Fonte – Blake Snell ha accettato un contratto biennale da 62 milioni di dollari con i Giants

Il lungo periodo di libera agenzia di Blake Snell è giunto al termine.

Il vincitore del Cy Young Award della National League ha firmato un contratto biennale da 62 milioni di dollari con i San Francisco Giants lunedì, 10 giorni prima che la sua nuova squadra aprisse la stagione regolare contro la sua ex squadra, i San Diego Padres, ha confermato una fonte. Jeff Basson di ESPN. L'accordo include anche la rinuncia dopo la prima stagione.

L'accordo di Snell – simile a quello dei colleghi clienti di Scott Boras Cody Bellinger e Matt Chapman, che hanno entrambi firmato dopo l'inizio dello spring training – gli dà un valore medio annuo più alto in cambio di una durata più breve del suo contratto, ma gli permette di ripetere. Entra nella free agency con la speranza di godere di un mercato molto più forte la prossima stagione.

Snell ha concluso quella che è stata un'offseason impegnativa per i Giants, che hanno raggiunto i playoff solo una volta negli ultimi sette anni e stanno cercando di aggiungere più potere da star a una squadra guidata dall'ormai tre volte manager dell'anno Bob Melvin.

I Giants hanno aggiunto un nuovo difensore centrale e battitore principale nel coreano Jung Hoo Lee, che ha firmato un contratto di sei anni da 113 milioni di dollari a dicembre, e una nuova mazza di mezzo ordine in Jorge Soler, che ha firmato un contratto di tre anni , accordo da 42 milioni di dollari a febbraio. Hanno anche scambiato per l'ex vincitore del Cy Young Award Robbie Ray, che non tornerà fino alla seconda metà dopo essersi ripreso dall'intervento di Tommy John, e hanno ingaggiato Jordan Hicks, che diventerà il titolare a tempo pieno.

Ma le loro mosse più grandi sono arrivate tardi, quando hanno ottenuto Chapman il 1 marzo con un contratto triennale da 54 milioni di dollari che includeva due opt-out, accettando di coinvolgere Snell 18 giorni prima.

Snell, 31 anni, ha trascorso gli ultimi tre anni con i Padres e ora tornerà in una divisione che ha ricevuto più di 1,2 miliardi di dollari in contanti, guidata da Shohei Ohtani, Yoshinobu Yamamoto e Tyler Glasnow dei Los Angeles Dodgers.

Venerdì Snell ha lanciato una partita simulata di quattro inning dalla sua città natale, Seattle. Gli Houston Astros, i Los Angeles Angels e i New York Yankees erano tra le squadre più frequentemente legate a Snell, ma l'offerta di breve durata dei Giants alla fine vinse.

Snell è uno dei sette lanciatori ad aver vinto il Cy Young Award sia nell'American League che nella National League, andando 14-9 con una ERA di 2,25 migliore della MLB per San Diego e vincendo il trofeo nel 2023. Ha ricevuto 28 voti su 30 al primo posto.

READ  Start-up nel Regno Unito per trasmettere video 4K dalla stazione spaziale

Nel 2018, Snell ha ricevuto 17 dei 30 voti al primo posto dopo aver pubblicato un'ERA di 1,89 in 31 partenze per i Tampa Bay Rays su Justin Verlander.

Snell è noto da tempo per alcune delle cose peggiori di qualsiasi mancino nel gioco, con una malvagia combinazione di palla spezza-palla veloce. Quando i Rays lo hanno reso disponibile per lo scambio dopo le World Series 2020, San Diego ha colto l'occasione per spostare quattro giocatori a mancino. Ha concesso il minor numero di valide per nove inning (5,8) di qualsiasi lanciatore idoneo al titolo ERA la scorsa stagione, cedendo solo 115 valide nei suoi 180 inning.

Tuttavia, alcune squadre erano preoccupate di fare offerte per lui in libera agenzia a causa dei suoi passati problemi di comando e incoerenza. L'anno dopo aver vinto il suo primo Cy Young Award, l'ERA di Snell salì a 4,29. La scorsa stagione, Snell ha guidato i principali campionati con 99 punti segnati.

L'accordo di Snell con i Giants è stato riportato per la prima volta dal New York Post.

Buster Olney di ESPN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *