La Corte Suprema si pronuncia contro il postino cristiano per essersi rifiutato di lavorare la domenica

WASHINGTON – Giovedì la Corte Suprema ha reso più facile per i dipendenti cercare sistemazioni religiose in un caso promosso da un postino cristiano evangelico che impediva loro di lavorare la domenica.

Il caso riguardava un reclamo presentato da un residente della Pennsylvania. Gerald GrafDice che il servizio postale degli Stati Uniti potrebbe aver accolto la sua richiesta di essere libero dai turni domenicali, sulla base della sua convinzione religiosa che sia un giorno di culto e di riposo.

“Spero che questa decisione permetta ad altri di mantenere la propria fede senza vivere nella paura di perdere il lavoro”, ha dichiarato giovedì Graf in una dichiarazione.

Il suo caso tornerà ora ai tribunali di grado inferiore per ulteriori udienze sulla sua validità secondo il nuovo standard.

In una dichiarazione, la portavoce del servizio postale Felicia Ladd ha affermato che è “pienamente coerente con gli standard che utilizziamo quando cerchiamo di accogliere le credenze, le pratiche e le pratiche religiose sincere dei nostri dipendenti”.

Pertanto, il servizio postale prevede di prevalere in ultima analisi in questo caso.

Groff ha sostenuto che sarebbe più difficile per i dipendenti presentare reclami religiosi ai sensi del titolo VII del Civil Rights Act, che proibisce la discriminazione sul posto di lavoro su vari fronti, inclusa la religione.

I giudici hanno chiarito in una decisione unanime scritta dal giudice conservatore Samuel Alito Trans World Airlines v. Una decisione della Corte Suprema del 1977 nota come Hardison. La Corte ha ritenuto che i datori di lavoro non sono tenuti a fare accomodamenti se impongono un onere minimo, o anche il termine latino preferito dalla corte, “de minimis”.

READ  Joey Chestnut e Miki Sudo vincono la famosa gara di mangiatori di hot dog di Nathan

Tale sentenza si basa sul linguaggio del Titolo VII, in cui si afferma che un datore di lavoro può negare un alloggio solo quando vi è “un indebito disagio”.

Giovedì, il tribunale ha stabilito che le difficoltà devono essere minime.

In futuro, “i tribunali dovranno decidere se un disagio è sostanziale nel contesto dell’attività di un datore di lavoro, utilizzando il metodo generale utilizzato per applicare tale test”, ha scritto Alito.

Groff, un impiegato non professionista, è stato vicedirettore delle poste nell’area di Lancaster, in Pennsylvania, dal 2012 al 2019, quando si è dimesso. Il suo compito era quello di sostituire quando altri lavoratori non erano disponibili, anche nei fine settimana e nei giorni festivi.

Inizialmente a Groff non era stato chiesto di lavorare la domenica, ma la situazione è cambiata dal 2015, poiché i pacchi Amazon dovevano essere consegnati quel giorno. Sulla base della sua richiesta di alloggio, i suoi dirigenti hanno disposto che altri impiegati delle poste consegnassero i pacchi la domenica fino a luglio 2018. Successivamente, Groff ha affrontato un’azione disciplinare se non è andato a lavorare.

Groff si è dimesso e ha citato in giudizio il servizio postale per non aver accolto la sua richiesta. Un giudice federale ha affermato che il servizio postale aveva fornito una sistemazione ragionevole e che fornire qualcosa di più avrebbe causato un disagio eccessivo al datore di lavoro e ai colleghi di Groff. La terza corte d’appello del circuito degli Stati Uniti con sede a Filadelfia ha concordato in una sentenza nel maggio 2022.

Gruppi che rappresentano denominazioni cristiane e altre fedi religiose hanno presentato memorie a sostegno di Groff, tra cui l’American Hindu Alliance, l’American Sikh Alliance e il Council on American-Islamic Relations.

READ  Le azioni Amazon sono scese sugli utili, gli utili battuti a causa del taglio dei costi

Le donne musulmane, che spesso indossano il velo noto come hijab, sono spesso vittimizzate a causa del precedente della Corte Suprema che favorisce i datori di lavoro, secondo la memoria del CAIR. Ciò è in parte dovuto al fatto che le politiche uniformi non tengono conto dell’hijab. L’organizzazione ha affermato che a causa di ciò le donne musulmane stanno perdendo opportunità di lavoro.

L’American Postal Workers Union, che conta circa 200.000 membri, ha presentato una breve ammonizione al tribunale secondo cui la sentenza a favore di Groff, che crea una “opzione religiosa” per programmare il lavoro nel fine settimana, svantaggierebbe altri lavoratori che non la condividono. Credo religioso.

Gerald Groff, un ex impiegato delle poste, vedrà il suo caso discusso a marzo a Holdwood, in Pennsylvania, presso la Corte Suprema.Caroline Castor/Archivio AP

Americans for Separation of Church and State, che sostiene la separazione della religione dal governo e ha depositato una memoria in tribunale a sostegno del datore di lavoro, ha espresso sollievo per il fatto che la sentenza non sia andata oltre.

“Lo standard ‘chiarito’ della corte consente ai datori di lavoro di continuare a considerare gli oneri che una sistemazione richiesta da un dipendente può comportare per i colleghi”, ha dichiarato il presidente del panel Rachel Lazer in una nota.

Quando la corte aveva una maggioranza conservatrice di 5-4 nel 2020, Ha rifiutato di ascoltare un caso simile Un dipendente che lavorava in un call center di Walgreens come avventista del settimo giorno ha chiesto di non lavorare il sabato, il sabato cristiano.

Tuttavia, tre giudici conservatori, a Rapporto All’epoca si dissero aperti all’idea di rivedere la definizione della sentenza del 1977 di “indebito disagio”. Subito dopo che il caso è stato archiviato, il giudice liberale Ruth Bader Ginsburg è morto e il presidente Donald Trump ha nominato il giudice Amy Coney Barrett, creando una maggioranza conservatrice di 6-3 a favore delle rivendicazioni religiose.

READ  Almeno 78 morti nella fuga precipitosa dello Yemen durante l'evento di beneficenza del Ramadan

Dopo che Barrett si è unito alla corte, i giudici si sono dimessi nel 2021 Molti casi Ha chiesto loro di rivedere la sentenza del 1977, ma il tribunale si è pronunciato a favore di altre rivendicazioni religiose, molte delle quali si sono concluse nel giugno 2022. Tra questi, il tribunale si è pronunciato a favore di un allenatore di football del liceo pubblico. Ha detto di aver perso il lavoro dopo aver pregato sul campo dopo la partita.

Correzione (29 giugno 2023, 16:20 ET): una versione precedente di questo articolo indicava erroneamente la data della decisione della corte d’appello nel caso. È maggio 2022, non maggio 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *