I mercati petroliferi e azionari ignorano i timori di una guerra più ampia dopo l’attacco iraniano a Israele

Apri Editor's Digest gratuitamente

Lunedì i mercati azionari e petroliferi sono rimasti in sordina in seguito all'attacco militare dell'Iran contro Israele, con gli operatori che si sono scrollati di dosso i timori che il conflitto possa degenerare in una guerra totale e frenare le forniture dalla regione.

Lunedì mattina il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, è sceso dell'1% a 89,52 dollari al barile. Il titolo statunitense West Texas Intermediate è sceso dell’1,2% a 84,63 dollari al barile.

La reazione sommessa ha suggerito che i mercati stavano scommettendo che le conseguenze dello sciopero sarebbero state contenute dopo che l’Iran avesse trattato la questione come “definitiva” e Washington avesse cercato di disinnescare le tensioni.

I trader stavano osservando con ansia come avrebbe reagito il mercato dopo che sabato la Repubblica Islamica aveva lanciato il suo primo attacco contro Israele dal proprio territorio. Teheran ha inviato droni e missili allo Stato ebraico come rappresaglia per un presunto attacco israeliano alla sua ambasciata a Damasco che ha ucciso diversi comandanti militari.

Daniel Hines, senior strategist delle materie prime presso ANZ Bank, ha affermato che gli attacchi sono stati ben telegrafati e hanno alleviato le preoccupazioni del mercato petrolifero. “C'è stato un aumento dei prezzi del petrolio prima del fine settimana, quindi è stato creato un premio di prezzo geopolitico prima di questo evento”, ha detto.

I mercati azionari erano sottotono. L'indice regionale europeo Stoxx 600 è salito dello 0,3%, sostenuto dalla forte performance dei gruppi industriali e dei consumatori. Il vivace FTSE 100 di Londra è sceso dello 0,5%.

READ  Da Twitter a X: Elon Musk si propone di distruggere un marchio Internet iconico

L'indice di riferimento cinese CSI 300 delle azioni quotate a Shanghai e Shenzhen è aumentato dell'1,9% poiché gli investitori hanno assimilato le nuove indicazioni dell'autorità di regolamentazione dei titoli del paese.

L'indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,7%, mentre il benchmark giapponese TOPICS è sceso dello 0,5%.

L'oro, un bene rifugio, è salito a 2.355 dollari l'oncia troy.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato Israele ad adottare un approccio misurato nella sua risposta. Il gabinetto di guerra del primo ministro Benjamin Netanyahu si è riunito domenica ma non ha preso alcuna decisione su come il Paese avrebbe reagito.

Gli esperti hanno avvertito che una dura risposta da parte di Israele potrebbe intensificare il conflitto, limitare le forniture di petrolio dalla regione e aumentare i prezzi.

“Una significativa ritorsione israeliana potrebbe innescare un ciclo di ritorsioni destabilizzante e spostare questo conflitto su una scala di escalation”, ha affermato Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime presso RBC Capital Markets ed ex analista della CIA. “In tali circostanze, riteniamo che il rischio per il petrolio non sia piccolo.”

Ha aggiunto: “Sebbene l’Iran non abbia la capacità di chiudere lo Stretto di Hormuz, conserva la capacità di replicare il programma del 2019 di attaccare petroliere, oleodotti e infrastrutture energetiche critiche”.

I prezzi del petrolio sono saliti ai livelli più alti da ottobre nelle ultime settimane in seguito all’attacco a Damasco, mentre i mercati valutavano la possibilità di un’escalation del conflitto che potrebbe influenzare le forniture del Golfo.

Bob McNally, presidente della società di consulenza Rapidan Energy ed ex consigliere energetico del presidente americano George W. Bush, ha affermato che le conseguenze dell'attacco iraniano potrebbero ancora spingere i prezzi “oltre i 100 dollari al barile”.

READ  Lance Reddick, protagonista di 'The Wire' e 'John Wick', è morto a 60 anni

“Il mercato era compiacente riguardo al conflitto di Gaza che si stava intensificando fino a includere l'Iran, quindi il petrolio del Golfo Arabico e [liquefied natural gas] produzione ed esportazione”, ha affermato.

L’intensificarsi del conflitto sta sconvolgendo un mercato petrolifero già teso a livello globale, con la domanda in aumento nelle principali economie come Stati Uniti e Cina mentre i produttori dell’OPEC+ frenano l’offerta.

“Gli Stati Uniti e la Cina rischiano di perdere da un'escalation del conflitto, poiché avrà un impatto significativo sulle esportazioni di energia dalla regione, sui prezzi del petrolio e sull'economia globale”, ha affermato Ayham Kamel, responsabile della divisione Medio Oriente e Medio Oriente della società di consulenza. Regione del Nord Africa. Gruppo dell'Eurasia.

Qualsiasi aumento dei prezzi arriverebbe in un momento particolarmente delicato per Biden, che ha faticato a vendere agli elettori il suo record economico in vista delle elezioni di novembre in un contesto di inflazione ostinatamente elevata.

Un ulteriore aumento dei prezzi del greggio minaccia di aggravare i prezzi già gonfiati alla pompa mesi prima che gli americani si rechino alle urne. Secondo AAA Motor Group, il prezzo medio della benzina negli Stati Uniti è di 3,63 dollari al gallone, in aumento di circa il 15% dall’inizio dell’anno.

“È difficile sopravvalutare quanto un aumento dei prezzi del petrolio sarebbe geopoliticamente sgradevole sia per l’economia che per la rielezione del presidente Biden”, ha affermato McNally.

Report aggiuntivi di William Sandlund a Hong Kong

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *