Il membro degli YMO e premiato musicista giapponese Ryuichi Sakamoto è morto

Ryuichi Sakamoto, il musicista e compositore giapponese di fama mondiale e tastierista del leggendario gruppo di musica elettronica Yellow Magic Orchestra, noto anche come YMO, è morto, ha detto il suo ufficio domenica. Ha 71 anni.

Sakamoto ha rivelato nel giugno 2022 di aver combattuto contro il cancro allo stadio IV. Il nativo di Tokyo ha recitato nel film di Borth del 1983 “Merry Christmas, Mr. Lawrence” e ha vinto un Oscar e un Grammy per il film del 1987 “L’ultimo imperatore”.

Ryuichi Sakamoto parla durante un’intervista a Tokyo il 25 marzo 2017. (Kyoto)

Al funerale di Sakamoto, morto martedì scorso, hanno già partecipato solo parenti stretti, ha detto l’ufficio. La causa esatta della morte non è stata immediatamente nota.

Insieme al suo interesse per le questioni ambientali e di pace, Sakamoto è diventato attivo nel movimento anti-nucleare negli ultimi anni dopo il disastro nucleare di Fukushima del 2011 innescato da un terremoto e uno tsunami mortali.

Figlio di Kazuki Sakamoto, il famoso editore della casa editrice Kawade Shobo Shinsha, Sakamoto ha iniziato a studiare scrittura musicale all’età di 10 anni ed è stato ispirato dai Beatles e da Debussy.

Come studente delle superiori alla fine degli anni ’60, ha partecipato a manifestazioni studentesche. Successivamente, in un’intervista, ha rivelato che l’esperienza “era al centro di ciò che sono”.

Nel 1978, Sakamoto formò gli YMO con Haruomi Hosono e Yukihiro Takahashi. La loro futuristica musica techno-pop, che fa pieno uso di sintetizzatori, ha risuonato con l’era di successi della fine degli anni ’70 come il film “Incontri ravvicinati del terzo tipo” e il gioco arcade “Space Invaders”.

READ  4 mesi dopo l'infarto, Tamar Hamlin può giocare

A gennaio, il batterista degli YMO Takahashi è morto di polmonite da aspirazione.

Una foto d’archivio scattata a Yokohama nel luglio 2010 mostra Ryuichi Sakamoto (C) con i membri della band della Yellow Magic Orchestra Yukihiro Takahashi (L) e Haruomi Hosono.

Vestiti con abiti simili a quelli di Mao, le esibizioni del trio furono ben accolte negli Stati Uniti e in Europa, e la loro musica, come “Technopolis” e “Ritein” dall’album pubblicato nel 1979, divenne popolare in Giappone dopo il loro successo all’estero. I brani di successo di YMO includono “Kimi Ni Mune Kyun” (My Heart Beats for You) del 1983.

Con un master presso la Graduate School dell’Università delle Arti di Tokyo, Sakamoto era noto per le sue opinioni teoriche e la vasta conoscenza della musica classica e folk, tanto da guadagnarsi il soprannome di “Professore”.

Ha realizzato la colonna sonora di più di 30 film, tra cui “Merry Christmas, Mr. Lawrence” di Nagisa Oshima, in cui interpretava il comandante giapponese di un campo di prigionia, e ha diretto sia “The Last Emperor” che “The Sheltering Sky”. Bernardo Bertolucci rispettivamente nel 1987 e nel 1990.

La foto d’archivio mostra l’equipaggio che realizza il film “Merry Christmas, Mr. Lawrence” a Parigi l’11 maggio 1983: (da L) il produttore Jack Thomas, il compositore Ryuichi Sakamoto, la star David Bowie e il regista Nagisa Oshima. (AP/Kyodo)

Una foto d’archivio mostra Ryuichi Sakamoto che suona la tastiera durante il concerto di reunion della Yellow Magic Orchestra al Tokyo Dome nel giugno 1993. (Kyoto)

More Trees, un gruppo per la conservazione delle foreste con sede a Tokyo, è stato fondato nel 2007.

READ  Almeno 78 morti nella fuga precipitosa dello Yemen durante l'evento di beneficenza del Ramadan

Sakamoto, che ha iniziato a trascorrere la maggior parte del suo tempo a New York nei primi anni ’90, ha reso pubblica la diagnosi di cancro alla gola nel 2014 e di cancro al retto nel 2021. Successivamente il cancro si è diffuso ai polmoni, richiedendo un intervento chirurgico in ottobre e dicembre. 2021.

In un articolo intitolato “Living with Cancer” pubblicato dalla rivista letteraria “Shinjo” nel giugno 2022, Sakamoto ha discusso in dettaglio la sua diagnosi di cancro e come l’ha superata.

L’articolo intitolato “Quante altre volte vedrò la luna piena?” La prima parte di una serie di articoli su Il musicista ha scritto nella rivista mensile, principalmente sulle sue attività musicali e le sue opinioni sulla vita e sulla morte.

In una dichiarazione sul lancio della serie, ha detto: “Essendo arrivato così lontano nella vita, spero di poter comporre fino al mio ultimo momento come il Bach e il Debussy che amo”.

Dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre nel 2001, Sakamoto è stata una delle poche celebrità giapponesi dell’industria dell’intrattenimento a rilasciare dichiarazioni politiche, tra cui affermando che la situazione che circonda gli attacchi è stata “creata dalla nazione egemonica degli Stati Uniti”.

Dopo che il terremoto di magnitudo 9.0 e il successivo tsunami hanno devastato il nord-est del Giappone nel 2011, è diventato il direttore musicale della Tohoku Youth Orchestra, composta da bambini colpiti dai disastri.

La foto d’archivio mostra Ryuichi Sakamoto (4° da L) in posa come direttore musicale della Tohoku Youth Orchestra a Tokyo il 31 marzo 2019. (Kyoto)

Nel marzo 2022, mentre combatteva contro il cancro allo stadio IV, Sakamoto ha partecipato al concerto della band a Tokyo, dove ha eseguito una nuova sinfonia che aveva composto, “Ima Jigan Ka Kadamui Te” (Now Time Is Leaning).

READ  Kyriakos Mitsotakis ha vinto le elezioni greche con una valanga di voti

La sinfonia si conclude con il rintocco delle campane, e spiega al pubblico dal palco che terremoti e guerre condividono la stessa preghiera per la pace delle anime uccise.

Il concerto si è svolto durante l’invasione russa dell’Ucraina e ha notato che la sinfonia aveva alcune somiglianze con l’inno nazionale ucraino, aggiungendo: “Ognuno di voi deve decidere se il suono delle campane (alla fine della sinfonia) suona come una supplica o una speranza.”

La cantautrice Akiko Yano è la sua ex moglie e la musicista Miu Sakamoto è sua figlia.


Copertura correlata:

Il compositore Ryuichi Sakamoto ha chiesto di interrompere il progetto di riprogettazione di Jingu

Yukihiro Takahashi, batterista della leggendaria band giapponese YMO, è morto all’età di 70 anni


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *