Aumento del prezzo del petrolio, percorso del tasso della banca centrale di nuovo in discussione

  • Borse asiatiche:
  • Il Brent è salito del 5% dopo che l’OPEC+ ha annunciato tagli all’offerta
  • Il Nikkei è in rialzo, ma i futures sulle azioni statunitensi scivolano
  • Guadagno del dollaro, i mercati vedono maggiori possibilità di un aumento della Fed a maggio

SYDNEY/LONDRA, 3 aprile (Reuters) – I prezzi del petrolio sono saliti lunedì dopo che l’Arabia Saudita e altri produttori OPEC+ hanno annunciato un improvviso taglio dei loro obiettivi di produzione, pesando sull’inflazione globale.

I futures sul petrolio Brent sono stati fissati per il loro più grande guadagno percentuale giornaliero in un anno dopo che le notizie OPEC+ sono aumentate del 5,3% a 84,12 dollari al barile e hanno ridotto la produzione di circa 1,16 milioni di barili al giorno. Il greggio USA è salito del 5,75% a 79,99 dollari.

Goldman Sachs ha alzato le sue previsioni per il Brent a 95 dollari al barile entro la fine dell’anno e a 100 dollari al barile entro il 2024 dopo lo spostamento della produzione di petrolio annunciato domenica, un giorno prima di una riunione virtuale del gruppo ministeriale OPEC+, che comprende l’Arabia Saudita e Russia. .

“Penso che la coalizione voglia assicurarsi che le eccedenze (del petrolio) non durino fino alla seconda metà del 2023, perché sanno che è quando arriverà la maggior parte della debolezza economica”, ha affermato Sami Saar, capo economista di Lombard Odier. . .

“Ciò indica che l’economia globale sta rallentando, il che non è una cattiva notizia, poiché si tratta principalmente di un rallentamento autoinflitto dagli Stati Uniti e dall’Europa per garantire che l’inflazione si avvicini all’obiettivo”.

Le banche centrali hanno aumentato rapidamente i tassi di interesse nell’ultimo anno nel tentativo di tenere sotto controllo l’inflazione.

READ  La SEC statunitense ha fatto causa all'exchange di criptovalute Coinbase il giorno dopo aver fatto causa a Binance

L’azione dei produttori di petrolio si è estesa ai mercati azionari. Le major petrolifere BP ( BP.L ), Shell ( SHEL.L ), TotalEnergies ( TTEF.PA ) ed Eni ( ENI.MI ) sono tutte salite di quasi il 4%, sollevando l’indice europeo del petrolio e del gas ( .SXEP ) del 3,7%, da Novembre Poi ha raggiunto il suo più grande guadagno di un giorno.

I titoli sensibili all’energia sono diminuiti, con IAG (ICAGL

Il FTSE 100 (.FTSE) britannico, pesante per le materie prime, è salito dello 0,7%. Varie mosse su base regionale e globale si sono annullate a vicenda con l’European STOXX 600 (.STOXX) e l’MSCI 47-country All World Index (.MIWD00000PUS) scambiati intorno al piatto.

Un’impennata dei costi dell’energia ha messo in ombra una lettura più lenta per l’inflazione core degli Stati Uniti venerdì.

I futures S&P 500 sono scesi dello 0,2% lunedì, mentre i futures Nasdaq hanno perso lo 0,7%. Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) ha perso lo 0,25%, sottoperformando benchmark ad alto contenuto tecnologico come Hong Kong (.HSI) e Corea (.KS11).

Meno tagli di cibo

Come ha affermato lo stratega di ING FX Francesco Pesol, la mossa dell’OPEC+ ha avuto effetto anche sui mercati valutari e dei tassi, il che “ha sollevato timori che l’inflazione sarà un problema a lungo termine per le banche centrali”.

“I prezzi di mercato estremamente volatili per il percorso dei tassi della banca centrale sono di nuovo molto vulnerabili”, ha aggiunto.

Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a due anni è salito di 4 punti base al 4,11%, mentre i future sui Fed funds hanno attenuato le aspettative di tagli dei tassi nel corso dell’anno.

READ  Gli Eagles assumono Matt Patricia come assistente difensivo senior

Il mercato ha aumentato la probabilità di un aumento dei tassi della Federal Reserve a maggio al 61% dal 48% di venerdì e un taglio di 38 punti base entro la fine dell’anno.

Ciò ha aiutato il dollaro a salire dello 0,6% a 133,6 contro lo yen giapponese, mentre l’euro è sceso dello 0,5% a 1,0833 dollari. L’aumento dei prezzi del petrolio è una cattiva notizia per la bilancia commerciale del Giappone, poiché importa la maggior parte della sua energia.

L’oro è sceso dello 0,2% a 1.963 dollari l’oncia, rafforzando il dollaro.

Le prospettive per i tassi statunitensi potrebbero essere influenzate dall’ISM manifatturiero e da diversi dati sull’occupazione in uscita questa settimana, in particolare il rapporto sui salari non agricoli di venerdì. L’impatto del rapporto di venerdì potrebbe essere attenuato dalle vacanze di Pasqua.

Questa settimana le banche centrali in Australia e Nuova Zelanda tengono riunioni di politica monetaria, con quest’ultima che dovrebbe aumentare i tassi di un altro quarto di punto al 5,0%.

I mercati scommettono che la Reserve Bank of Australia (RBA) sospenderà la sua campagna di inasprimento martedì dopo 10 aumenti consecutivi. ,

Reportage di Wayne Cole a Sydney e Alun John a Londra; Montaggio di Sri Navaratnam, Stephen Coates, Kenneth Maxwell e Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *