La NASA e Axiom svelano nuove tute spaziali per la missione lunare Artemis III

Nello spazio, le tute lunari sono l’apice della moda e mercoledì i funzionari della NASA hanno elogiato ciò che indosseranno gli astronauti quando metteranno piede sulla luna nei prossimi anni.

“Stiamo sviluppando una nuova generazione di tute spaziali”, ha dichiarato l’amministratore associato della NASA Robert T. Cabana ha svelato il nuovo outfit durante un evento a Houston.

Le ultime tute spaziali lunari – nere con riflessi arancioni e blu – provengono da Axiom Space a Houston.

Tornando a questa impresa privata, la NASA si affida ancora una volta a nuove società spaziali commerciali in grado di costruire componenti chiave in modo rapido ed economico.

La società SpaceX di Elon Musk segue lo stesso modello utilizzato dalla NASA per portare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale e sulla superficie lunare dove sono state progettate le tute Axiom.

La tuta lunare è un componente chiave necessario per il programma Artemis, che rimanderà gli astronauti sulla luna, poiché la NASA deve affrontare la crescente concorrenza della crescente industria aerospaziale cinese nello spazio e sulla luna. Le tute Axiom saranno indossate durante la prima missione di allunaggio del progetto, Artemis III, prevista per il 2025.

Durante l’inaugurazione mercoledì su un palco dello Space Center Houston, James Stein, l’ingegnere capo della tuta, ha mostrato come potrebbe facilmente accovacciarsi e muoversi attorno all’ingranaggio lunare. La grande bolla trasparente intorno alla testa fornisce un’ampia visione e illuminazione, che sarà importante quando gli astronauti entreranno nei crateri ombra vicino al polo sud della luna, dove la NASA spera di studiare il ghiaccio d’acqua sul fondo dei crateri freddi e ombra. Ha anche un supporto per una fotocamera ad alta definizione.

Gli astronauti entrano ed escono dalla tuta spaziale attraverso un portello nella parte posteriore.

“Ci metti i piedi, ci metti le mani e poi indossi una specie di vestito lucido”, ha detto Russell Ralston, responsabile del programma associato per le operazioni extraveicolari presso Axiom Space. “Allora chiuderemo il portello.”

Ma il prototipo mostrato mercoledì non stava esattamente andando sulla luna. Per prima cosa, i veri abiti sono bianchi invece che scuri, riflettendo il calore invece di assorbire la luce solare. Inoltre, l’attuale rivestimento esterno impedisce alle parti interne di sfregare o danneggiarsi durante i test a terra. Per la Luna, ci sarebbe uno strato esterno di isolamento per proteggere l’astronauta da temperature estreme, radiazioni e polvere.

Axiom è guidato da Michael Saffredini, che in precedenza è stato responsabile del programma della NASA per la Stazione Spaziale Internazionale. L’azienda si concentra principalmente sull’orbita terrestre bassa, inviando astronauti privati ​​sulla ISS e costruendo un modulo privato da aggiungere alla stazione spaziale. Una variante della tuta lunare può essere utilizzata sulla futura stazione spaziale privata Axiom per le passeggiate nello spazio.

L’esternalizzazione dello sviluppo di tute spaziali è un’importante correzione di rotta per la NASA, che ha speso anni e centinaia di milioni di dollari per sviluppare la propria tuta chiamata Exploration Extravehicular Mobility Unit, o xEMU. Le tute xEMU avevano lo scopo di sostituire le vecchie tute utilizzate per le prossime missioni lunari e le passeggiate nello spazio sulla Stazione Spaziale Internazionale.

“Non abbiamo avuto una nuova tuta dalle tute che abbiamo progettato per lo space shuttle, che sono attualmente in uso sulla stazione spaziale”, ha dichiarato Vanessa Wyche, direttrice del Johnson Space Center della NASA, la casa degli astronauti della NASA. . “Quindi per 40 anni abbiamo utilizzato la stessa tuta basata su quella tecnologia.”

Nel 2019, i funzionari della NASA hanno mostrato con entusiasmo un prototipo di xEMU in rosso, bianco e blu patriottico, descrivendo in dettaglio come avrebbe fornito una maggiore flessibilità per camminare, piegarsi e torcersi.

“Ricordi Neil Armstrong e Buzz Aldrin – sono saltati come coniglietti sulla superficie della luna”, ha detto l’allora amministratore della NASA Jim Bridenstine all’evento del 2019. “Bene, ora cammineremo davvero sulla superficie della luna, che è molto diversa dalle nostre tute in passato.”

READ  Blinken ha incontrato il ministro degli Esteri cinese Qin Gang

Ma l’audit di un ispettore generale della NASA nell’agosto 2021 ha concluso che le tute spaziali della NASA non saranno pronte fino all’aprile 2025 al più presto. Quando l’audit è stato pubblicato, la NASA stava già sollecitando idee dall’industria spaziale.

Nel giugno dello scorso anno, la NASA ha selezionato due società, Axiom e Collins Aerospace, per sviluppare le future tute spaziali della NASA per la Luna e i premi ISS varranno 3,5 miliardi di dollari per le società entro il 2034. Solo Axiom e Collins hanno presentato offerte complete per il contratto.

A settembre, Axiom ha vinto la prima tranche: 228 milioni di dollari per lo sviluppo del Moon Suit.

La NASA ha fornito i requisiti per la tuta lunare per accedere al lavoro e all’esperienza della NASA con le precedenti tute spaziali, inclusa la xEMU. Axiom manterrà la proprietà delle tute, anche se gli astronauti della NASA le usano.

“Pensalo come un’auto a noleggio”, ha detto Laura Kearney, la manager della NASA che supervisiona il programma delle tute spaziali. “Quindi Axiom fornirà l’hardware sia per l’addestramento che per il volo. Loro porteranno quell’hardware e noi, la NASA , lo userà e lo farà scorrere sulla superficie della luna per il nostro moonwalk.”

I funzionari di Axiom hanno affermato che metà del loro design è basato su xEMU. Include stivali, bolla del casco e parte superiore del busto. “La NASA ha fatto uno sforzo enorme per progettare quella parte superiore rigida del busto”, ha dichiarato Mr. disse Ralston. “Abbiamo cambiato un paio di piccoli dettagli, ma per la maggior parte si tratta di un trasferimento diretto”.

Axiom aggiunge innovazione nel design ai professionisti dei settori automobilistico, petrolifero e del gas e teatrale. La tuta pressurizzata – la parte che impedisce all’aria di fuoriuscire nello spazio – e i guanti sono due esempi di componenti progettati dagli ingegneri Axiom, ha affermato Mark Greeley, project manager per le operazioni extraveicolari presso Axiom.

READ  Il maltempo ritarda di 24 ore il lancio del satellite Arabsat SpaceX

Le nuove tute si adattano a più persone rispetto alle attuali tute spaziali.

“Abbiamo componenti di diverse dimensioni che possiamo scambiare – medi, grandi e piccoli, se vuoi – con componenti diversi”, ha detto Mr. disse Ralston. “Ma all’interno di ciascuna di queste taglie, possiamo regolare dove qualcuno ha bisogno che l’indumento si adatti: la lunghezza della gamba o la lunghezza del braccio o cose del genere.”

La NASA sostiene di essere sulla buona strada per atterrare sulla luna entro il 2025. L’amministrazione Biden chiede più di 27 miliardi di dollari per la NASA il prossimo anno, un aumento del 7% e una spinta significativa per Artemis.

La prima missione Artemis, Artemis I, è stata lanciata senza equipaggio a novembre, testando la capsula Orion che avrebbe portato gli astronauti in orbita lunare e sarebbe tornato sulla Terra. La missione ha avuto successo, anche se non perfetta. Lo scudo termico di Orion ha funzionato abbastanza bene da proteggere il veicolo spaziale durante il rientro nell’atmosfera, ma non è stato progettato per farlo.

“Abbiamo avuto più rilascio di materiale bruciato durante il rientro prima dell’atterraggio di quanto ci aspettassimo”, ha detto Howard Hu, manager del programma Orion della NASA, durante una conferenza stampa la scorsa settimana.

La missione Artemis II, prevista per il prossimo anno, trasporterà per la prima volta degli astronauti: tre americani e un canadese. L’equipaggio rimarrà nella capsula e non avrà bisogno di tute lunari. La NASA prevede di annunciare l’equipaggio di Artemis II il 3 aprile.

Almeno uno dei due astronauti che cammineranno sulla luna durante Artemis III sarà una donna, ha detto la NASA.

“Quando quella prima donna mise piede sulla superficie della Luna a bordo di Artemis III”, l’amministratore associato della NASA Mr. “Indosserà una tuta spaziale Axiom”, ha detto Cabana mercoledì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *