Stati Uniti, Giappone, Australia e Filippine condurranno esercitazioni nel Mar Cinese Meridionale

MANILA, Filippine (AP) – Stati Uniti, Giappone, Australia e Filippine terranno domenica le loro prime esercitazioni navali congiunte, inclusa un’esercitazione di guerra antisommergibile, in una rivendicazione delle azioni aggressive di Pechino nel Mar Cinese Meridionale. Le rivendicazioni territoriali hanno causato allarme.

I quattro alleati del trattato e i partner della difesa stanno conducendo esercitazioni per proteggere “lo stato di diritto che è il fondamento di una regione indo-pacifica pacifica e stabile” e sostenere la libertà di navigazione e di sorvolo, hanno affermato in una dichiarazione congiunta rilasciata dalla loro difesa. Sabato i leader.

La Cina non è stata nominata nella dichiarazione, ma tutti e quattro i paesi hanno riaffermato le loro posizioni Premio arbitrale internazionale 2016Ha reso le rivendicazioni globali della Cina non valide, definitive e giuridicamente vincolanti per motivi storici.

La Cina ha rifiutato di partecipare all’arbitrato, ha respinto la sentenza e continua a violarla. Le Filippine hanno portato le loro controversie con la Cina all’arbitrato internazionale nel 2013 dopo un teso stallo marittimo.

Non ci sono stati commenti immediati da parte della Cina.

L’anno scorso, il ministero degli Esteri cinese aveva messo in guardia Esercitazioni militari che coinvolgono gli Stati Uniti e i suoi alleati nelle acque contese, a scapito della sua sicurezza e degli interessi regionali.

“Siamo al fianco di tutti i paesi nella difesa dell'ordine internazionale basato sul diritto, che è il fondamento per una regione indo-pacifica pacifica e stabile”, hanno affermato i quattro paesi, ma non hanno fornito dettagli specifici sulle esercitazioni militari. Attività cooperativa marittima.

Il Giappone sta inviando il cacciatorpediniere JS Akebono alle esercitazioni nel Mar Cinese Meridionale, che includono esercitazioni di guerra antisommergibile e altre manovre militari, ha affermato in una nota la sua ambasciata a Manila.

READ  Meghan colpisce i media britannici per le lettere di King Charles

“Il Giappone ritiene che la questione del Mar Cinese Meridionale sia direttamente correlata alla pace e alla stabilità della regione e costituisca una legittima preoccupazione della comunità internazionale, compresi Giappone, Australia, Filippine e Stati Uniti”, ha affermato il ministro della Difesa giapponese Minoru Kihara. detto nel rapporto.

“Il Giappone si oppone fermamente a qualsiasi modifica unilaterale dello status quo, a tali tentativi e a qualsiasi azione che aumenti le tensioni nel Mar Cinese Meridionale”, ha affermato.

In una dichiarazione separata, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha dichiarato: “Queste esercitazioni sottolineano il nostro impegno condiviso per garantire che tutte le nazioni siano libere di volare, viaggiare e operare ovunque il diritto internazionale lo consenta”.

Il ministro della Difesa australiano Richard Marles ha affermato che “il rispetto della sovranità nazionale e le norme e i regolamenti concordati basati sul diritto internazionale sono alla base della stabilità della nostra regione”. Il segretario alla Difesa Gilberto Teodoro Jr. ha affermato che le esercitazioni militari di domenica sono le prime di una serie di attività per rafforzare la “capacità di difesa individuale e collettiva” delle Filippine.

Oltre alla Cina e alle Filippine, le controversie di lunga data nel Mar Cinese Meridionale, una rotta commerciale globale, coinvolgono anche Vietnam, Malesia, Brunei e Taiwan. Ma le tensioni tra Pechino e Manila sono divampate, soprattutto a partire dallo scorso anno.

Washington non rivendica la via marittima strategica, ma lo ha fatto ripetutamente Ha avvertito che ha il dovere di proteggere il suo partner di lunga data, le Filippine Se le forze filippine, navi e aerei fossero soggetti ad attacchi armati, anche nel Mar Cinese Meridionale.

READ  Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: le tensioni aumentano dopo l'attacco dei droni a Mosca

La Cina ha avvertito gli Stati Uniti di non intervenire in questi conflitti, il che ha alimentato i timori che potrebbero degenerare in un grave conflitto che coinvolga entrambe le potenze mondiali.

Il Giappone ha conflitti territoriali separati con la Cina Isole del Mar Cinese Orientale. L’escalation delle tensioni nelle acque contese sarà all’ordine del giorno quando il presidente Joe Biden ospiterà i suoi omologhi giapponese e filippino. Vertice alla Casa Bianca La prossima settimana.

Nell’ultima battaglia del mese scorso, la guardia costiera cinese ha utilizzato cannoni ad acqua, che hanno ferito un ammiraglio filippino e quattro dei suoi marinai e danneggiato gravemente una barca vicino alla loro nave di rifornimento di legname. Il secondo era Thomas Scholl. Funzionari militari filippini hanno detto che l'esplosione del cannone è stata così potente che ha gettato da terra un membro dell'equipaggio, ma ha colpito un muro invece di precipitare in mare.

Il governo filippino ha convocato un diplomatico cinese a Manila per esprimere la sua “forte opposizione” alla Cina. Pechino ha accusato le navi filippine di intrusione nel territorio cinese, ha avvertito Manila di non “giocare con il fuoco” e ha affermato che la Cina continuerà ad adottare misure per difendere la propria sovranità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *