Il presidente di Stanford si dimette dopo che il rapporto ha trovato difetti nella sua ricerca

Marc Tessier-Levigne ha sottoposto il suo lavoro scientifico a mesi di intenso esame dichiarato Mercoledì si è dimesso da presidente della Stanford University dopo che una revisione indipendente della sua ricerca ha rilevato difetti significativi negli studi che ha supervisionato decenni dopo.

IL RevisioneCondotto da un team di scienziati esterni, il Dr. Il lavoro di Tessier-Levin è stato confutato dall’affermazione più seria: uno studio fondamentale del 2009 sull’Alzheimer è stato oggetto di un’indagine che ha trovato dati falsi e il Dr. Tessier-Levigne l’ha chiusa.

Il panel ha concluso che le affermazioni “sembrano essere false” e che non vi erano prove di dati falsificati o che il dottor Tessier-Levigne fosse coinvolto in una frode.

Ma lo studio del 2009, condotto mentre era dirigente presso la società di biotecnologie Genentech, presentava “numerosi problemi” ed era “al di sotto dei consueti standard di rigore e processo scientifico” soprattutto per un documento così influente.

A seguito della revisione, il dott. Tessier-Lavigne ha detto che stava ritrattando un articolo del 1999 sulla rivista Cell e altri due nel 2001 sulla rivista Science. Altri due articoli pubblicati su Nature, incluso uno studio sull’Alzheimer del 2009, subiranno quelle che sono state descritte come ampie revisioni.

Stanford è nota per la sua leadership nella ricerca scientifica e, sebbene le affermazioni riguardassero lavori pubblicati prima che il Dr. Tessier-Levigne arrivasse all’università nel 2016, le accuse si riflettono male sull’integrità dell’università.

In una dichiarazione che dettaglia i motivi delle sue dimissioni, il Dr. Tessier-Levigne ha dichiarato: “Mi aspetto che il rapporto e le sue conclusioni continueranno a essere discussi, almeno, portando a una discussione sulla mia capacità di guidare l’università nel nuovo anno accademico”. Tessier-Lavigne, 63 anni, si dimetterà da presidente alla fine di agosto ma rimarrà all’università come professore di biologia.

L’università ha nominato Richard Saller, professore di studi europei, come presidente ad interim, a partire dal 1 settembre.

READ  La Corte Suprema si pronuncia contro il postino cristiano per essersi rifiutato di lavorare la domenica

Le accuse sono emerse per la prima volta diversi anni fa contro Pappir, una piattaforma di crowdsourcing online per la pubblicazione e la discussione di lavori scientifici. Ma sono riemersi dopo che il giornale studentesco, The Stanford Daily, ha pubblicato una serie di articoli che mettevano in dubbio l’accuratezza e l’integrità del lavoro prodotto nei laboratori supervisionati dal Dr. Tessier-Levigne.

In qualità di presidente di Stanford, il Dr. Tessier-Lavigne ha lanciato la Doerr School of Sustainability, la prima nuova scuola dell’università in 70 anni. La scuola, che ha aperto lo scorso anno, mira ad affrontare il cambiamento climatico.

Sulla base del rapporto di 89 pagine del panel, più di 50 interviste e una revisione di oltre 50.000 documenti, i membri dei laboratori del Dr. Desier-Levine si sono occupati di una gestione inappropriata dei dati di ricerca o di pratiche scientifiche imperfette.

In diversi casi, il team ha scoperto che i Drs. Tessier-Levigne non ha adottato misure sufficienti per correggere gli errori e ha messo in dubbio la sua decisione di non chiedere una correzione nel documento del 2009 dopo aver rivelato che la sua scoperta chiave non era corretta.

Le omissioni citate dal comitato includevano un totale di 12 articoli in cui il Dr. Tessier-Levigne era elencato come autore principale o coautore. In qualità di noto neuroscienziato, ha pubblicato più di 200 articoli, concentrandosi principalmente sull’eziologia e il trattamento delle malattie degenerative del cervello. A partire dagli anni ’90, ha lavorato in diverse istituzioni, tra cui Stanford, Rockefeller University, University of California, San Francisco e Genentech, una società di biotecnologie.

Lo Stanford Daily ha riportato per primo la storia Affermazioni Le immagini sono state manipolate in articoli pubblicati lo scorso novembre che elencavano il Dr. Tessier-Levigne come autore principale o coautore.

A febbraio, il giornale del campus ha riferito che mentre uno scienziato senior della Genentech, il dott. Un articolo del 2009 pubblicato da Tessier-Levigne ha pubblicato un articolo con affermazioni più gravi di frode.

READ  Axiom-2 pronto per il volo spaziale privato

Lo Stanford Daily riferisce che l’indagine di Genentech ha rilevato che lo studio del 2009 conteneva dati falsificati e che il dott. Ha anche affermato che Tessier-Levigne è stato diagnosticato. Ha cercato di nascondere le sue scoperte.

Ha anche riferito che Genentech, un ricercatore post-dottorato che ha lavorato allo studio, è stato sorpreso con dati falsi.

Dott. Tessier-Lavigne e l’ex ricercatore, ora medico in Florida, hanno fortemente negato le affermazioni, basandosi pesantemente su fonti anonime.

Notando che in alcuni casi non è stato possibile identificare le fonti anonime citate nella storia dello Stanford Daily, la giuria ha affermato che l’affermazione del Daily secondo cui “Genentech ha condotto un’indagine per frode e ha scoperto una frode” nello studio “sembra essere falsa”. Nessuna indagine di questo tipo è stata condotta, afferma la dichiarazione.

A seguito del rapporto iniziale del giornale sulle indagini di manipolazione a novembre, il consiglio di amministrazione di Stanford ha creato un comitato speciale presieduto dal fiduciario di Stanford ed ex procuratore federale Carol Lam. Il comitato speciale ha incaricato Mark Phillips, un ex giudice federale dell’Illinois, e il suo studio legale, Kirkland & Ellis, di condurre la revisione.

A gennaio il sig. Secondo quanto riferito, Philip ha guidato un gruppo scientifico di cinque membri – che includeva un premio Nobel e un ex presidente di Princeton – per esaminare le affermazioni da una prospettiva scientifica.

Genentech ha salutato lo studio del 2009 come una svolta, il dott. Tessier-Levigne una volta classificò i risultati. presentazione Un modo completamente nuovo e diverso per gli investitori Genentec di guardare al processo della malattia di Alzheimer.

Lo studio si è concentrato sul ruolo precedentemente sconosciuto di una proteina cerebrale chiamata recettore della morte 6 nello sviluppo del morbo di Alzheimer.

READ  Jill Biden esamina più da vicino la siccità dell'Africa orientale

Come per molte nuove teorie sull’Alzheimer, la scoperta centrale dello studio è risultata errata. Dopo anni di tentativi di replicare i risultati, Genentech alla fine ha abbandonato il processo.

Dott. Tessier-Lavigne ha lasciato Genentec nel 2011 per dirigere la Rockefeller University, ma, mentre era con la società, ha pubblicato lavori successivi ammettendo di non aver confermato le aree chiave della ricerca.

Più recentemente, il dottor Tessier-Levigne ha dichiarato alla pubblicazione di settore Stat News di aver affermato di aver riscontrato incongruenze nei risultati dei test. campioni di proteine ​​impure.

Dott. Il laboratorio Genentech di Tessier-Levin non è riuscito a confermare la purezza dei campioni, uno dei problemi di processo scientifico citati dal team, che il Dr. L’articolo originale di Tessier-Lewin è stato criticato per non averlo corretto come “sofisticato” ma entro i limiti della pratica scientifica.

Nella sua dichiarazione, la dottoressa Tessier-Levigne ha affermato che Cell e Science hanno cercato di pubblicare correzioni ai giornali, ma Cell ha rifiutato di pubblicare una correzione e Science non ha pubblicato dopo aver accettato di farlo.

I risultati del team hanno confermato un rapporto pubblicato da Genentech ad aprile disse La revisione interna delle affermazioni dello Stanford Daily non ha trovato prove di “frode, fabbricazione o altri illeciti intenzionali”.

La maggior parte del rapporto del panel, circa 60 pagine, è un’appendice dettagliata dell’analisi delle immagini in 12 articoli scientifici pubblicati, in cui Drs. Tessier-Levigne è stato editore o co-editore, alcuni già da 20 anni.

Il comitato ha trovato diversi casi di immagini copiate o estratte dai giornali, ma ha concluso che il dottor Tessier-Levigne non aveva partecipato alla manipolazione, non ne era a conoscenza in quel momento e non è stato negligente nel non averle rilevate.

Olivier Wang Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *