Aggiornamenti live sulla guerra Russia-Ucraina: il bombardamento russo uccide 2 persone a Kherson

I funzionari ucraini e gli enti di beneficenza del paese hanno una solida esperienza nella gestione delle crisi e le loro competenze acquisite duramente – a volte carenti nei paesi colpiti da disastri – sono già state utilizzate in risposta alla distruzione di una diga sul fiume Dnipro, affermano i leader umanitari.

Il servizio di emergenza statale, che ha affermato di aver salvato quasi 2.000 persone dalla zona immediatamente alluvionata, ha risposto a migliaia di attacchi missilistici russi da quando Mosca ha lanciato un’invasione su vasta scala 15 mesi fa. Ha salvato civili, spento incendi e aiutato a evacuare le persone.

Dall’invasione è cresciuta rapidamente una rete di gruppi di volontari, molti dei quali desiderosi di mostrare solidarietà allo sforzo bellico.

Le persone non sono le uniche ad essere determinate.

L’infrastruttura di trasporto dell’Ucraina ha resistito nonostante i numerosi attacchi diretti durante il conflitto e il trasporto è probabilmente un fattore chiave in qualsiasi risposta al disastro. Quando la diga di Nova Khakovka si è rotta martedì, il governo è stato in grado di evacuare le persone dall’area allagata in treno verso la città di Mykolaiv.

“La società civile locale, le autorità, il settore privato – queste cose sono sottovalutate in una crisi”, ha detto Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati ed ex coordinatore umanitario delle Nazioni Unite. “Sono in cima alla linea proprio lì.”

Ucraina, Sig. Egeland ha detto che c’è “più logistica, personale più qualificato e più volume nel mercato” per il lavoro di aiuto.

Giovedì, il presidente del paese, Volodymyr Zelensky, ha chiesto un’importante risposta globale alla distruzione della diga. Ad oggi, le Nazioni Unite hanno distribuito più di 100.000 bottiglie d’acqua e fornito assistenza alimentare a 18.000 persone e assistenza in denaro a 3.500 persone, ha affermato Jens Lark, portavoce dell’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari.

READ  USMNT vs. Messico Concacaf Nations League Semifinali: streaming e informazioni TV

Condurre evacuazioni e fornire acqua pulita è una delle esigenze più importanti in una zona alluvionale, ma il compito è complicato. Le forze russe stanno ancora bombardando le aree controllate dagli ucraini sulla riva orientale del Dnipro. E alcuni residenti, che sono stati attaccati per mesi dopo mesi di occupazione, non hanno alcun desiderio di andarsene.

Selena Kozakijevic, responsabile regionale dell’Ucraina per l’organizzazione umanitaria internazionale CARE, ha affermato che molti di coloro che vivono vicino alla riva del fiume erano anziani e soffrivano di problemi di salute e disabilità.

“Molti si rifiutano ancora di lasciare le loro case, anche se sono allagate”, ha detto. “Questa è la popolazione che è stata lì dall’inizio del conflitto”.

Anche dopo che le inondazioni si sono ritirate, permangono altri pericoli per mesi o anni, tra cui acqua contaminata e mine antiuomo che si spostano dalle loro posizioni originali.

I gruppi umanitari ucraini e la maggior parte delle organizzazioni umanitarie internazionali che lavorano in Ucraina lavorano principalmente con cittadini che hanno il vantaggio di parlare la lingua, capire il paese e spesso hanno familiarità con l’area colpita.

Tuttavia, i soccorritori ucraini nelle immediate vicinanze spesso affrontano l’ulteriore sfida di essere coinvolti nel disastro a cui stanno rispondendo.

Anche i paesi meglio preparati faticano a gestire da soli i grandi disastri, ha affermato il sig. Ha citato la Turchia come esempio di un paese con un forte settore di preparazione alle emergenze che ha avuto difficoltà a far fronte dopo il terremoto di febbraio che ha ucciso 60.000 persone.

Arriveranno altri soldi.

I paesi colpiti da calamità hanno bisogno di assistenza finanziaria per superare la crisi immediata e fornire sostegno a lungo termine. In questo modo, la visibilità internazionale che la guerra ha già portato in Ucraina ha facilitato la raccolta di fondi da parte dei gruppi umanitari.

READ  Joel Embiid vince l'MVP NBA 2023. Come la stella dei 76ers Nikola Jokic ha battuto Giannis Antetokounmpo

Nel tentativo di attirare l’attenzione su altre crisi in cui un gran numero di persone è stato costretto a fuggire dalle proprie case, la scorsa settimana il Consiglio norvegese per i rifugiati pubblicato un elenco Le 10 crisi migratorie più trascurate al mondo Tutti e 10 i paesi erano in Africa o in America Latina, con il Burkina Faso in cima alla lista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *