C. Azioni asiatiche in vista delle riunioni bancarie

  • L’MSCI Asia ex-Japan ha raggiunto il massimo dal 21 aprile
  • La banca centrale dovrebbe evitare un aumento dei tassi questa settimana
  • Il petrolio è sceso dell’1% sulle preoccupazioni della Cina

SINGAPORE, 12 giugno (Reuters) – Le azioni asiatiche hanno chiuso lunedì con scambi cauti mentre gli investitori si preparano alle decisioni delle banche centrali in Europa, Giappone e Stati Uniti questa settimana. I dati sull’inflazione statunitense influenzeranno anche la politica monetaria della Federal Reserve.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone ( .MIAPJ0000PUS ) è salito dello 0,07% a 521,24, dopo aver toccato un massimo di un mese di 521,94 nella sessione precedente. L’indice è salito del 4% per il mese. Il Nikkei giapponese (.N225) è salito dello 0,41%, l’Australia è stata chiusa.

I futures hanno indicato un’apertura più alta per le azioni europee, con i futures Eurostoxx 50 in rialzo dello 0,35%, i futures DAX tedeschi in rialzo dello 0,34% e i futures FTSE in rialzo dello 0,40%. I futures E-mini per l’S&P 500 sono aumentati dello 0,13%.

La scorsa settimana, la Reserve Bank of Australia e la Bank of Canada hanno sbalordito i mercati alzando i tassi di interesse per controllare l’inflazione ostinata e vischiosa, alimentando le preoccupazioni che la banca centrale potesse seguire l’esempio e assumere una posizione accomodante alla riunione di giugno.

Gli strateghi della città hanno affermato che la banca centrale potrebbe dover affrontare una lezione appresa da altre banche centrali, come la Bank of Canada: è necessario un ulteriore inasprimento per portare l’inflazione al 2%.

Secondo lo strumento CME FedWatch, i mercati scontano una probabilità del 71% quando la Federal Reserve si riunirà il 13-14 giugno.

READ  Un pianeta delle dimensioni della Terra scoperto dagli astronomi potrebbe essere ricoperto di vulcani

“È una scelta ravvicinata tra un aumento di 25 punti base o un ‘salto’… come CPI martedì”, ha detto Citi in una nota.

Citi si aspetta un aumento di 25 punti base dalla banca centrale. “L’azione più semplice da intraprendere quando i tassi sono alti è aumentare i tassi”.

Mentre permangono dubbi tra gli investitori su quale percorso prenderà la banca centrale questa settimana, sono fiduciosi che la Banca centrale europea, che si riunisce giovedì, alzerà i tassi e si troverà dalla parte peggiore.

“Ci aspettiamo che (il capo della BCE) Lagarde mantenga una posizione accomodante sull’inflazione, sostenendo che si debba fare di più sul fronte dell’inflazione”, ha affermato Mohit Kumar, economista per l’Europa presso Jefferies.

“È improbabile che Lagarde dia alcuna indicazione di essere pronta a una pausa dopo luglio, che è ciò che il mercato sta attualmente scontando”, ha affermato Kumar, che si aspetta che la BCE alzi i tassi di interesse di 25 punti base.

In Cina, lo Shanghai Composite Index (.SSEC) ha perso lo 0,3%, mentre l’Hang Seng Index di Hong Kong (.HSI) ha perso lo 0,45%. La ripresa economica della Cina post-Covid-19 ha pesato sulle azioni, con gli investitori che sperano in maggiori stimoli politici poiché la produzione e le esportazioni più deboli hanno danneggiato le prospettive più ampie quest’anno.

I dati sul credito, sulle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale che saranno pubblicati in Cina questa settimana potrebbero smorzare le previsioni, a seguito di un’inflazione più debole del previsto a maggio.

La People’s Bank of China (PBOC) dovrebbe maturare giovedì 200 miliardi di yuan ($ 28,00 miliardi) di prestiti politici a medio termine e si concentrerà sul tasso al quale vengono rimborsati.

READ  Wegmans sta chiudendo uno dei suoi più grandi negozi in America

Un taglio dovuto alla ripresa post-pandemia della Cina potrebbe ampliare il divario tra i prezzi statunitensi e cinesi e pesare sullo yuan.

Nei mercati valutari, l’indice del dollaro, che misura la valuta statunitense rispetto a sei principali rivali, è salito dello 0,087%, mentre l’euro è sceso dello 0,07% a 1,074 dollari.

Lo yen è sceso dello 0,06% a 139,44 per dollaro in vista della riunione politica della Banca del Giappone (BOJ) di venerdì.

Si prevede che la BOJ manterrà una politica monetaria molto accomodante questa settimana e prevede una modesta ripresa economica.

Altrove, la lira turca è scesa al minimo storico di 23,77 per dollaro mentre gli investitori attendevano segnali di mosse politiche dopo la nomina di un nuovo governatore della banca centrale.

Il greggio statunitense è sceso dell’1,33% a 69,24 dollari al barile, mentre il Brent è sceso dell’1,3% a 73,82 dollari. Entrambi i benchmark hanno registrato il loro secondo calo settimanale la scorsa settimana, poiché i deludenti dati economici cinesi hanno sollevato preoccupazioni per l’aumento della domanda nel più grande importatore mondiale di greggio.

L’oro spot è sceso dello 0,1% a $ 1.959,29 l’oncia. I futures sull’oro USA sono scesi dello 0,15% a 1.959,30 dollari l’oncia.

Montaggio di Jacqueline Wong; Montaggio di Simon Cameron-Moore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *