Novak Djokovic vince il titolo Open di Francia e il 23esimo titolo del Grande Slam

Novak Djokovic ha immaginato come sarebbe andata a finire, tenendo i suoi figli tra le braccia, issando un altro trofeo del torneo del Grande Slam sopra la sua testa, cantando l’inno nazionale e i fan serbi che cantavano e ballavano per celebrare il suo terzo titolo di singolare maschile agli Open di Francia. .

Al Roland Garros di domenica, Djokovic ha sconfitto Casper Rudd 7-6 (1), 6-3, 7-5 conquistando il record di 23 titoli del Grande Slam in singolo, continuando una straordinaria svolta un anno e mezzo fa. È stato espulso dall’Australia in vista del primo Grande Slam del 2022, un povero presagio dell’anno a venire. Dopo che l’ultimo dritto di Rudd ha lasciato il campo, Djokovic ha lasciato cadere la racchetta ed è crollato sulla schiena sulla terra rossa. Apprezzare il gioco è stato facile.

“È una delle cose più difficili da vincere per me”, ha detto Djokovic dell’Open di Francia.

Pochi minuti dopo, dopo un abbraccio di congratulazioni da parte di Rudd, Djokovic si è inginocchiato in preghiera a metà campo, poi è andato in tribuna per abbracciare la sua famiglia e i suoi allenatori. Quando è tornato in tribunale pochi minuti dopo, indossava una giacca decorata con “23” sotto la spalla destra.

Djokovic, 36 anni, ha passato gli ultimi due decenni a inseguire i rivali Roger Federer e Rafael Nadal, due leggende che hanno definito questa era del tennis moderno. Quella gara è finita, almeno per ora.

“Quei due ragazzi hanno occupato molto la mia mente negli ultimi 15 anni”, ha detto Djokovic, seduto accanto al trofeo del campionato.

Pochi mesi prima del ritiro di Federer, Djokovic ha superato Federer la scorsa estate, vincendo il suo 21esimo titolo del Grande Slam sul campo centrale di Wimbledon sull’erba, dove Federer ha regnato a lungo. Djokovic ha vinto di nuovo agli Australian Open di gennaio. Il campione spagnolo Nadal, che ha perso quel 22esimo titolo, ha saltato l’Open di Francia di quest’anno a causa di un infortunio.

Il quarterback in pensione della NFL Tom Brady era seduto accanto alla moglie di Djokovic, Jelena. La stella del calcio francese Kylian Mbappe e la stella del calcio svedese Zlatan Ibrahimovic erano sedute alcune file sopra lo stadio. Tra il pubblico c’erano anche l’attore americano Jake Gyllenhaal, le icone del tennis Stan Smith e Yannick Noah e molti attori, cantanti, uomini d’affari e sportivi francesi.

È stato un passo importante in un viaggio pieno di crisi autoinflitte, battaglie epiche con Nadal e Federer in campo e sterili stagioni iniziali e intermedie, alcune perché era infortunato e altre quando ha perso le partite. Ciò lo ha reso un ardente oppositore del vaccino Covid-19. Il suo compito più impossibile è conquistare il cuore degli appassionati di tennis che da tempo si sono impegnati con i primi due membri dei cosiddetti Big Three.

Alla fine del 2010, quando Djokovic aveva 23 anni e giocava il suo primo major in cinque anni, Federer aveva già vinto 16 titoli del Grande Slam per Djokovic.

Ma nel 2011, Djokovic ha iniziato a prendere d’assalto il gioco vincendo l’Australian e gli US Open e Wimbledon. Ha messo insieme una serie di 41 vittorie consecutive e un record di 10-1 contro Federer e Nadal. Il tennis non è mai stato lo stesso.

Forse è la sua nuova dieta senza glutine, o la rinuncia all’alcol, o il tempo trascorso in una stanza pressurizzata. Come ha detto il suo allenatore Goran Ivanisevic domenica sera, la routine di stretching e ginnastica ritmica ha trasformato Djokovic in un elastico armato di racchetta.

Anche il chip delle dimensioni di un macigno sulla spalla che Djokovic dice di portare da quando è cresciuto durante la guerra in Serbia non fa male.

Ivanisevic, un croato, ha descritto lo spirito combattivo dei Balcani nel DNA di Djokovic, senza che nessuno al di fuori della regione partecipi ai più grandi tornei.

Il campione tedesco in pensione Boris Becker, che lo ha allenato per tre anni, ha detto che Djokovic dovrebbe smetterla di punirlo per l’atto cieco, che nessuno dei due Becker ha ancora approfondito. Una volta che lo ha fatto, ha detto Becker, è stato liberato e ha iniziato a vincere con abbandono.

READ  TRAVIS KING: C'è una storia di attacchi e detenzione di militari statunitensi che sono entrati nella Corea del Nord

E poi i numeri sfidano la semplice spiegazione. Con la vittoria di domenica, Djokovic ha riconquistato il numero 1 della classifica mondiale per la 388a settimana. Oltre al record di titoli del Grande Slam, detiene anche il record di 1000 titoli Masters. Se qualche fan di Nadal o Federer vuole accusarlo di essere un palleggiatore, Djokovic ha un record di vittorie contro entrambi.

Esausto per la vittoria in semifinale contro Carlos Algarz, Djokovic ha saltato l’allenamento sabato e ha cercato la pace mentre camminava nei boschi. Questa è una buona decisione.

Il 24enne Rudd, un norvegese costante e determinato che gioca la sua terza finale del Grande Slam in 13 mesi, sperava di trasformare la domenica in un’incoronazione, che si è conclusa con un primo set stridente che si è concluso nello stile caratteristico di Djokovic. Nel corso degli anni e centinaia di partite del Grande Slam, Djokovic ha perso solo cinque volte dopo aver vinto il primo set.

L’ex numero 1 al mondo Andy Roddick disse notoriamente di Djokovic: “Prima viene per le tue gambe, poi viene per la tua anima”.

Ivanisevic ha aggiunto domenica a quella valutazione: “Poi ti scava la fossa e tu fai un funerale e sei morto. Arrivederci. Grazie per essere venuto”.

Quello che Djokovic ha fatto a Rudd mentre andava alla storia domenica mattina presto.

Root ha rotto il servizio di Djokovic per aprire la partita e ha preso un vantaggio iniziale. Mentre Djokovic ha avuto un gioco traballante nelle prime partite, attutendo le spese generali e spingendo le palle fuori dal campo, Rudd ha giocato un tennis per lo più privo di errori e ingannevolmente pericoloso. La sua professione.

Ma negli ultimi dieci anni, Djokovic è emerso come il mondo del tennis ha imparato a conoscere e temere. Sul 4-2 di Rutt, abbastanza vicino da fiutare il traguardo del primo set, Djokovic si è impegnato in uno di quei classici scambi di macinazione, correndo da un angolo all’altro, avanti e indietro, mantenendo vivo il punto a lungo. . È finita come spesso accade: un avversario stanco che lotta per l’ossigeno e lancia una palla in rete.

READ  Kylian Mbappé dice al PSG che lascerà il club la prossima estate

“Un po’ un disastro”, ha detto Rudd.

Nella maggior parte delle partite di tennis, quando un set passa al tie-break, il risultato è un coin flip. Non così con Djokovic.

La scorsa settimana, ha spiegato, quando inizia un tie-break, la sua mente si sposta su uno stato più concentrato di “rimanere nel momento”, giocando ogni punto sui suoi meriti e non lasciando andare nulla.

Ha aperto questo con un diritto vincente in affondo, e sette punti dopo con un altro diritto esplosivo che Rudd non ha nemmeno fatto una corsa, non importava. Alla fine, Djokovic aveva giocato 55 punti nei tiebreak durante questa partita e non aveva ancora commesso un errore non forzato.

Per un’ora e 22 minuti, Ruud ha eguagliato Djokovic sprint per sprint e tiro per lunghe distanze, e non aveva altro che gambe di gomma e un’anima danneggiata. Rudd ha cercato gli avanzi, spingendo la partita oltre le tre ore. Ma dopo quel primo set, era solo questione di tempo.

In questa nebbia di successo, può essere difficile ricordare le polemiche di Djokovic, anche quelle più recenti. L’anno scorso era in Australia in attesa dell’udienza per l’estradizione. Ma c’è stato anche quel brutto momento nel 2020, quando ha accidentalmente schiacciato la palla nella gola di un giudice di linea ed è stato buttato fuori dagli US Open. Il mese successivo, Nadal lo ha distrutto in due set nella finale degli Open di Francia, ritardata dalla pandemia di coronavirus. Djokovic è andato a fare un’altra passeggiata nel deserto.

Invece, è arrivato a una partita dal raggiungimento di un Grande Slam e ha quasi vinto tutti e quattro i Grandi Slam nel 2021, battendo Nadal al Roland Garros.

Quest’anno ha vinto i primi due Slam.

“Il viaggio non è ancora finito”, ha detto Djokovic. “Se sto vincendo Slam, perché dovrei pensare di porre fine alla mia vita?”

Potrebbe essere solo con 23 titoli del Grande Slam, ma ai suoi occhi c’è più storia con cui giocare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *