Sam Altman, creatore di ChatGPT e CEO di OpenAI, sollecita il Senato per la regolamentazione dell’IA

Il tono delle udienze congressuali che hanno coinvolto dirigenti tecnologici negli ultimi anni può essere meglio descritto come contraddittorio. Mark Zuckerberg, Jeff Bezos e altri giganti della tecnologia sono stati tutti messi a tacere a Capitol Hill dai legislatori sconvolti dalle loro aziende.

Ma martedì, Sam Altman, amministratore delegato della start-up OpenAI di San Francisco, ha testimoniato davanti ai membri di un sottocomitato del Senato e ha ampiamente concordato con loro sulla necessità di regolamentare una tecnologia AI più potente sviluppata all’interno della sua azienda e di altre società come Google. e Microsoft.

Nella sua prima testimonianza davanti al Congresso, Mr. Altman ha fatto appello ai legislatori per regolamentare l’intelligenza artificiale. L’indagine sottolinea il profondo disagio provato dai tecnologi e dal governo riguardo ai potenziali danni dell’IA. Ma il signor che ha avuto un pubblico amichevole tra i membri del sottocomitato. Quell’irrequietezza non è durata per Altman.

Un trentottenne che ha abbandonato la Stanford University e imprenditore tecnologico, Mr. L’aspetto di Altman gli è valso la reputazione di figura di spicco nell’IA. Dall’aspetto fanciullesco Mr. Altman ha fatto affari con il suo solito maglione pullover e jeans, vestito con abito blu e cravatta. Per un’udienza di tre ore.

Sig. Altman ha parlato della tecnologia della sua azienda a una cena con dozzine di membri della Camera lunedì sera e ha incontrato privatamente diversi senatori prima dell’udienza, secondo le persone che hanno partecipato alla cena e alle riunioni. Ha fornito un quadro generale per gestire ciò che accadrà dopo con sistemi in rapida crescita che alcuni ritengono cambieranno radicalmente l’economia.

“Se questa tecnologia va storta, penso che potrebbe andare molto storto. Vogliamo parlarne apertamente”, ha detto, “vogliamo lavorare con il governo per impedire che ciò accada”.

Con l’esplosione dell’interesse per l’intelligenza artificiale, Mr. Altman ha fatto il suo debutto pubblico a Capitol Hill. Anche tra le crescenti preoccupazioni sul ruolo dell’IA nella diffusione della disinformazione e un giorno nell’eguagliare l’intelligenza umana, i giganti della tecnologia hanno investito sforzi e miliardi di dollari in quella che dicono essere una tecnologia trasformativa.

READ  Il razzo SpaceX lancia 11 satelliti, incluso uno verso la Corea del Sud, sul volo in ridesharing Bandwagon-1 (Foto)

Questo ha messo la tecnologia sotto i riflettori a Washington. “Quello che stai facendo ha un enorme potenziale e un enorme rischio”, ha detto questo mese il presidente Biden in un incontro con un gruppo di amministratori delegati di società di intelligenza artificiale. Anche i massimi leader del Congresso si sono impegnati a rispettare i regolamenti sull’IA.

I membri della sottocommissione del Senato per la privacy, la tecnologia e il diritto, il sig. Chiaramente non avevano in programma una rozza grigliata per Altman, erano Mr. Altman li ha ringraziati per i loro incontri personali e per aver accettato di comparire al processo. Cory Booker, democratico del New Jersey, Mr. Ha ripetutamente fatto riferimento ad Altman con il suo nome.

Christina Montgomery, chief privacy and trust officer di IBM, e Gary Marcus, un noto professore e critico frequente della tecnologia AI, hanno testimoniato che Mr. si unì ad Altman.

Sig. Altman ha affermato che la tecnologia della sua azienda potrebbe distruggere alcuni posti di lavoro e crearne di nuovi, e che è importante che “il governo capisca come vogliamo ridurlo”. Ha proposto di creare un’agenzia che fornisse licenze, norme di sicurezza e test per i modelli di intelligenza artificiale da superare prima che potessero essere rilasciati al pubblico.

“Riteniamo che i vantaggi degli strumenti che abbiamo utilizzato finora superino i rischi, ma garantire la loro sicurezza è vitale per il nostro lavoro”, ha affermato il sig. Altman ha detto.

Ma non è chiaro come i legislatori risponderanno alla richiesta di regolamentare l’IA, visti i precedenti del Congresso sulle normative tecnologiche. Dozzine di progetti di legge sulla privacy, la parola e la sicurezza sono falliti negli ultimi dieci anni a causa di battaglie partigiane e della feroce opposizione delle aziende tecnologiche.

READ  March Madness: Grant Nelson guida l'Alabama oltre il numero 1 della Carolina del Nord e guadagna il primo Elite Eight dal 2004

Gli Stati Uniti sono in ritardo rispetto al mondo per quanto riguarda le normative sulla privacy, la parola e la protezione dei bambini. È anche in ritardo in termini di intelligenza artificiale. I legislatori dell’Unione Europea sono pronti a introdurre regole per la tecnologia entro la fine dell’anno. E la Cina ha reso le leggi sull’IA coerenti con le sue leggi sulla censura.

Il senatore Richard Blumenthal, democratico del Connecticut e presidente della commissione del Senato, ha affermato che l’udienza è stata la prima di una serie per saperne di più sui potenziali benefici e danni dell’IA e alla fine “scriverne le regole”.

Ha anche riconosciuto che il Congresso non era riuscito a introdurre nuove tecnologie in passato. “Il nostro obiettivo è svalutare e ritenere responsabili queste nuove tecnologie per evitare alcuni degli errori del passato”, ha affermato il sig. disse Blumenthal. “Il Congresso non è riuscito a soddisfare questo momento sui social media”.

I membri del sottocomitato hanno raccomandato un’agenzia indipendente per supervisionare l’IA; regole che obbligano le aziende a rivelare come funzionano i loro modelli e i set di dati che utilizzano; e regole antitrust che impediscono ad aziende come Microsoft e Google di monopolizzare un nuovo mercato.

“Il diavolo sarà nei dettagli”, ha detto Sarah Myers West, direttrice esecutiva dell’AI Now Institute, un centro di ricerca politica, aggiungendo che le raccomandazioni del signor Altman per le normative non vanno abbastanza lontano e dovrebbero includere limiti su come viene utilizzata l’intelligenza artificiale nella polizia e l’uso dei dati biometrici.Ha notato che nemmeno il signor Altman ha mostrato alcun segno.

“È molto ironico vedere una posizione sulla preoccupazione per i danni causati da persone che si affrettano a rilasciare per uso commerciale un sistema responsabile di tali danni”, ha affermato la West.

Alcuni legislatori nelle udienze mostrano ancora una continua lacuna nella conoscenza della tecnologia tra Washington e la Silicon Valley. Lindsey Graham, repubblicana della Carolina del Sud, ha ripetutamente chiesto ai testimoni se lo scudo di responsabilità vocale per piattaforme online come Facebook e Google si applicherebbe anche all’intelligenza artificiale.

READ  I prezzi del petrolio e dell’oro sono crollati mentre l’Iran ha allentato la sua offensiva

Sig. Altman, calmo e irrequieto, ha ripetutamente cercato di tracciare una distinzione tra AI e social media. “Dobbiamo lavorare insieme per trovare un approccio completamente nuovo”, ha affermato.

Alcuni membri del sottocomitato erano riluttanti a regolamentare così fortemente un settore che rappresenta una grande promessa economica per gli Stati Uniti e che compete direttamente con avversari come la Cina.

I cinesi stanno sviluppando un’intelligenza artificiale che “rafforza i valori fondamentali del Partito comunista cinese e del sistema cinese”, ha affermato Chris Coons, democratico del Delaware. “E mi interessa come sviluppiamo l’intelligenza artificiale che rafforza e rafforza i mercati aperti, le società aperte e la democrazia”.

Sig. Alcune delle domande e dei commenti più difficili su Altman sono venuti dal Dr. Marcus, che ha notato che OpenAI non è trasparente riguardo ai dati che utilizza per costruire i suoi sistemi. Nuovi posti di lavoro sostituiranno quelli uccisi dall’intelligenza artificiale, sig. Era scettico sulla previsione di Altman

“Abbiamo opportunità senza precedenti qui, ma stiamo anche affrontando una tempesta perfetta di irresponsabilità aziendale, dispiegamento dilagante, regolamentazione inadeguata e inaffidabilità intrinseca”, ha affermato il dott. Marcus.

Le aziende tecnologiche hanno sostenuto che il Congresso dovrebbe stare attento a qualsiasi regola generale che raggruppi diversi tipi di intelligenza artificiale. All’udienza di martedì, la signora Martin di IBM ha chiesto una legislazione sull’IA simile alle normative proposte dall’Europa, che delineano diversi livelli di rischio. Ha chiesto regole che si concentrino su applicazioni specifiche piuttosto che regolamentare la tecnologia stessa.

“In sostanza, l’IA è uno strumento e gli strumenti possono servire a scopi diversi”, ha affermato, aggiungendo che il Congresso dovrebbe adottare un “approccio normativo preciso all’IA”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *