Disastro della barca di migranti greci: centinaia di dispersi potrebbero essere la “peggiore tragedia” del Mediterraneo



Cnn

L’affondamento di un barcone carico di migranti al largo delle coste greche potrebbe essere la “peggior tragedia” nel Mediterraneo, ha affermato la commissaria Ue per gli Interni Ylva Johansson.

C’erano decine di persone stati uccisi E altre centinaia sono scomparse all’inizio di questa settimana quando una barca in viaggio dalla città costiera libica di Tobruk verso l’Italia si è capovolta al largo della costa della Grecia. Il vero bilancio del disastro non è ancora chiaro.

“Non abbiamo tutte le informazioni su quello che è successo, ma sembra la peggiore tragedia che abbiamo visto nel Mediterraneo”, ha detto venerdì in una conferenza stampa a Bruxelles.

Ogni anno, decine di migliaia di migranti in fuga da guerre, persecuzioni, cambiamenti climatici e rischio di povertà hanno puntato i riflettori sulla crisi dei rifugiati nell’UE.

Johansson ha condannato il ruolo dei “contrabbandieri” che trasportano le persone sulle barche. “Non li stanno mandando in Europa, li stanno mandando a morte. Questo è quello che stanno facendo ed è assolutamente necessario impedirlo”, ha detto.

“Sfortunatamente, l’abbiamo visto arrivare perché dall’inizio di quest’anno c’era un nuovo sistema operativo con questi pescherecci in partenza dalla parte orientale della Libia… e quest’anno abbiamo visto un aumento del 600% in queste partenze”, ha detto, sottolineando la necessità di trovare modi diversi per combattere i trafficanti e salvare vite umane.

“Quando si tratta di combattere i trafficanti, non possiamo fare affidamento su un solo modo per farlo. Dobbiamo usare l’intelligence: dobbiamo usare indagini di polizia comuni con i paesi di origine, con i paesi di transito, con i paesi di partenza”, Egli ha detto.

READ  Donald Trump afferma di essere l'obiettivo di un'indagine penale di un avvocato speciale dopo le elezioni del 2020

Altre organizzazioni globali come l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) hanno chiesto “un’azione urgente e decisiva” per prevenire ulteriori morti nel Mediterraneo e “hanno sottolineato l’obbligo di soccorrere le persone in pericolo in mare senza ritardo . . .”

Le autorità greche hanno affrontato critiche su come è stato gestito il disastro.

Venerdì, hanno negato le affermazioni secondo cui la barca si è capovolta mentre la Guardia Costiera ha cercato di rimorchiarla a riva.

I funzionari inizialmente hanno detto che la Guardia Costiera ha mantenuto le distanze, ma dopo aver lanciato una corda alla nave per “verificare se fosse necessaria assistenza” la loro assistenza è stata “rifiutata”.

Tarek Aldroobi, che aveva tre parenti a bordo, ha detto alla CNN di aver visto le autorità greche rimorchiare la nave con delle funi, ma dice che erano legate nei “posti sbagliati” e che si è capovolta.

“La loro barca era in buone condizioni e la marina greca ha cercato di rimorchiarli fino alla spiaggia, ma le cime erano legate nei posti sbagliati”, ha detto Altrubi. “La barca si è capovolta quando la marina greca ha cercato di rimorchiarli”.

Parlando con l’emittente nazionale greca ERT, il portavoce del governo Ilias Siakanderis ha detto che la guardia costiera è arrivata due ore prima che la barca si capovolgesse a causa di un guasto al motore e che non vi fosse alcun collegamento tra i due.

“Il motore si è rotto all’1:40 ed è affondato alle 2:00, quindi non può esserci alcun collegamento (tra il momento in cui la Guardia Costiera si è avvicinata alla barca e il momento in cui è affondata)”, ha detto a ERT.

READ  Il prezzo delle azioni Meta aumenta al ritmo degli utili del primo trimestre, Zuckerberg Tooting AI

Anche la Guardia costiera ellenica ha difeso la sua risposta.

“Quando la barca si è capovolta, non eravamo nemmeno vicini alla barca. Come possiamo farcela? Lo ha detto alla Galileus Web il portavoce della Guardia Costiera Nikos Alexio.

Alexio ha raccontato che quando i migranti erano vicini alla barca, la loro motovedetta è riuscita a stabilizzarsi usando solo una piccola fune e loro non sono stati in grado di trainare il peschereccio.

“La nostra motovedetta non poteva rimorchiare il peschereccio”, ha detto.

Secondo Alexio, la Guardia Costiera aveva osservato la barca vicina ma non all’ancora, e ha iniziato ad avvicinarsi in seguito all’avvertimento che il motore della barca di migranti si era spento.

“Purtroppo c’è stato movimento di persone e per il panico la barca si è ribaltata per uno spostamento di peso. Una volta arrivati ​​sul posto, abbiamo iniziato le operazioni di soccorso”, ha spiegato.

Nel frattempo, un telefono di allarme non governativo ha affermato che la Guardia Costiera era a conoscenza del pericolo della barca ore prima che si capovolgesse.

Ha detto che la Guardia Costiera ha chiesto alla barca più volte questa settimana se aveva bisogno di aiuto e gli è stato detto di no. I funzionari hanno anche affermato in precedenza che poiché la barca si trova in acque internazionali, non possono intervenire senza chiedere aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *