Anthony Edwards perde 33 punti, i Timberwolves portano i Suns alla vittoria

MINNEAPOLIS – Mentre il centro del bersaglio pulsava, Anthony Edwards ha deciso di misurare la sua serie di tiri.

La dinamica giovane superstar dei Minnesota Timberwolves ha saltato con sicurezza e ha già seppellito una serie di saltatori, diventando più animata dopo ogni aumento del punteggio. Poi, a 48 secondi dalla fine del terzo quarto decisivo, Edwards si è spostato sulla fascia sinistra e ha segnato.

L'apertura alare infinita di Kevin Durant è atterrata alla fine della fase di chiusura e la tripla di Edwards ha danzato attraverso la rete, scatenando un ruggito assordante da parte del pubblico tutto esaurito.

Il vantaggio dei Timberwolves è stato esteso a 16, ed Edwards, 22 anni, ha festeggiato scuotendo la testa, battendosi il petto con una mano e chiamando il 35enne Durant, che ha scosso la testa e ha sorriso. Il momento ha elettrizzato il pubblico tutto esaurito, ma sembrava comunque che avesse un fascino storico – il futuro che ne annunciava l'arrivo, forse.

“Penso che tutti qui sappiano che questo è il mio giocatore preferito di tutti i tempi”, ha detto Edwards dopo aver segnato 33 punti nella vittoria per 120-95 in Gara 1 dei Timberwolves contro i Suns.

READ  Guerra in Ucraina: quattro morti nell'attacco russo agli appartamenti nella città occidentale di Lviv

La vittoria di 25 punti dei Timberwolves ha segnato la loro seconda più grande vittoria nella storia post-stagionale dietro la sconfitta di 28 punti dei Lakers il 22 aprile 2003, secondo ESPN Stats and Information Research. Ed Edwards è stato il catalizzatore. L'ex scelta n. 1 ha ottenuto nove rimbalzi, sei assist e ha aggiunto un altro livello alla sua leggenda in crescita.

Risalendo alla scorsa stagione, sabato si è rivelata la sua quinta partita consecutiva di playoff con 25 o più punti: la serie di vittorie consecutive più lunga nella storia della squadra. La sesta partita di playoff di Edwards con 30 o più punti lo ha portato dietro al grande Kevin Garnett dei Timberwolves per il maggior numero di partite nella storia della franchigia.

Ma l’impatto più grande di Edwards è arrivato nel terzo quarto, quando ha segnato 18 punti – pari a Sam Cassel per il massimo in un quarto nella storia dei playoff dei Timberwolves – e ha realizzato più field goal (8) rispetto ai Suns (6). Squadra.

Alla fine di quel quarto, i Timberwolves erano in testa con ben 20 squadre: la seconda volta nella storia della franchigia erano in testa con quattro in una gara post-stagionale. Il quarto trimestre è spesso il momento della spazzatura.

Gara 2 della serie è martedì quando i Timberwolves cercano di sfuggire al primo turno della postseason per la prima volta dal 2004. Durant, 14 volte All-Star alla sua prima stagione completa a Phoenix, ha guidato i Suns con 31 punti. . Sulla base del suo scambio con Edwards, ha riconosciuto l'ovvio: “Lo ha fatto, ne ha fatti alcuni difficili”.

READ  Mentre cresce la rabbia per la corruzione, il Guatemala si sposta verso il centrosinistra

Ma Edwards, due volte All-Star, ha elogiato considerevolmente Durant.

“Lo hai visto nel terzo quarto?” Edwards ha menzionato Durant. “Pensavo che avremmo dovuto essere in vantaggio di 15, 18 all'inizio del terzo quarto. E, se non sbaglio, ha fatto quattro o cinque secchi consecutivi per niente. E ad un certo punto sono diventato un suo fan. Ero là fuori tipo: “Oh mio Dio, è bravo”. Non c'è niente che possiamo fare. [Karl-Anthony Towns] Ha giocato alla grande in difesa. Rudy [Gobert] Ha giocato alla grande in difesa.

“Guardo il foglio delle statistiche e lui è 11 su 17 [from the field]. Ha sbagliato sei tiri e ne ha segnati 31. Voglio dire, è il migliore in questo. Un grande ringraziamento a lui, è fantastico.”

In effetti, Durant ha effettuato quattro tiri all'inizio del terzo quarto, ma alla fine ha effettuato solo cinque tiri nel secondo tempo. Booker ha concluso con 18 punti su 16 tiri, ma ha concluso solo 1 su 7 dal campo quando era sorvegliato dallo specialista difensivo dei Timberwolves Jaden McDaniels. Beal ha segnato 15 punti su 10 tiri.

“Probabilmente è stata la migliore partita che abbiamo visto”, ha detto Beal. “Con tutto il rispetto, è un gioco.”

READ  Almeno 3 civili uccisi, 2 poliziotti feriti nella sparatoria nel New Mexico: Polizia

La vittoria ha dato un restyling al Minnesota, avendo perso tutte e tre le gare della stagione regolare contro i Suns in doppia cifra.

La sconfitta più recente è avvenuta domenica, quando i Timberwolves sono caduti con un punteggio quasi identico – 125-106 – a quello ottenuto sabato.

“Questi ragazzi sono venuti qui e ci hanno fischiato sul campo di casa nell'ultima partita della stagione, ridendo e ridendo”, ha ricordato Edwards. “[Suns guard Bradley] Beal ha detto al nostro allenatore che non pensava che stessimo giocando forte e aveva ragione. [Timberwolves head coach Chris] A Finch la cosa non piacque. Il giorno dopo entrò e disse: “Amico, ci sono ragazzi dell'altra squadra che mi dicono di non giocare abbastanza forte”. E aveva assolutamente ragione.

“Noi siamo [were] Corrono lì senza lasciare che facciano quello che vogliono. È una grande squadra. Quei tre ragazzi sono grandi giocatori, amico. Sarà difficile batterli.”

Per i Timberwolves, Edwards è stato il protagonista, ma la squadra ha ottenuto sforzi a tutto tondo da Towns (19 punti, 7 rimbalzi), Gobert (14 punti, 16 rimbalzi) e dalla panchina, con Nickil Alexander-Walker che ha aggiunto 18 punti e Naz Reed 12 punti. . .

La cosa più impressionante è che i Timberwolves hanno mantenuto un vantaggio decisivo nei rimbalzi (52 a 28), nei punti vernice (52 a 34) e nei punti di seconda possibilità (20 a 6).

“La nostra attenzione e la nostra urgenza sono ovviamente ai massimi livelli”, ha affermato Gobert. “Mi piace come abbiamo rispettato il piano di gioco per tutti i 48 minuti dall'inizio alla fine. Abbiamo cercato di non lasciarli partire forte come hanno fatto nelle altre tre partite e di fare quello che abbiamo fatto noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *