La Guardia Costiera degli Stati Uniti afferma che “presunti resti umani” sono stati trovati nel campo di detriti del sottomarino Titan

Nota dell’editore: per scoprirlo Ecco l’ultima copertura.



Cnn

I detriti e le prove recuperate dal fondo del mare includevano “presunti resti umani”. Il Titano distrutto è sommergibileLa guardia costiera degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì che i suoi resti erano stati trovati.

La Guardia Costiera ha detto che i resti sono stati recuperati “tra i rottami” del sottomarino. comunicato stampa – L’annuncio arriva quasi una settimana dopo che i funzionari hanno confermato che il Titanic era a bordo esploso Nel Nord Atlantico, uccidendo tutti Cinque persone a bordo.

IL Considerato residualeIl ramo militare ha detto che sarà esaminato da esperti medici statunitensi, tra gli altri oggetti del sottomarino, arrivato mercoledì a un molo canadese.

Pelagic Research Services, la società che possiede i veicoli telecomandati che hanno portato in superficie i resti di Titano, ha ora “completato con successo” la missione oceanica, ha detto alla CNN.

Tra i detriti prelevati dalla nave che manovrava l’ancora c’era un pezzo bianco simile a un pannello – più alto dei due uomini che lo guidavano a riva – e un altro pezzo delle stesse dimensioni costituito da funi e fili ricoperti di catrame bianco. Orizzonte Artico Alla Guardia Costiera canadese a St. John’s, Terranova e Labrador, foto di The Canadian Press Paul Daly.

Paul Daly/The Canadian Press/AP

I detriti del Titano, recuperati dal fondo dell’oceano, sono stati scaricati mercoledì dalla nave della Guardia Costiera canadese Horizon Arctic a St. John’s.

Non è stato subito chiaro quali fossero i pezzi. Il Titan è realizzato in fibra di carbonio e titanio e pesa 23.000 libbre. Solo cinque adultiSecondo OceanGate Expeditions, gestiva l’imbarcazione come parte della sua offerta Turisti seri Avvicinati al secolare relitto del Titanic per $ 250.000 a persona.

READ  Svelare l'anosognosia: rivelare le reti cerebrali nascoste nell'ignoranza

I membri del team “hanno lavorato 24 ore su 24 per 10 giorni attraverso le sfide fisiche e mentali di questa operazione e sono ansiosi di completare la missione e tornare dai loro cari”, ha affermato la società in una nota.

Pelagic Research Services ha rivolto domande alla Guardia Costiera degli Stati Uniti, il cui team non ha potuto commentare o fornire alcuna informazione correlata. Indagine Nella tana del titano. Ha detto che la società terrà una conferenza stampa nella sua sede di East Aurora, New York, “dopo che il nostro team si sarà riorganizzato”.

Un portavoce del Transportation Safety Board of Canada ha rifiutato di commentare alla CNN, affermando che sono necessarie ulteriori informazioni sulla sua indagine.

Il sottomarino OceanGate e i suoi cinque passeggeri hanno iniziato la loro discesa verso il relitto del Titanic di 111 anni la mattina del 18 giugno. Ma a circa un’ora e 45 minuti dall’affondamento, la nave arenata ha perso il contatto con la sua nave madre. Non è andata come previsto, innescando una massiccia operazione di ricerca e salvataggio multinazionale di un giorno che ha attirato l’attenzione del mondo.

David Hiscock/Reuters

Una vista della nave Horizon Arctic, i sottomarini recuperati da Titan da Oceangate Expeditions, è stata restituita al porto di St. John a Terranova mercoledì.

Giovedì, la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha annunciato che la nave era stata danneggiata “Esplosione catastrofica” Ha ucciso tutti a bordo.

Il cono di coda e altri detriti del sottomarino sono stati recuperati da un veicolo telecomandato a circa 1.600 piedi dal Titanic.

Durante il fine settimana, ha detto il ramo militare È stato convocato il Maritime Intelligence Board Indagare su cosa ha causato l’epidemia e formulare possibili raccomandazioni per “perseguire sanzioni civili o penali appropriate”.

READ  Perché Netflix ha ritardato il giro di vite sulla condivisione delle password

Nel suo comunicato stampa mercoledì, la Guardia Costiera ha affermato che il personale che lavora con la squadra investigativa stava raccogliendo prove e interrogando testimoni. In vista dell’attesa udienza pubblica Per ulteriori testimonianze.

“C’è ancora molto lavoro da fare per comprendere i fattori che hanno portato alla catastrofica perdita del Titano e per contribuire a garantire che una simile tragedia non si ripeta”, ha affermato il capitano Jason Neubauer, capo dell’investigazione. squadra, ha detto mercoledì. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *