affermato Kempczynski.

“Finché continuerà questa guerra… non ci aspettiamo alcun progresso significativo [in these markets]”, ha aggiunto il capo di McDonald's.

L'azienda ritiene che riportando l'attività israeliana “in-house” potrà ripristinare la sua reputazione in Medio Oriente e raggiungere nuovamente i suoi principali obiettivi di vendita.

Gran parte della Striscia di Gaza è stata distrutta durante le operazioni militari israeliane iniziate il 7 ottobre, dopo che uomini armati guidati da Hamas avevano attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo 253 ostaggi.

Attualmente sono tenuti prigionieri circa 130 ostaggi, di cui almeno 34 si presume siano morti.

Secondo il ministero della Sanità locale, gestito da Hamas, finora sono state uccise più di 33.000 persone a Gaza.

READ  Nikola Jokić, serie stagionale di successo dei Nuggets, i Celtics si confrontano con la realtà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *